TENDENZE: banche nel mirino

Scritto il alle 10:07 da Danilo DT

stock-market

Salve a tutti!

Dopo un brevissimo periodo di vacanza Pasquale, riprendo l’attività lavorativa (con un’analisi di Bank Index e SP 500)  e quindi l’operatività sul blog. Come potrete ben capire, ho cercato di “staccare la spina” per qualche giorno, cercando di liberarmi la mente da borse, mercati e analisi tecnica, ovvero tutte quelle cose che mi “tediano” e mi accompagnano giornalmente nella vita ordinaria. Pian piano, ora, cercherò di rimettermi in sesto e di ricominciare con la vita di tutti i giorni. Prima di ricominciare a ragionare di macroeconomia, ho come sempre buttato un occhio al metodo più semplice per capire le tendenze del mercato. E quindi ho guardato alcuni grafici, in particoalre coem sempre lo S&P 500 e…il settore assolutamente chiave del momento, ovvero le banche. Dopo la vicenda Wells Fargo, è stata la volta ieri di Goldman Sachs. Utili sopra le attese, chiara inversione di tendenza, scenario che sembra in evidente miglioramento. Nelle prossime ore arriverà anche Citigroup che confermerà l’eventuale inversione di tendenza in atto. Ma… si tratta di vera inversione di tendenza? Oppure è un fuoco id paglia? Partiamo con un’analisi grafica. Poi per gli approfondimenti avremo modo, tempo e spazio per parlarne.

Grafico S&P 500

Grafico S&P 500

Grafico S&P 500

 

Guardando il grafico dell’ SP 500 possiamo notare che la tendenza di breve resta intatta, la trendline bianca continua ad essere valida e quindi, per il breve periodo, malgrado la correzione di ieri sera, non ci sono particolari novità. Questo sulla carta. Se però vogliamo essere precisi, possimo notare che:

  1. l’RSI inisia a perdere tono e a divergere dai prezzi. Ma come sempre, è un indicatore e come importanza operativa è necessaria una conferma dei corsi.
  2. In candlestick si intravede una “evening star formation“, non confermata però dall’RSI.
  3. Area 850 continua ad essere un’area molto difficile e la vicinanza a quota 875 è notavole. Come ricorderete, considero area 875 come ultima roccaforte da abbattere prima di correre verso il target di breve posto a quota 1000-1040.

Seguiamo con attenzione la trendline bianca, assolutamente interessante dal punto di vista operativo, e se non viene violata, lasciamo correre l’indice fino a quota 875.

 

Bank Index

 

Bank Index - Grafico

Bank Index - Grafico

La situazione tecnicamente più interesante, però, la troviamo con il Bank Index. Guardate il grafico. Area 37, ovvero il minimo fatto a novembre 2008, ha respinto con violenza il Bank Index. Mi aspetto a questo un punto un ritorno in area 31, in prossimità di:

  1. supporto statico
  2. MM 21
  3. trendline blu

Chiaramente tutto questo prenderebbe forma con la rottura della trendline bianca dello SP 500.

 

Conclusioni

Anche senza aver letto un tubo (per il momento) su quello che è successo sui mercati finanziari nelle ultime ore,  dal punto di vista operativo confermo la strategia descritta in questo post sull’SP 500. E comunque, ribadisco quanto già detto milel volte. Sono le banche quelle che muovono il mercato, sono le banche che daranno ulteriore spinta alle borse o daranno vita a correzioni, sono le banche le vere cartien tornasole della tendenza dei mercati. Tutto il resto ci gira attorno.

Nei commenti approfondiremo il tutto. A dopo.

 

STAY TUNED!

 

Sostieni I&M! Clicca sul bottone ”DONAZIONE” qui a fianco nella colonna di destra!

Nessun commento Commenta

I commenti sono chiusi.

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Come vorresti I&M?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+