COVID-19: la salute NON prima di tutto

Scritto il alle 19:02 da Danilo DT

La Germania non ci sta e scommette. Si, perché di scommessa si tratta. Negli ultimi giorni in Germania, come in tutti i paesi dell’Europa e non solo, c’è stata un’esplosione di contagi dovuti al COVID-19, alias Coronavirus.
L’Italia è ormai in questa fase di “lockdown” (chiusura generale) da giorni e ancora non si vedono concretamente gli effetti benefici di questa situazione. Anzi, come è noto addirittura abbiamo avuto un ulteriore giro di vite.
Invece in Germania no. Anzi, la Merkel ci dice preoccupata ma molto contenta nel vedere come si stanno comportando i tedeschi.
Una presa di posizione nel nome dell’economia. Insomma, la salute NON prima di tutto. COMPLIMENTI!

Ma la cosa bella è che il grafico mi sembra abbastanza chiaro. Un comportamento che sarebbe difendibile SE la curva dei contagi fosse strutturata diversamente. Ed invece ecco come si presenta.

La progressione è perfettamente collimante con quella della Spagna, quindi addirittura maggiore di quella italiana (noi siamo con una progressione del 13.5% mentre Spagna e Germania viaggiano a 22%).
I dati teutonici sono preoccupanti. Forse non abbastanza per la Merkel.

(ANSA)  – BERLINO, 22 MAR – Sono saliti a 18.610 (1.948 in più rispetto al giorno precedente) i casi positivi al Coronavirus, secondo i dati ufficializzati dal Robert Koch Institut (aggiornati alla mezzanotte di oggi). Cinquantacinque il numero delle vittime, secondo gli aggiornamenti riferiti sul sito del ministero della Salute. Il Land più colpito sarebbe adesso il Baden-Wuerttemberg con 3807 casi. Seguono la Baviera con 3.650 e il Nordreno Vestfalia con 3.545. Berlino registra 1024 casi.

Malgrado questo, ecco cosa è successo. C’è stato un incontro decisivo tra Angela Merkel ed i ministri e presidenti dei Laender, per discutere di un’eventuale forma di Lockdown, che armonizzi la condotta dei tedeschi. Le limitazioni al movimento sono state finora regolate a livello regionale: amministrazioni locali come quelle di Baviera, Nordreno-Vestfalia, la città di Amburgo e il Saarland hanno emanato i primi divieti venerdì scorso sui rispettivi territori di competenza. Sul cosiddetto “Ausgangssperre” (il lockdown appunto) il dibattito è aperto da giorni, e la politica è divisa.

Germany will ban public meetings of more than two people unless they are about work on slowing the spread of the coronavirus, the premier of North Rhine-Westphalia state said on Sunday. “The danger lies in the direct social interaction,” state premier Armin Laschet said, adding that the federal government and regional states had agreed on the stricter rules.

Ma alla fine l’accordo è stato raggiunto. Niente lockdown. E punta su un isolamento rafforzato e sul buon senso dei tedeschi. I cittadini devono ridurre i contatti al minimo con gli altri. La distanza minima raccomandata è di 1,5 metri almeno. Negli spazi aperti è consentito girare da soli o con una persona della famiglia o con il convivente. NO feste, estetisti, parrucchieri. Morale: non si vuole inchiodare l’economia. Sarà perché l’economia tedesca è già in panne e non si vuole perdere ulteriore terreno?

European nations tightened restrictions designed to check the spread of the coronavirus, with Germany banning gatherings of more than two people, Spain moving to extend a state of emergency and Italy ordering a halt to domestic travel. While Germany stopped short of confining people to their homes, it will prevent citizens meeting in groups for at least two weeks, with only families and people sharing a home exempt, Chancellor Angela Merkel said Sunday. Restaurants will be closed except for takeout and delivery services. “No one wants to stand before the people and discuss such rules,” Merkel said at a news conference in Berlin after a video conference with regional leaders. Italy, the epicenter of the outbreak in Europe, banned any movement inside the country in its latest attempt to contain the disease, which has already killed almost 5,000 people. Citizens will be restricted to the municipality where they currently are other than for “non deferrable and proven business or health reasons or other urgent matters,” the health ministry said. The measure applies to all private and public transportation. (Bloomberg)

Lo ripeto. LA SALUTE NON PRIMA DI TUTTO.

Mi verrebbe da dire “si arrangino”, peccato che poi le conseguenze saranno non solo su Berlino.

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se sei interessato agli argomenti qui espressi e vorresti approfondirli, contattami!
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (10 votes cast)
COVID-19: la salute NON prima di tutto, 10.0 out of 10 based on 10 ratings
3 commenti Commenta
john_ludd
Scritto il 22 marzo 2020 at 22:00

pare che al COVID-19 dei convincimenti della panz###a inch###le (copyright Silvio B.) non interessi granchè:

German Chancellor Angela Merkel will go into self-quarantine at home after a doctor who gave her a vaccination tested positive for the coronavirus.

Poi quante auto made in germany verranno vendute nei prossimi mesi ? ZERO. Finita la crisi (tra almeno 12 mesi) poche di più, la gente non avrà denaro da spendere per inutili quattro ruote da 40 mila euro in sù. E il trilione di crediti target 2 ? vale molto di più la carta da culo che infatti in Germania non si trova mentre alla Coop sì (ma quanto cagano i tedeschi ?)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +10 (from 10 votes)

kry
Scritto il 23 marzo 2020 at 11:30

john_ludd@finanza:

….vale molto di più la carta da culo che infatti in Germania non si trova mentre alla Coop sì (ma quanto cagano i tedeschi ?)

Bhe visto quello che mangiano

https://www.gettyimages.it/detail/foto/four-grilled-sausages-on-wooden-table-immagine-royalty-free/167768186?adppopup=true

dopo che gli italiani l’han preso in QL

A parte gli scherzi , in tempi di guerra oltre al cibo diventan necessari una bicicletta , una cariola , la carta igenica e gli assorbenti.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)

john_ludd
Scritto il 23 marzo 2020 at 13:53

kry@finanza,

non c’è nulla scherzare
mattarella ringrazia la germania !!!
conde il grande condoddiero, siamo in una bodde di …
gli aiuti ce li mandano cuba, russia e cina

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

BCE: che ne sarà dei bond acquistati con il QE?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+