BANCHE: e la crisi torna a farsi sentire

Scritto il alle 11:37 da Danilo DT

lloyds_crisi_banche

Evvai che ci risiamo!
Avete tutti seguito le vicende di CIT Group. Default pilotato e chiaro segnale per il mercato: non illudetevi, la crisi non è finita.
Negli USA lievitano i default bancari,  e in Europa i rischi di dissesto finanziario tornano a farsi sentire.
Un esempio concreto? Io non mi faccio certo pregare: nella giornata del 30 ottobre, probabilmente in linea con l’ormai vicina festa dei Morti, ben 9 banche USA hanno chiuso i battenti. Si signori hanno fatto fallimento nr.9banche USA.
Vi dico anche i nomi:

1) Bank USA, National Association, Phoenix, Arizona;
2) California National Bank, Los Angeles, California;
3) San Diego National Bank, San Diego, California;
4) Pacific National Bank, San Francisco, California;
5) Park National Bank, Chicago, Illinois;
6) Community Bank of Lemont, Lemont, Illinois;
7) North Houston Bank, Houston, Texas;
8 ) Madisonville State Bank, Madisonville, Texas; and
9) Citizens National Bank, Teague, Texas.

Se volete accedere all’elenco delle banche fallite nel 2009 cliccate qui sotto

Elenco banche default 2007-2009 USA

Ho inoltre trovato un interessante database con l’elenco NON delle banche fallite ma delle banche in difficoltà, database by CalculateRiskBlog , sempre all’avanguarda nell’analisi dei dati.

Elenco banche in difficoltà

E se negli USA sono messi maluccio , in Europa qualche problemino torna a saltare fuori… e che problemino…

UK: RBS e Lloyds in panne

Prima notizia fonte Times . Sembra che due banche inglesi, nientepocodimenoche Royal Bank of Scotland, alias RBS e il colosso Lloyds abbiamo di nuovo bisogno di cash. La cifra di cui si parla è pari a £ 51 billion, ovvero 51 miliardi di sterline inglesi.

Il Times ci parla di RBS, e Bloomberg ci parla anche di Lloyds.

E ricordiamolo bene, questo non è il primo salvataggio, ma il secondo obolo pagato dal governo per sostenere queste banche. Intanto in Europa fioccano anche gli aumenti di capitale.

Certo, e che diamine! Perché non sfruttare la fase euforica per ricapitalizzarsi? E’ quello che ha fatto Ing Group, è quello che farà Unicredit, che rinuncia ai Tremonti Bonds preferendo l’aumento di capitale, decisamente più conveniente a queste condizioni di mercato.

Evvai che ci risiamo!
Tanto a conti fatti, in un modo (tramite sovvenzioni stataili) o nell’altro (Aumenti di capitale, prestiti obbligazionari) lo sponsor è sempre lui, il cittadino, libero consumatore, vittima reso protagonista dalla crisi che, tanto per cambiare, lo sfrutta e lo usa.
E se poi le cose vanno male…colpa della crisi.

The show must go on….

STAY TUNED!

Foto inizio articolo by Bloomberg

Sostieni I&M! Clicca sul bottone ”DONAZIONE” qui a fianco nella colonna di destra!

Segui il blog con gli RSS feed gratuitamente!

Image Hosted by ImageShack.us

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
Nessun commento Commenta

I commenti sono chiusi.

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

EURO: quale futuro ci attende?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+