JP Morgan+Intel: trimestrali subito ok

Scritto il alle 09:04 da Danilo DT

Financial  Web Links. Un elenco di siti e link finanziari con un’analisi della situazione

La trimestrale di JP Morgan da il via ad una giornata partita alla grande e poi leggermente frenata sul finale. E ieri Intel aveva dato numeri altrettanto positivi. Vera ripresa o ultimi residui degli stimoli ormai terminati? E quanto di questi utili sono “ripetibili” e non legati a finanza straordinaria?

Ormai la strada è segnata vero i massimi relativi precedenti. Ma la genti si chiede se tutto questo ha senso. E se è già scontato nei migliori dei casi anche in ambito di Quantitative easing II. Non ci resta che aspettare gli eventi. Sempre con le cinture ben allacciate.

Buona lettura!

a)      Giornata condizionata da trimestrali e dati cinesi (LINK)

b)      JP Morgan batte le attese ma poi… (LINK)

c)      Foreclosure fraud: FLORIDA (LINK)

d)     Foreclosure fraud: link fest! (LINK)

e)      BofA in pole se c’è un altro scandalo mutui (LINK)

f)       Quantitative Easing II ampiamente scontato nei prezzi di tutti gli assets (LINK)

g)      E’ il momento per l’imposta sulle transazioni finanziarie : Joseph Stigliz (LINK)

h)      Nuovi record per il VIX (LINK)

i)        Produzione industriale italiana: la parola ai numeri (LINK)

j)        Stock Picking? Ormai non esiste più (LINK)

k)      VIDEO: BRIC in decoupling? (VIDEO)

l)        Martin Wolf: perchè gli USA vinceranno la Guerra valutaria (LINK)

E voi, invece, cosa avete letto di interessante? Scrivetelo nei commenti!

Problemi con gli articoli in inglese? Inserite il link in questo traduttore!

Ovviamente siete tutti invitati non solo a commentare le notizie ma anche a inserire voi stessi links che possano essere utili alla comunità finanziaria.

STAY TUNED!

DT

Tutti i diritti riservati ©

NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

Sostieni I&M! Clicca sul bottone ”DONAZIONE” qui sotto o a fianco nella colonna di destra!

Image Hosted by ImageShack.us

Vuoi provare il Vero Trading professionale? PROVALO GRATIS!

16 commenti Commenta
paolo41
Scritto il 14 Ottobre 2010 at 10:07

Dream, c’è un bell’articolo (molto lungo) di J.Mauldin : TIME LOVES A HERO” …
Non riesco a postarlo (sono il solito imbranato con il computer), probabilmente riesci te a trovarlo. Grazie comunque.

Scritto il 14 Ottobre 2010 at 10:32

paolo41: Dream, c’è un bell’articolo (molto lungo) di J.Mauldin : TIME LOVES A HERO” …Non riesco a postarlo (sono il solito imbranato con il computer), probabilmente riesci te a trovarlo. Grazie comunque.  

Blimey! Non ho avuto tempo di leggerlo e’ troppo lungo… comunque l’aericolo e’ di Weldon!
L’ho postato per intero qua:
http://economicsfreenews.blogspot.com/2010/10/time-loves-hero.html
Per i coraggiosi…

bergasim
Scritto il 14 Ottobre 2010 at 10:32

oro compro, oro vendo questo è il dilemma, cadono delle certezze l’oro non protegge dall’inflazione


Scritto il 14 Ottobre 2010 at 10:34

I miliardari in CIna:
http://economicsfreenews.blogspot.com/2010/10/chinas-ongoing-ipo-explosion.html
Bill Gates and Warren Buffett, two of America’s best known billionaires, were in China last week for some business and charitable work.

Buffet has a large investment in Chinese automaker BYD Company, and Microsoft has offices all over China as well as a research center. Both, however, were there to talk to some of the richest men and women in China about incorporating philanthropy and charitable giving into their daily lives.

This issue isn’t about philanthropy; it is about billionaires — Chinese billionaires and how they made their fortunes

Scritto il 14 Ottobre 2010 at 10:35

De-coupling dagli usa in video:
http://economicsfreenews.blogspot.com/2010/10/are-brics-decoupling.html
We have heard this de-coupling theme for quite a few years now. The theory is that high-growth emerging markets are becoming less reliant on the U.S. and therefore are immune to exogenous shocks from the U.S. The video from Russia Today TV below explores this topic

Scritto il 14 Ottobre 2010 at 10:36

24 statistiche sull’economia americana:
http://economicsfreenews.blogspot.com/2010/10/is-america-in-decline-24-statistics.html
Does anyone really want to hear that America is in decline? For decades, most of us have been raised to believe that the United States is “number one” and that anyone who doubts that fact is a “gloom and doomer” that should just pack up and move to “Russia” or “Iraq” or some other country where things are not nearly as good. But does it do us or future generations any good to ignore the very serious signs of trouble that are erupting all around us? The truth is that it is about time to wake up and admit how much trouble we are actually in. The U.S. government is absolutely drowning in debt. The entire society is absolutely drowning in debt. We are being slaughtered in the arena of world trade, and every single month tens of billions of dollars (along with large numbers of factories and jobs) leave our shores for good.

Scritto il 14 Ottobre 2010 at 10:37

Bellino ed ironico l’articolo su Prechter:
http://financenewsoftheworldbis.blogspot.com/2010/10/prechter-says-sell-everything-but-gives.html
Robert Prechter, the opinionated Elliot Wave technical trader and permanent bear, argues in a recent discussion that the stock market is showing a “classic” “head and shoulders top” and therefore investors ought to liquidate their holdings and put most of their money in cash, with a little bit in precious metals.

