CINA: la transizione energetica è un rivoluzione economica

Scritto il alle 10:42 da Danilo DT

Se fino a qualche anno fa il percorso della transizione energetica era poco noto, oggi è veramente sulla bocca di tutti. Una moda? No, innanzitutto una necessità. Ormai è chiaro che l’effetto dell’inquinamento non può lasciarci indifferente. L’anidride carbonica è la principale colpevole del cosiddetto effetto serra e il 73% di questa arriva dai fumi provenienti dalla combustione del settore energetico.

(…) Nel dicembre 2015, alla COP21 di Parigi, è stato firmato un accordo internazionale che fissa l’obiettivo di mantenere il riscaldamento globale entro la fine di questo secolo al di sotto di 2 gradi rispetto ai livelli preindustriali, e possibilmente limitarlo a 1,5 gradi.
Per raggiungere questo obiettivo lo strumento principale è la transizione energetica, cioè il passaggio da un mix energetico centrato sui combustibili fossili a uno a basse o a zero emissioni di carbonio, basato sulle fonti rinnovabili. (…) [Source

Sia ben chiaro, non ci si limita alla sola chiusura delle centrali a carbone e alla limitazione dell’utilizzo del petrolio. E’ una vera rivoluzione per l’intero sistema. Ma è una rivoluzione che deve interessare tutti, anche quei paesi che purtroppo sono i principali colpevoli delle emissioni di CO2.

E quali sono i due paesi più “colpevoli” al mondo? Beh, sono i due colossi per antonomasia. USA e Cina. Ma Cina è al tempo stesso uno dei Paesi che più di tutti vede il cambiamento climatico come una delle minacce più importanti per la società e si sta adoperando per raggiungere l’obiettivo zero emissioni entro il 2060, investendo negli ultimi anni più del doppio in energie rinnovabili rispetto a quanto non facciano Europa e Usa.

Il riscaldamento globale avrà effetti geopolitici che si ripercuoteranno in tutto il mondo, alimentando conflitti e creando migranti climatici come successo ad esempio in Siria, in questo caso in seguito alla siccità del primo decennio di questo secolo.

Inoltre immaginate l’impatto per il Celeste Impero. 1,6 miliardi di persone che vivranno una rivoluzione. Dal carbone all’energia pulita. Per molti è pura utopia (ovvero la Cina non rispetterà gli impegni), ma per altri è l’unica speranza per poterne uscire vivi. Perché senza il contributo attivo di USA e Cina, diventa utopico pensare ad una soluzione efficace al problema.

Transizione energetica CINA: la mappa

Probabilmente di quanto vi ho scritto, già sapevate tutto. Io però volevo proporvi una slide che sintetizza in pochi punti come si svolgerà quella che sarà una grande rivoluzione, ovvero la transizione energetica cinese.
C’è bisogno dell’impegno di tutti. Cina compresa.

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se sei interessato agli argomenti qui espressi e vorresti approfondirli, contattami!
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)
(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!).

Nessun commento Commenta

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Sondaggio #4-21: Tasso 10yr T-Note a fine anno sarà... (base 1,25%)

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+