Rapporto debito totale PIL: ecco chi sta affogando nel debito

  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • PDF
  • Print
  • Twitter
  • Technorati
  • del.icio.us
  • Wikio IT

Quali sono i paesi con più altro debito aggregato rapportato al PIL (GDP) prodotto? E come sono piazzati l’Italia, gli USA ed i paesi emergenti. Occhio che le sorprese non mancano! Altro che deleveraging!

C’erano una volta una pinta di birra scura, un tulipano ed un mulino a vento.

Detta cosi sembra proprio una barzelletta. Ma proprio tanto barzelletta non è. Mentre stavo godendo dei preziosi (dis)servizi dell’azienda di trasporti denominata Ferrovie dello Stato, guidata dal Moretti che forse necessiterebbe di un  bagno di umiltà e non solo (oltre che del taglio dello stipendio), mi sono imbattuto in un grafico estremamente importante che ci illustra come il mondo stia progressivamente affogando nel debito.

L’autore del grafico è McKinsey e ci illustra la classifica dei paesi ma anche una interessante media tra stati considerati “sviluppati” e paesi che sono noti come ” emergenti”.

I signori del debito

Adesso capirete il motivo di quella strana barzelletta ad inizio articolo. I primi tre paesi che dominano a livello di debito aggregato rapportato al prodotto interno lordo, su scala mondiale (con un PIL meritevole di considerazione) sono proprio nell’ordine,

1) la “risanata” Irlanda (che quindi, forse, tanto risanata non è), con un poco invidiabile rapporto debito totale/PIL pari al 734%,

2) seguita dalla filo tedesca Olanda, che ridendo e scherzando si ritrova con un poco encomiabile rapporto pari al 600%. E questo paese che rating ha? A parte S&P che a seguito di un downgrading la valuta AA+, le altre due (Moody’s e Fitch) la stimano ancora meritevole di tripla A (AAA). Questioni di punti di vista.

3) E la medaglia di bronzo la diamo ovviamente alla terra dei mulini, la Danimarca, che non è poi così lontana dall’Olanda, con un 564%.

Medaglia di legno (quarto posto) a quella che per tutti voi, ne sono certo, era data come la sicura vincitrice, ovvero la nazione del Sol Levante, il Giappone, che quindi ha “solo” un debito aggregato sul PIL pari al 486%.

Votate al GRANDE sondaggio sull’€ !

E l’Italia? Lo vedete voi stessi, si trova in area 346% appaiata alla Francia, ma con rating (per la cronaca) ben diverso. Ma cosa molto importante, il Bel Paese è ESATTAMENTE sulla media del rapporto debito aggregato/PIL dei paesi cosiddetti “core” o sviluppati. E quindi? Beh, non vi devo certo spiegare cosa voglio dirvi… Vi lascio a voi la possibilità di “sfogarvi” nell’area dei commenti.

Ultima nota: guardate la media dei cosiddetti “paesi emergenti”. 157%. Ora, se voi foste un alieno, e arrivaste sulla Terra e casualmente vi ritrovate con questo grafico in mano, in quale paese investireste alla ricerca del fatidico “safe haven”?

Chiudo con  questa vecchia classifica pubblicata dal sottoscritto nel lontano 2012. Notate le differenze. Tanto per cominciare, se prima il debito ci stava facendo annegare, ora invece… Alla faccia del deleveraging! Mi riferisco sopratutto a paesi come Italia, USA, Spagna. Meglio, invece, la Gran Bretagna.

(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M! E se lo sostieni con una donazione, di certo non mi offendo…)

STAY TUNED!

Danilo DT

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto.
Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se non ce l’hai o se non ti fidi più di lui, contattami via email.
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

I need you! Sostienici!

§ Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su databases professionali e news dal web §


VN:R_U [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
Rapporto debito totale PIL: ecco chi sta affogando nel debito, 10.0 out of 10 based on 1 rating

Info su Danilo DT

La corsa è lunga e...alla fine è solo con te stesso (by Big Kahuna) Per sapere CHI SONO, clicca QUI !

Commenti (n° 12)Commenta

  1. pierluigi86 scrive:

    se consideriamo la contrazione del pil e l’aumento del debito pubblico, mi sembra che il debito privato italiano si sia contratto. Cmq si salvi chi può

  2. E l’Italia? Lo vedete voi stessi, si trova in area 346% appaiata alla Francia, ma con rating (per la cronaca) ben diverso. Ma cosa molto importante, il Bel Paese è ESATTAMENTE sulla media del rapporto debito aggregato/PIL dei paesi cosiddetti “core” o sviluppati. E quindi? …. finchè Dream continua a dire che lo spread a 160 è pura follia non ne verremo fuori. Altro che colpa dell’euro o dei politici o dei tedeschi la colpa è solo di Dream che rema contro i titoli di stato italiano. E scrivilo più spesso che italia e francia sono pari e il mercato ci tratta in maniera diversa. Ciao Danilo buona giornata. :?

  3. scusate chi è che mi ragguaglia su cosa è identificato come debito aggregato considerato nei grafici?
    grazie e saluti

  4. varena@finanzaonline,

    CIao, debito pubblico + privato. La logica è la seguente. Lo stato siamo noi, quindi il debito alla fine è sulle nostre teste. Se poi aggiungiamo a questo debito anche quello dei singoli e delle banche hai il risultato del VERO debito che è marchiato ITALIA. E così per tutti gli altri.

  5. ..il dato andrebbe ‘normalizzato’ dalla presenza in Irlanda ed Olanda o Singapore, ad esempio, delle holding che lì si insediano per motivi fiscali e chiaramente concentrano per gli stessi motivi le posizioni debitorie.
    Poi, sull’ammontare globale dei debiti, sfondi una porta aperta.
    Facendo il paio, invece, con la questio del weekend ti porrei una domanda:
    Ma per quale motivo una iniezione di liquidita’ di Bce dovrebbe sortire un qualsivoglia effetto sulla economia reale? Forse che di entità piene rase di liquidita’ non ce ne sarebbe gia’ a sufficienza? E perchè queste non affluiscono copiosamente in nuove attivita’ produttive in Europa se ci sono opportunita’? Perchè il capex mondiale si sta contraendo proporzionalmente al Gdp? Perchè in Usa ca 500billion annui vengono destinati al buyback anzichè comprarsi fantastici mercati a prezzo di regalo?………

  6. idleproc scrive:

    ob1KnoB@finanzaonline,

    Già. Forse perché “non è come le altre volte” e S.Gennà non ha ancora provveduto.
    In fondo, cosa potrebbe andar storto?

  7. ob1KnoB@finanzaonline,

    Secodo tè è il capex che si contrae prima o il Gdp ? Per me è il capex e il gdp segue poi se siamo in overcapacity meglio investire in buyback. E poi che se ne faranno di 1000 miliardi$ di liquidità le quotate di Ws. Quello che mi sorprende in negativo è che sta diminuendo anche il capex delle multinazionali petrolifere.

  8. Visto che siamo in tema, per la cronaca…

  9. gilles27 scrive:

    Danilo DT,

    …vedi Danilo che le cose vanno bene? Record su Record!!! :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

  10. gilles27@finanza,

    e con la deflazione per giunta. Meglio di così si muore.

  11. buon pomeriggio a tutti/e !

    scusa DT, ma sbaglio o la Turchia è messa molto meglio non solo di noi ma di altri paesi ?

  12. pecunia@finanza,

    Non hanno un sistema sociale come l’occidente e la bilancia dei pagamenti è perennemente in deficit comunque in certe zone si vive molto meglio che da noi.