L’Italia fa quanto chiede l’Europa. Ma l’Europa poi sostiene l’Italia?

Scritto il alle 10:00 da Danilo DT

euro-si-euro-no-italia

Il Bel Paese fa quanto viene richiesto dall’Unione Europea ma poi non riceve da Bruxelles quella disponibilità a poter uscire dal perimetro per poter tornare a crescere. Questo EURO così strutturato non ha più senso. Nasce però un paradosso: chiediamo all’Europa flessibilità, e ne contestiamo la rigidità. Ma poi in Italia facciamo altrettanto?

Voi tutti sapete benissimo che io mi sono sempre schierato a favore dell’Euro. Ma sapete altrettanto bene che oggi, questo Euro così strutturato non ha più alcun senso.

Vi pubblico un grafico che deve farci meditare. Noi siamo visti da tutti come il paese dei “cattivi”, dei discoli iper indebitati. Il paese tutto pizza, sole e mandolino, il paese dei fannulloni, della mafia e dell’assenteismo, della corruzione e della malavita. Ok, c’è sicuramente del vero in tutto questo, ma diamo a Cesare quel che è di Cesare.
Guardatevi questo grafico. Sono i contributi che la nostra nazione ha dovuto versare all’Europa tramite EFSF e ESM nel corso degli anni.

Il sostegno dell’Italia ai fondi europei

sostegno-finanziario-italia-esm-contributo-efsf

Mi pongo solo questa domanda. All’Italia sono stati chiesti molti sacrifici. Abbiamo subito una forte austerity che ha portato la nostra economia ad una forte recessione. Abbiamo fatto i compitini che l’Europa ci richiedeva. Ma ora l’Europa allunga una mano e ci aiuta oppure fa ostruzionismo? Guardate questo grafico. La Grecia è una storia a parte, figlia dell’austerity e della Troika, ma il rischio che noi facciamo la stessa fine non è poi così remoto, visto l’insostenibilità del nostro debito pubblico. Dobbiamo fare la fine della Grecia?

PIL-eurozona-2014-da-picchi-pre-crisi-italiaEcco perché io sono contro a questa Europa. Abbiamo pazientato, abbiamo fatto sacrifici, ma ora è giusto pretendere di più da Bruxelles. E se non lo facciamo e per noi è FINITA. E per certi versi questo grafico giustifica queste mie esternazioni. In Eurozona il sostegno per il progetto “Euro” continua ad essere buono tranne che in un paese: l’Italia.

EURO: Sentiment sempre più debole in Italia

supporto-euro-eurozona-forte-tranne-italia

ATTENZIONE PERO’: tutto questo che NON sia un alibi

Non facciamo però il clamoroso errore di “nasconderci” dietro a queste problematiche, serie ed importantissime, per evitare di “fare”. GUAI continuare a dire che, se l’economia europea non si è ancora ripresa è solo colpa della poca flessibilità di Bruxelles. Interessante a questo proposito il punto di vista di Ricolfi su La Stampa:

[…] il fatto che gli ultimi anni siano stati (peraltro non sempre e non ovunque) anni di rigore non implica che lasciando correre i conti pubblici le cose sarebbero andate meglio. Forse sarebbero andate ancora peggio, perché alcuni Stati sarebbero falliti e le loro economie non avrebbero più avuto accesso al credito.  […]

Vero, infatti è giusto mettere anche del rigore per evitare che ci siano comportamenti “anarchici” di alcuni paesi tra cui l’Italia, i quali si trovano già in fase di grossa difficoltà finanziara e senza una “guida” ben definita potrebbero diventare delle realtà ingestibili. Inoltre occorre ricordare che, riprendendo Ricolfi…

[…] l’idea che l’Europa, o la zona euro, siano in stagnazione o addirittura in recessione è una mezza verità. Se prendiamo i tassi di crescita del Pil per abitante nel 2014-2015 (in parte noti, in parte frutto di stime), quel che colpisce non è il basso tasso di crescita europeo ma, semmai, la grandissima eterogeneità dei tassi di crescita dei vari Paesi. […]. E fra i Paesi che crescono di più, ossia fra il 2 e il 4%, ci sono tutti i cosiddetti PIGS tranne noi: Portogallo, Irlanda, Grecia, Spagna.  […]

Cavolo, ma noi non ne facevamo anche parte dei PIGS? Però, come ricorda correttamente Vito Lops, la crescita dei PIGS è molto insana e squilibrata, ciò non toglie che, comunque sia, qualcosa si sta muovendo in quei paesi che non sono certo da prendere come “modello” ma di certo stanno facendo “qualcosa” per provare a ripartire.

squilibri-pigs

[…] Se questo dicono i dati, i termini del problema si spostano un pochino. Forse anziché arrabbiarci perché Bruxelles non ci lascia esagerare con il deficit pubblico, faremmo meglio a chiederci come fanno tanti Paesi dell’eurozona a crescere nonostante l’Europa, nonostante l’euro, nonostante l’ottusità dei burocrati. Non voglio azzardare la risposta, che presumibilmente è diversa da Paese a Paese, ma vorrei che almeno si riflettesse: dare la colpa all’Europa è troppo comodo, e sa tanto di alibi. […]

Assolutamente corretto, ma è altrettanto vero che non possiamo esentarci dal dovere CHIEDERE di  più a questa Europa. Facendo però la nostra parte. Ora, anche se spesso critichiamo, occorre dire che qualcosa si sta facendo, un bel po’ di austerity ce la siamo presa e quindi MERITIAMO un po’ più di attenzione. Intanto però, non dimentichiamo ancora quanto scritto ancora nell’articolo sopra citato. Un paradosso che si sta formando e che deve farci pensare.