Prechter doesn’t cite any evidence for this claim other than vague “technical indicators” (see the aforementioned “head and shoulders” reference).

Curiously, though he says to invest in cash and precious metals at the outset, he subsequently says gold prices will decline over the next six to seven years. Prechter therefore seems to make precious few predictions about which precious metals, or indeed which currencies, in which to invest.

From his discussion we can infer the following recommendations: Sell everything but cash and precious metals, except “precious metals” excludes gold. That’s a rather thin basis on which to trade anything, but there you have it.

Scritto il 14 Ottobre 2010 at 10:38

piu’ rischi per le commodities?
http://financenewsoftheworld.blogspot.com/2010/10/commodities-are-sizzling-risks-are.html
Practically all risk assets, and even many “risk-off” assets, have enjoyed extraordinary performance in the past month–maybe even too much. Jim Cramer, like him or not, coined the saying, “bulls make money; bears make money; pigs get slaughtered”. It would appear prudent to print out those words of wisdom and tape it to your computer screens for at least the next few weeks

Scritto il 14 Ottobre 2010 at 10:39

Finisco con questo articolo CHE TUTTI possono guardare, infatti sono vignette umoristiche sull’economia…:
http://financenewsoftheworldbis.blogspot.com/2010/10/forget-about-fraudclosure-fiasco-how.html

Scritto il 14 Ottobre 2010 at 10:42

bergasim,

Sono d’accordo l’oro nel lungo non sembra un buon investimento…MA… visto come un salvagente da possibili ecatombi finanziarie e non solo, vale la pena di tenerne un pochettino sotto il letto…

hironibiki
Scritto il 14 Ottobre 2010 at 11:03

Inquietante..
Specialmente per l’ultima frase a chiusura articolo “Eliminare le rigidità del mercato del lavoro e potenziare la crescita della produttività favorirebbero ulteriormente il processo di aggiustamento di tali economie». ”
Massì diventiamo ancora più precari dei precari. Cos’ l’economia si che riparte!

http://www.corriere.it/economia/10_ottobre_14/bce-risanamenti-ambiziosi-riforme-strutturale-area-euro_c372b6de-d76c-11df-8fad-00144f02aabc.shtml

paolo41
Scritto il 14 Ottobre 2010 at 11:51

Sono sempre i soliti discorsi che vengono fatti quando il toro è già uscito dalla stalla; tanto più che sono loro, insieme ai colleghi americani, che hanno tenuto le porte aperte. Sono tutti personaggi che costano una barca di quattrini, hanno aumentato la burocrazia,non danno il minimo valore aggiunto ma agiscono solo in difesa dei paesi più forti….

paolo41
Scritto il 14 Ottobre 2010 at 12:44

mariothegreat@finanza,

Dream Theater,

Ritorno sull’articolo di Weldon/Maulding: c’è una considerazione abbastanza importante che riguarda il rapporto fra i treasuries acquistati dalle banche centrali e dalle banche commerciali rispetto a quelli acquistati da Bernie: quest’ultimi sono una minima parte rispetto a quanto acquistato ed in portafoglio nel sistema bancario.
Tendo, quindi, a interpretare il QE2 come un ultimo tentativo per tenere su il mercato dei bond nè più nè meno come stanno tenendo su le borse.
D’altra parte Weldon ritiene che quanto sopra sia una manovra preliminare voluta per favorire, in un secondo tempo, la svalutazione del debito attraverso un aumento dei tassi e conseguente inflazione. Per il resto è un elenco di dati macro a conferma della estrema fragilità della ripresa.

bergasim
Scritto il 14 Ottobre 2010 at 14:00

A paolo 41

ilo qe2 serve più che altro a sostenere le azioni che i bond, la fed stampa moneta, acquista bond, li gira in cambio di cacca svalutata delle banche, le banche mettono i soldoni nelle riserve in eccesso ( virtuali, perchè a garanzia della cacca che hanno in portafoglio), ma ble frattempo la liquidità della fed fà salire qulasiasi cosa, tranen il dollaro, naturalmente ha un riflesso diretto sui bond perchè scendendo la curva dei tassi i bond salgono, ma se la fed non avesse attivato il qe1 e il presunto qe2, i bond sarebbero magari saliti meno, la deflazione sarebbe più marcata, le commodities, non sarebbero a questi valori e le borse sarebbero sotto teraa, ergo il qe2 serve a wall street, ma non dispiace a fatto ai gestori di bond che vedono le quotazioni dei fondi salire, gli zo 😉 mbie sono le banche e il mercato di wall street.

lampo
Scritto il 14 Ottobre 2010 at 17:07

Riguardo al futuro del nostro paese, specie per i giovani, interessante questo:
http://archiviostorico.corriere.it/2010/ottobre/06/Inps_spiega_non_rivela_pensione_co_9_101006034.shtml
Insomma stiamo (o si sta) fotxxndo un’intera generazione, senza neanche aggiungere nel conto le statistiche sulla disoccupazione giovanile.
Probabilmente i giovani precari di oggi diventeranno le badanti dei pensionati di domani! I motivi non credo che occorra spiegarli 🙄

I sondaggi di I&M

TASSO BCE a fine 2024 in %

View Results

Loading ... Loading ...