FOMC, SCADENZE e MARGIN DEBT: il momento è catartico!

Scritto il alle 08:01 da Danilo DT

Ieri sono usciti dati che di per sé non sorprendono nemmeno troppo, ma che hanno confermato una tendenza che resta indiscutibile. E che soprattutto mette ulteriore pressione ad una FED, la quale non può negare l’evidenza.
Il dato era sul PPI, ovvero il CPI alla produzione, alias l’incremento dei costi alla produzione. I numeri visti nel pomeriggio sono quantomeno…importanti…

Se la slide vi dice poco, forse la chiarezza di questo grafico farà fugare ogni dubbio.

E tenete conto che proprio domani avremo il FOMC forse più importante dell’anno proprio perché dovrà tracciare (così si aspetta il mercato) le linee guida per il 2022. E come negare l’evidenza? Il termine “transitorio” è già scomparso ma non basta giocare con le parole, ora bisogna passare ai fatti. E questo non può che intimorire la borsa, far salire i rendimenti e per le logiche di carry trade, rafforzare l’USD.

Powell dovrà di certo usare tutta l’attenzione dovuta con una forward guidance che sia rassicurante e credibile. Due termini che in questo contesto storico sono difficili da accostare anche perché il problema è riuscire a continuare a convincere tutti che “the show can go on” senza intoppi. Infatti vorrei ricordarvi questo.

Margin debt e Wall Street

Ovviamente la correlazione resta ferrea e un aumento (o una percezione tale) dei rendimenti prospettici potrebbe far scendere il margin debt (denaro preso in prestito a fini speculativi) con evidenti effetti sui mercati. Senza poi dimenticare un altro interessante tassello.

Le quattro streghe di fine anno

Il terzo venerdi di Dicembre è una delle quattro scadenze chiave a livello di opzioni e future perché chiudono il trimestre. Per assurdo quest’anno le attese delle scadenze sono inferiori ai soliti dicembre. Però c’è una cosa da dire.

Parliamo di un sottostante pari a 4,3 trillioni di USD di nozionale che scadono proprio in un contesto storico molto delicato, ovvero in concomitanza del FOMC più importante del 2021. Il rischio si chiama ovviamente volatilità. E la FED deve tenere il mostro ben ancorato alle briglie, se perde il controllo potrebbero essere dolori.

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se sei interessato agli argomenti qui espressi e vorresti approfondirli, contattami!
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)
(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!).

Tags: , ,   |
Nessun commento Commenta

I commenti sono chiusi.

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Sondaggio #2-21: SP500 a fine anno sarà... (base 3700)

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+