[…] Le politiche nazionali, con la tendenza ad essere rigide là dove un atteggiamento più flessibile farebbe meno danni, e ad essere flessibile là dove una maggiore rigidità sarebbe benefica. […]

In altri termini, chiediamo all’Europa flessibilità, e ne contestiamo la rigidità. Ma poi in Italia facciamo altrettanto, oppure chiediamo rigidità (ops…sarà mia per colpa dei diritti acquisiti?), e contestiamo la flessibilità di certe politiche economiche e di certe riforme? E’ comprensibile fare i propri interessi ma è altrettanto vero che è difficile ritrovarsi con la botte piena e la moglie ubriaca. La verità sta nel mezzo. E questo mezzo si chiama COLLABORAZIONE vera. Ma credo che quest’ultima sia assente, tra TUTTE le parti, in Italia che fuori dall’Italia.

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!). E se lo sostieni con una donazione, di certo non mi offendo…

InvestimentoMigliore LOGO

La nuova guida per i tuoi investimenti. Take a look!

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se non ce l’hai o se non ti fidi più di lui,contattami via email (intermarketandmore@gmail.com).
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:R_U [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
L’Italia fa quanto chiede l’Europa. Ma l’Europa poi sostiene l’Italia?, 10.0 out of 10 based on 1 rating
Tags: , , ,   |
5 commenti Commenta
lampo
Scritto il 19 novembre 2014 at 11:07

EFSF e ESM sono nati per condurre l’Europa verso l’unificazione bancaria, almeno di quelle più grandi (sistemiche per l’elevato rapporto tra i loro assets rispetto al PIL del Paese).
Chiaro che man mano che tale fondo si riempe (siamo ancora molto lontani) la speculazione sui titoli di stato europei sarà sempre più difficile (almeno in apparenza… perché rimangono sempre i derivati con cui puoi ancora farlo approfittando della forte leva).

Per tale motivo… non è adesso il momento degli aiuti, perché altrimenti sarebbe un segno di debolezza su cui i mercati finanziari si scatenerebbero subito in cerca di guadagni (leggi speculazione).

Il prossimo anno probabilmente ci dimenticheremo della crisi europea, considerati i dati che usciranno dal PIL greco (sebbene sia comunque un 25% al di sotto di quello di prima della crisi) che assomiglierà molto agli USA (già l’ultimo dato trimestrale è più che ottimo, considerando anche l’avanzo primario). Idem per Cipro (di cui i mass-media non parlano più), considerato che alcune agenzie di rating stanno già aumentando le loro valutazioni sulle banche.

Chiaro che al nuovo (e vecchio) direttivo europeo, FMI e BCE farà molto comodo pubblicizzare tali risultati… facendo capire che sono riusciti a risolvere la crisi europea… e prendendo come esempio per tutti la Grecia.

Quindi temo che i compiti li dovremo ancora fare… per tanto tempo. Però la svalutazione dell’euro ci consentirà di uscire dall’immersione (leggi recessione) e prendere fiato per un po’.
Poi dipenderà proprio da quanto saremo in grado di fare sistema in Italia… anche perché le occasioni saranno sempre più rare, visto il recente aggiornamento della classifica internazionale Doing Business… ed il nostro posizionamento.

Noi italiani dobbiamo imparare a lasciare da parte il nostro individualismo sfrenato (che è anche un nostro pregio che tutti ci invidiano)… e incominciare a lavorare in gruppo, seguendo interesse comuni (almeno dove è possibile) e sfruttando la sinergia derivante (amplificazione delle qualità positive).

Inoltre ci vorrebbe una norma che proceda ad una grande defiscalizzazione degli utili derivanti dai brevetti registrati in Italia (stile norma irlandese).
Attualmente pochi sanno che la maggior parte delle idee industriali italiane… vengono registrate all’estero… lasciandovi quindi anche molti utili.
Come dire che il nostro sistema di creazione delle idee funziona… però non sappiamo sfruttarle e lasciamo che lo facciano gli altri guadagnandoci pure.

Qui dovrebbe meditare molto la politica e chi governa… indipendentemente dallo schieramento politico. Far passare una norma del genere sarebbe molto semplice…

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Scritto il 19 novembre 2014 at 20:16

Eh la politica… io ho perso veramente ogni speranza….
:-(

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

perplessa
Scritto il 20 novembre 2014 at 00:16

lampo,

tu come vedi la differenza dello spread tra Italia e Spagna?oggi secondo il sole24ore 148,62 e 129,15

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

lukeof
Scritto il 20 novembre 2014 at 10:29

lampo,

Ho la netta impressione che sia nel caso greco che in parecchi altri, che il dato sulla crescita del PIL (e non solo quello) non sia piu’ affatto un sinonimo di crescita.

Mi pare che ci sia una specie di “divorzio” tra una parte dell’economia (ivi comprese le banche e la politica) che misura i parametri secondo logiche che stanno completamente perdendo la loro valenza e radice reale e il resto che praticamente “scompare” all’interno di un sistema “fuori quadro” e non valutabile, o meglio volutamente NON preso in considerazione.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Stardust_IM
Scritto il 20 novembre 2014 at 19:30

Articolo molto ben fatto ed interessante. Preferisco non pronunciarmi sull’argomento. :rolleye:
Vedo però eccellenti commenti da parte di diversi lettori e quindi…bravi tutti

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

EURO: quale futuro ci attende?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+