LA RESA DEI CONTI: mai cosi male dal 1970

Scritto il alle 09:02 da Danilo DT

Siamo arrivati al giro di boa. Chiuso il primo semestre, ora proviamo a guardare avanti , al secondo semestre con la consapevolezza che le difficoltà per i mercati non sono ancora terminate.
I numeri parlano chiaro. La borsa USA conclude il suo peggior semestre da almeno 50 anni, dopo aver chiuso una giornata ieri nuovamente in profondo rosso.
Uno schiaffo all’amministrazione Biden e alla gestione monetaria di Powell che non si stanno dimostrando all’altezza della situazione.

Per carità, Powell si trova nel classico cul-de-sac dovuto ad una situazione quantomai complicata.
Biden invece ha dimostrato che con una recessione alle porte, un’inflazione alle stelle, tassi di interesse in salita e stipendi si, in crescita, ma non certo a livello dell’inflazione stessa, è un fantoccio che non ha il polso della situazione. E difatti i consensi sul personaggio sono ai minimi.

Notate, cari amici, la pochezza della classe politica a livello globale. Ve ne rendete conto?
Intanto negli USA la conseguenza è un crollo della fiducia.

USA: fiducia consumatori vs consumi

Al momento i consumi sembrano reggere grazie ad alcune rotazioni settoriali che hanno interessato favorevolmente alcuni settori a scapito dei servizi. Ma cosa succede se, coerentemente con il grafico, visto il crollo della fiducia dei consumatori, i consumi stessi si ridimensionano?
Semplice signori, recessione ed un’economia che si avvita su se stessa.

Ma non è finita qui. Guardate questo mio secondo grafico.

Come possiamo interpretare il tutto?

  • 1) Inflazione che resta molto alta
  • 2) Risparmi che sono stati erosi in modo vistoso e ora si avvicinano ai minimi. E’ come se la gente avesse speso cosa ha risparmiato e ora sta perdendo la fiducia. I conti tornano. Che capiterà dopo?
  • 3) I tassi stanno salendo ma è evidente il gap che costringerà la FED ad intervenire ancora
  • 4) I salari salgono ma in modo insufficiente, quindi il consumatore risulta impoverito. Qui parliamo di USA, se apriamo il capitolo sull’Italia ….

Con questo allegro quadro, ecco come è andato il primo semestre. Come sempre la performance delle singole asset class le ho parametrate all’USD per dar loro un metro di valutazione oggettivo.

THE CHART: performance primo semestre 2022

BTP a 10y che incassa, in USD, un -26%. Per la cronaca in Euro la situazione migliora ma resta pur sempre un -19% cedole comprese. Chi si salva è, a livello globale, la borsa portoghese. Tutto il resto è in rosso. Ma notate di quanto. Prendete per esempio il solidissimo BUND tedesco a 10 anni. Ha difeso il capitale? Esattamente come il BTP.
E la gente ha capito cosa significava quanto vi dico da anni. UNIDIREZIONALITA’. Ma adesso è tardi per leccarsi le ferite..

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia.
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

1 commento Commenta
kociss01
Scritto il 5 Luglio 2022 at 17:38

bentornata PARITA’ EURO DOLLARO ERA DAL 2000 CHE TI ASPETTAVO, L’ATTESA E’ STAT LUNGA MA MERITEVOLE !!! E GRAZIE A QUEGLI EMERITI IDIOTI DI BUROCRATI EUROPEI XGE CI HANNO SPEDITO DRITTI DRITTI IN RECESSIONE PUR DI METTERE SANZIONI A DESTRA E A MANCA SENZA TENERE IN MINIMO CONTO DELLE ECOMIE DEI NS PAESE E DELLE LEGITTIME ASPETTATIVE DI NOI CITTADINI EUROPEI (ANCORA X POCO PENSO IO). PER IL $ HO APSETTATO 20 ANNI MA PER LA DISGREGAZIONE MONETARIA DELL’EURO PENSO DOVRO’ ASPETTARE MENO.

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

#9-21: PIL Globale, nel 2021 registrerà un...

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+