Tendenze: ribilanciamento globale

Scritto il alle 14:50 da Danilo DT

Una delle mie più grandi soddisfazioni è poter vedere che certe tematiche, come il ribilanciamento globale o il decoupling, discusse per mesi su questo blog, vengono poi considerate e confermate da organizzazioni super partes. E’ un segnale che indica un fatto: la strada presa e la strategia considerata era corretta.

Coi tempi che corrono sono piccole conquiste che ti danno anche l’energia per andare avanti, oltre al sempre necessario sostegno dei lettori, che spero considerino positivamente sia l’impegno del sottoscritto e la bontà dei dati e degli articoli quotidianamente postati.
Recentemente il Fondo Monetario Internazionale ha pubblicato un report molto corposo ma molto interessante, una fotografia del mondo economico, con un obiettivo, ovvero  cercando di capirne le dinamiche e le prospettive.
Questo documento, che vi consiglio di visionare cliccando sul link più in basso, si intitola “Rebalancing Growth”. Già solo il titolo dice moltissimo, anche se ci sono poi, nel report , dei punti che mi trovano in disaccordo. Infatti si difende una rinnovata crescita economica, considerata finalmente solida e migliore delle aspettative.
Guardando i numeri statistici è impossibile avere visioni diverse. E allora perché penso il contrario, perché come detto altre migliaia di volte, le cose, stanno in modo molto diverso.
Per avere delucidazioni in merito, basta andarsi a leggere alcuni degli ultimi post di macroeconomia oppure quelli nella categoria V.I.P.

Ecco però alcuni punti salienti del report che considero invece molto interessanti.

Punto 1. Global indicators

Punto 2: Debito pubblico e Bilancio fiscale

In questi due grafici è visibile la possibilità di vedere concretizzato il famoso decoupling. I paesi emergenti, con debiti minori e bassa influenza della crisi finanziaria, hanno le carte in regola per performare meglio e per crescere in modo molto più equilibrato.

Punto 3: USA: Recovery grazie agli stimoli governativi

…e per fortuna lo hanno capito anche loro…

Punto 4: PIL reale, inflazione e bilancio fiscale

Punto 5: il debito pubblico/PIL e il deficit/PIL delle principali economie mondiali

SCARICA IL REPORT CLICCANDO QUI!

Conclusioni

Negli ultimi anni I governi di tutto il globo hanno dato una grande mano alla ripresa stanziando cifre importanti e sostenendo in ogni modo la ripresa economica. Questo purtroppo ha avuto come drammatico rovescio della medaglia, un aumento sconsiderato del deficit pubblico e ovviamente del debito pubblico dei vari paesi, soprattutto nelle aree più sviluppate, e quest’ultima scheda qui sopra (Source: Morgan Stanley) sintetizza in modo ideale lo scenario futuro.
Gran Bretagna con un debito praticamente raddoppiato nei prossimi anni (ndr: si sta portando avanti un progetto di austerity enza precedenti in UK), e USA che vanno oltre il 100% del debito pubblico/PIL con un incremento del debito pari al 75%.
Ma l’Europa, tanto citata e sbeffeggiata, avrà un incremento di debito pari SOLO al 38% scarso.
Pazzesco il Giappone, dove addirittura avremo nel 2015 un Debito/PIL pari al 250%. E proprio in questi giorni, il neopremier ha affermatoche solo a partire dal 2022 si intraprenderanno delle operazioni finalizzare alla riduzione del debito.
A conti fatti, direi che c’è chi sta peggio di noi. Ma c’è anche chi sta decisamente meglio. Sono i paesi emergenti.

STAY TUNED!

DT

NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

Sostieni I&M! Clicca sul bottone ”DONAZIONE” qui sotto o a fianco nella colonna di destra!

Image Hosted by ImageShack.us

Vuoi provare il Vero Trading professionale? PROVALO GRATIS!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
Nessun commento Commenta

I commenti sono chiusi.

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Euro o non Euro....questo è il problema?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+