Wall Street e COT Report: Chart e analisi

Scritto il alle 13:00 da Lukas

GUEST POST: analisi dei dati del CFTC e del COT Report secondo Lukas.

Cari amici, anche nell’ultima settimana, la politica monetaria espansiva ha fatto sentire i suoi effetti sui mercati finanziari, che hanno sostanzialmente riconfermato lo scenario RISK ON in auge ormai da circa 2 mesi .

Lo scenario intermarket, ha registrato, infatti, una buona ripresa delle quotazioni del dollaro, apprezzatosi dell’1,4 %, che ha più che compensato il ribasso, in termini nominali, delle commodities. La politica monetaria espansiva, attuata tramite l’acquisto ad opera della Fed di titoli obbligazionari, ha fatto di nuovo sentire i suoi effetti, in particolare, sulle quotazioni dei bond, apprezzatisi dello 0,46%, con conseguente nuova discesa dei tassi d’interesse. Il rialzo dei bond, ha solo rallentato ma non impedito l’ennesimo rialzo del mercato dell’equity. Il nostro benchmark azionario di riferimento, l’S&P 500, ha registrato, infatti, il sesto rialzo settimanale consecutivo, pari allo 0,31 %, ed ha raggiunto il nuovo massimo dal bottom del marzo 2009. ed è ormai molto vicino ai suoi massimi storici. Discorso a parte per l’indice FTSE MIB, in preda da alcune settimane alle convulsioni indotte dalla concomitante campagna elettorale, che ha registrato in settimana una perdita del 4 %

Dopo tale premessa, passo, ad esaminare i nuovi dati del COT REPORT settimanale, pubblicati venerdì dalla CFTC (Commodity Futures Trading Commission), concernenti i valori aggregati dei Futures e delle Options su tutti gli indici azionari USA, che risultano essere i seguenti :

Commercial Traders : – 72.805

Large Traders : + 49.212

Small Traders : + 23.593

Pertanto si conferma, ed anzi si rafforza e si consolida, la configurazione complessiva del Cot Report sull’azionario Usa, in voga ormai da oltre 6 mesi. In quest’ultima settimana, si registrano movimentazioni nelle posizioni nette dei diversi operatori, pari a ben 19.699 contratti. In particolare, i Commercial Traders, hanno ulteriormente accentuato la loro posizione Net Short di ulteriori 19.699 contratti, acquistati per 6.635 unità dagli Small Traders, e per 13.064 contratti dai Large Traders. Questi ultimi, in particolare, registrano una posizione Net Long vicina ai massimi degli ultimi anni, e di entità piu’ che doppia rispetto agli Small traders. L’evoluzione del Cot report, sui derivati del mercato azionario Usa, non ci segnala pertanto alcuna imminente e consistente correzione dei listini azionari americani, che invece molti prevedono prossima e marcata. Inoltre si consideri che anche nella prossima settimana sono previsti acquisti di bond ad opera della Fed, per ulteriori 30 miliardi, per cui credo che mai come in questo caso valga il detto “ DON’T FIGHT THE FED “ .

Per ciò che concerne, infine, il mio portafoglio titoli, frutto dello stock picking effettuato sul nostro listino nazionale, condotto sulla base della strategia “ LONG TERM MOMENTUM “, ho registrato, in quest’ultima settimana, una perdita del 5 %, che ha ridotto i miei guadagni dall’inizio dell’anno al 9,2 %. Ciononostante, riconfermo le mie precedenti scelte, scegliendo ancora solo titoli del settore FINANZA, appartenenti sia al FTSE MIB, che al FTSE MID-CAP.

Vi ringrazio, come sempre, per la vostra stima e fiducia, ed auguro a TUTTI gli amici del blog una serena e proficua settimana.

LUKAS

Non sai come comportarti coi tuoi investimenti? BUTTA UN OCCHIO QUI | Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su databases professionali e news tratte dalla rete | NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:R_U [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
Wall Street e COT Report: Chart e analisi, 10.0 out of 10 based on 1 rating
14 commenti Commenta
maurobs
Scritto il 11 febbraio 2013 at 16:03

puntuale come sempre Lukas……scusa se te lo richiedo ma non riesco a farmelo entrare in zucca:

i dominanti sono i large o i commercial? e chi sono( i commercial dovrebbero esser i fondi e fondi pensione…. :roll: :roll: )grazie ancora

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Lukas
Scritto il 11 febbraio 2013 at 17:46

maurobs@finanzaonline,

nel mercato dei derivati azionari le mani forti sono senza dubbio i ” Commercial Traders “……che non sono affatto i fondi pensione.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

lucianom
Scritto il 11 febbraio 2013 at 18:01

Anch’io non vedo segnali di imminente inversione come qualcuno settimana scorsa aveva detto (interessante è sapere se è ancora dello stesso parere, sai io ammiro chi si espone). il pericolo lo avevo invece segnalato prontamente prima di Natale, ma si è poi rivelato un falso allarme.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

vierip
Scritto il 11 febbraio 2013 at 18:03

lucianom,

dici a me?! :mrgreen:

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Lukas
Scritto il 11 febbraio 2013 at 18:10

lucianom,

con 85 miliardi di dollari nuovi di zecca al mese…..gentilmente offerti dalla Fed….. nelle mani dei Commercial traders……non credo che ci siano molti spazi per una correzione…..anzi……!!!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

pinco14
Scritto il 11 febbraio 2013 at 18:27

Lukas,

Ma perchè allora, se questa è la situazione, i commercial traders sono ampiamente net short e lo sono da un sacco di tempo? Francamente io questo cot report non lo capisco proprio – soprattutto alla luce degli 85 miliardi mese di USD

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Lukas
Scritto il 11 febbraio 2013 at 19:04

pinco14@finanza,

Caro Pinco, i commercial quasi sempre ……ed in particolare in questo periodo……usano i derivati sull’azionario Usa……a copertura dei loro investimenti sul mercato primario.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

lucianom
Scritto il 11 febbraio 2013 at 19:07

Si, mi riferivo a questi interventi

http://intermarketandmore.finanza.com/mercato-usa-affiora-una-strana-divergenza-tra-bond-ed-equity-52920.html

Ma non mi devi fare quella faccia verde, ribadisco che ammiro quelli che si espongono come te e Lukas.

Lukas: lucianom, con 85 miliardi di dollari nuovi di zecca al mese…..gentilmente offerti dalla Fed….. nelle mani dei Commercial traders……non credo che ci siano molti spazi per una correzione…..anzi……!!!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

tengobotta
Scritto il 11 febbraio 2013 at 19:36

Quindi se acquistano contratti short x copertura significa che temono una discesa imminente e intanto fanno profitti con gli short mantenendo le posizioni long . Dove sbaglio ?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Lukas
Scritto il 11 febbraio 2013 at 21:20

tengobotta@finanza,

non temono nessuna discesa imminente…..si coprono da rischi sempre possibili sul mercato primario…..i profitti in questo periodo li fanno sul mercato primario…….profitti parzialmente erosi dalle posizioni short che detengono sui derivati.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

tengobotta
Scritto il 12 febbraio 2013 at 00:09

Lukas,

Certo lukas sarebbe interessante un articolo sulla strategia di posizionamento delle mani forti come studio per imparare la metodologia sottostante. Magari eviteremmo tante mazzate

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

vierip
Scritto il 12 febbraio 2013 at 09:21

Buongiorno,
riassumiamo la situazione grafica.
Come si può vedere dal grafico ci sono due livelli (il minimo della scorsa settimana ed il massimo della stessa) che rappresentano a mio parere lo spartiacque fra il bene ed il male.
Qualora venerdi avessimo una chiusura si SP500 oltre il massimo potremo archiviare la pratica correzione.
Qualora invece fosse rotto il minimo, sempre venerdi, avremo una correzione ma di portata modesta (5-10%).
Personalmenete, visto che ritengo quello di questi giorni sia una svendita di titoli sui massimi delle mani forti, credo che venerdi la chiusura sarà entro questi due livelli, ne sopra ne sotto. Questo perchè mi aspetto un colpo da maestro delle mani forti di cui parlerò eventualmente lunedi prossimo.
Ecco il grafico settimanale di SP500 con i due livelli ben evidenziati.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

vierip
Scritto il 12 febbraio 2013 at 09:40

Anche se non opero sul Fse MIB per ovvi motivi vi volevo far notare una cosa importante:
Dal grafico sotto potete vedere quello che molti analisti hanno identificato come un testa e spalle rialzista con obiettivo area 20700/20800. Personalemnte ho sempre criticato quesa visione.La rottura della neck line della settimana di fine anno è avvenuta in gap up, ossia saltando il fondamentale livello di 16420. Di conseguenza il testa e spalle non ha alcun valore.
Quindi, purtroppo per noi, il nostro mercato potrebbe rimangiarsi rapidamente anche quella poca strada con tanta fatica fatta in queste ultime settimane. CHE TRISTEZZA!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

vierip
Scritto il 15 febbraio 2013 at 18:33

vierip@finanzaonline,

“..Personalmenete, visto che ritengo quello di questi giorni sia una svendita di titoli sui massimi delle mani forti, credo che venerdi la chiusura sarà entro questi due livelli, ne sopra ne sotto. Questo perchè mi aspetto un colpo da maestro delle mani forti di cui parlerò eventualmente lunedi prossimo”

Meditate questo fine esettimana giovani allievi del GRANDE MAESTRO vieriP…..meditate….. :mrgreen:

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

EURO: quale futuro ci attende?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+