Cerca nel Blog

Crediti deteriorati: questa volta il prezzo è giusto?

Scritto il alle 10:12 da Danilo DT

PREZZO-GIUSTO-CAMBIO-EURO-DOLLARO

Finalmente un valore commerciale per gli NPL in pancia alle banche italiane. Oggetto della transazione sono le sofferenze bancarie di MPS, che verranno cedute (così sembra) a diversi investitori che si spartiranno la torta a un prezzo pari al 25% del nominale.

Pian pianino…eppur si muove. E non c’è nulla che sia così salutare per il sistema italiano come qualche buona notizia in ambito di sofferenze bancarie o se preferite di Non Performing Loans. Un mucchio di prestiti che sono di dubbio esito, che non si sanno valorizzare e fintanto che non vengono ceduti e “prezzati” in modo credibile, rappresentano sempre una grossa incognita.
Se parliamo di “prezzare” vi pregherei di lasciar perdere quanto è avvenuto con Atlante, vista la scarsa credibilità del veicolo stesso. Un contenitore che molte banche hanno già svalutato in bilancio fino ad un 70% rispetto agli importi investiti (Unicredit).
Il dubbio quindi permane… Per molti il prezzo giusto sarebbe addirittura 35%. Ma attenzione, sono giudizi estremamente di parte. Ma è altrettanto vero che per molte banche gli NPL oggi vengono valutati più o meno così… L’altra parte del mercato invece parla addirittura di un 20, 15 o persino 10% del loro valore nominale. Voi capite benissimo che per una banca queste percentuali muovono non poco.

E la domanda che tutti si pongono quindi è: ma quanto bisogna quindi valutare mediamente gli NPL? Difficile.. ma ecco che finalmente arriva un metro un po’ più affidabile, secondo me, ed interessante.

La bozza di piano approvata ieri dal cda di Banca Monte dei Paschi di Siena prevede la cessione dell’intero portafoglio di non performing loans (28 miliardi lorde di sofferenze) a uno o più acquirenti a un valore medio del 25% del valore nominale, che si confronta con il 30% che era stato concordato con il fondo Atlante. (…)

Una differenza di 5 punti percentuali rispetto al povero Atlante, non è così esagerata e va ben oltre le mie aspettative (che si aggiravano sul 15 massimo 20%)

(…) E’ quanto riportato dal Wall Street Journal, che cita fonti vicine alla situazione, secondo le quali la banca senese dovrebbe trasferire blocchi di crediti deteriorati a uno o più veicoli di nuova creazione controllati da fondi di investimento o da società in grado di gestirli e starebbe ancora valutando se detenere una quota di minoranza nel veicolo o meno. Tra i potenziali investitori interessati al portafoglio Npl di Mps ci sono Lone Star Funds, Fortress Investment e la Pacific Investment Management di Allianz .(Source)

Sia ben chiaro, non vuol dire che TUTTI gli NPL italiani verranno ceduti a tale valore, ma rappresenta un indicatore “commerciale” a cui aggrapparsi per fare delle valutazioni più congrue. E siccome tali importi vanno oltre le mie aspettative, non posso negarvi che tutto questo rende le banche italiane, in borsa, decisamente più interessanti. Anche perché sa fine luglio dell’anno scorso ovvero 8 mesi fa, il settore è ancora a -46%.

ftsemib-banche-italiane-2016

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia.
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)
(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!). E se lo sostieni con una donazione, di certo non mi offendo…

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (3 votes cast)
Crediti deteriorati: questa volta il prezzo è giusto?, 10.0 out of 10 based on 3 ratings
3 commenti Commenta
draziz
Scritto il 13 marzo 2017 at 12:49

Ciao DT!!
Mi dispiace per…la forma fisica… Spero tu possa tornare presto al 100%.
In ogni caso è da sottolineare che, nonostante problemi personali, non ti fermi mai.

Inerente al post:
attualmente l’indice del settore è a -46%
Ma siamo sicuri che fosse prezzato giusto all’epoca?
Una prima risposta ad 1 mese circa di distanza, con la pubblicazione dei primi Bilanci…

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

paolo41
Scritto il 13 marzo 2017 at 12:50

circa il 70% dei NPL sono legati al mercato immobiliare che, nonostante qualche spunto periodico e locale, è sostanzialmente fermo !!!!! la probabilità che si aggiungano, anche se in maniera più graduale, nuove sofferenze è maggiore alla probabilità che calino perché non c’è ripresa economica. Leggevo ieri che in termini di forza di lavoro siamo tornati ai valori del 2009 ma con un tasso di disoccupazione ancora elevato a causa dell’aumento della forza di lavoro !!!!!! sintesi macro: mancano gli addetti del comparto edilizio !!!!!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

vito_t
Scritto il 14 marzo 2017 at 14:13

Tieni presente due cose .. la prima che il fondo Atlante aveva “quasi” concordato 33 come prezzo e la seconda che si trattava del pacchetto migliore …o meno peggio degli Npl in pancia …. Per il settore in generale, facendo dei distinguo molto ma molto selezionati qualcosa di buono si trova .. ma senza un concorso generale dei mercati anche può che apparire interessante , vedi ISP, … potrebbe diventare problematico : Praticamente o si corre prima che tutto venga giù altrimenti …

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!
outlook-2017-iam

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Come vorresti I&M?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Per informazioni, contatti, proteste, idee e quant'altro.... contattatemi !

Image Hosted by ImageShack.us

[email protected]

Commenti recenti
  • [email protected] su WALL STREET ai massimi. E l’economia si contrae. #TUTTOBENE
  • [email protected] su WALL STREET ai massimi. E l’economia si contrae. #TUTTOBENE
  • [email protected] su SUPER EURO: ma il mercato potrebbe cambiare tendenza
  • paolo41 su SUPER EURO: ma il mercato potrebbe cambiare tendenza
  • [email protected] su WALL STREET: una garanzia per la prosecuzione dell’uptrend!
  • Lukas su WALL STREET: una garanzia per la prosecuzione dell’uptrend!
  • [email protected] su RECORD del DOW JONES: assist della Yellen, ma il grafico fa paura
  • [email protected] su WALL STREET: una garanzia per la prosecuzione dell’uptrend!
  • aorlansky60 su RECORD del DOW JONES: assist della Yellen, ma il grafico fa paura
  • [email protected] su ETHEREUM: crollo della criptovaluta. Come volevasi dimostrare.

Google+