FED ATLANTA: PIL USA ad un passo dalla recessione

Scritto il alle 10:45 da Danilo DT

Ok, lo studio della FED di Atlanta sul PIL USA, il noto GDPNow, sempre stato molto “aggressivo” nelle aspettative, nel bene e nel male. Ma la cosa secondo me “clamorosa” è la lettura estremamente pericolosa che fa del PIL. Signori, siamo ad un passo dalla contrazione. Infatti la FED di Atlanta vede un PIL 2021 per il terzo trimestre pari allo 0,5%.

(…) The GDPNow model estimate for real GDP growth (seasonally adjusted annual rate) in the third quarter of 2021 is 0.5 percent on October 19, down from 1.2 percent on October 15. After recent releases from the US Census Bureau and the Federal Reserve Board of Governors, the nowcasts of third-quarter real personal consumption expenditures growth and third-quarter real gross private domestic investment growth decreased from 0.9 percent and 10.6 percent, respectively, to 0.4 percent and 8.4 percent, respectively. (…) [Source

In realtà i motivi di preoccupazione ci sono tutti, ma una cosa è il rallentamento, una cosa è una frenata con il rischio del testa coda. Al momento le trimestrali reggono bene, ma qualcosa non torna.

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se sei interessato agli argomenti qui espressi e vorresti approfondirli, contattami!
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)
(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!).

Tags: ,   |
Nessun commento Commenta

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

#8-21: quale sarà l'asset class con il maggiore incremento di AUM?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+