FOCUS: la Grecia ed eventuale effetto domino

Scritto il alle 11:38 da Danilo DT

Tutti gli occhi della finanza sono puntati sulla Grecia, molti commentatori pensano che gli scossoni potrebbero innescare addirittura una nuova crisi mondiale. Ma non è un’attenzione sproporzionata per un paese così piccolo?

Buongiorno a tutti!
Ennesima puntata della “piccola partnership” (non di tipo commerciale, ci tengo a sottolinearlo) con una casa d’investimento (AnimaSgr).
Tengo inoltre a precisare che questo video è dedicato soprattutto agli investitori magari non super professionisti, ma è anche interessante per coloro che sono più “navigati”. Piccola nota: il video è stato creato qualche giorno fa ma ritengo sia sempre valido.
Ovviamente sarò ben lieto di leggere i Vs feedback su questa iniziativa. Vi lascio al video e alla sua trascrizione. Buona visione!

Immagine anteprima YouTube

L’effetto domino a partire dal piccolo pezzo greco

D1. Oggi gli occhi della finanza mondiale sono puntati sulla Grecia. Ma non è un’attenzione sproporzionata?

In effetti la Grecia è un piccolo paese, il cui PIL vale il 2,5% di quello europeo. Tuttavia sembra che le sue sorti tengano sotto scacco l’intera finanza mondiale. I mercati reagiscono ormai a onde emotive profonde prima ancora che a ragionamenti razionali. E, da molti mesi, l’atteggiamento prevalente dei mercati sembra incline al pessimismo. La crisi si era manifestata nell’autunno del 2009 quando il nuovo governo greco aveva rivelato che i dati del suo disavanzo pubblico erano falsi e che in realtà erano tre volte più ampi.
Ciò ha generato sui mercati un’ondata speculativa che, se l’Europa avesse avuto la volontà politica, avrebbe potuto rapidamente arginare. L’Unione Europea era, però, paralizzata dalle clausole del Trattato di Maastricht ed era frenata dalla riluttanza tedesca ad effettuare qualunque tipo di salvataggio nell’Eurozona: nei mercati si è insinuato quindi il dubbio che ci fosse qualcosa di sbagliato nell’euro. Così la crisi della Grecia si è trasformata nella crisi di credibilità della Moneta Unica.

D2. E se la Grecia fosse rimasta fuori dall’euro?

In tal caso la crisi greca sarebbe rimasta un caso isolato, grave certamente, ma non
necessariamente contagioso per gli altri paesi. Il Paese avrebbe potuto svalutare la propria moneta con il duplice effetto di ridurre il valore esterno del debito e di rilanciare le proprie esportazioni sostenendo la crescita del Pil. Poiché la sostenibilità del debito è misurata dal rapporto tra debito e Pil, la riduzione del valore del debito e l’aumento del Pil avrebbero insieme contribuito ad accelerare il risanamento. Con l’euro invece c’erano solo 3 strade da percorrere:

1. salvare la Grecia, finanziando il salvataggio con risorse europee;
2. mantenere la Grecia nell’euro e gestirne in modo ordinato il “default” (cioè concordare
con i creditori tagli al valore di rimborso dei titoli);
3. lasciare uscire la Grecia dall’euro e abbandonarla al suo destino.

D3. Quale strada è stata scelta?

Un anno fa l’Europa aveva scelto la prima via, decidendo di concedere un prestito di 110 miliardi alla Grecia e varando un fondo di salvataggio per gli altri paesi nel frattempo contagiati (Irlanda e Portogallo). Oggi è chiaro che quel piano non ha funzionato ed i governi europei stanno discutendo come gestire un “default” della Grecia. I mercati intanto sono inclini al pessimismo e temono che, alla fine, prenda il sopravvento la terza opzione: l’uscita della Grecia dall’euro.
La rottura dell’euro sarebbe però un evento traumatico senza precedenti e questo varrebbe per il mondo intero. Sicuramente a soffrirne di più sarebbe la Grecia, perché i capitali fuggirebbero e si potrebbe materializzare il fallimento delle sue banche. Il contagio ad altri paesi europei periferici diventerebbe irresistibile e spingerebbe anche altri paesi fuori dalla moneta unica, con la conseguente deflagrazione di una crisi bancaria non solo nei paesi che escono dall’euro, ma anche nei paesi forti, come Germania e Francia, le cui banche sono pure
fortemente esposte sui titoli di Stato di Paesi periferici. I capitali in fuga dai Paesi deboli si riverserebbero in gran parte sui “mercati rifugio” (in primo luogo i titoli tedeschi e americani) provocando un fortissimo apprezzamento del loro cambio, che ne strozzerebbe le esportazioni e la crescita economica. È inoltre difficile immaginare che le banche americane possano rimanere immuni da uno shock di queste proporzioni. Le onde lunghe della crisi potrebbero attraversare l’Atlantico e forse anche il Pacifico. Parafrasando Keynes: mai come oggi la stabilità dei mercati può dipendere dal “semplice battito d’ali di una farfalla”. Greca questa volta.

STAY TUNED!

DT

Ti è piaciuto questo post? Clicca su Mi Piace” qui in basso a sinistra!


Vota su Wikio!
Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su database Bloomberg | NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!) | Vuoi provare il Vero Trading professionale? PROVALO GRATIS! |
Seguici anche su Twitter! CLICCA QUI! |

2 commenti Commenta
7voice
Scritto il 28 Giugno 2011 at 12:17

io mi concentrerei sul E-CAT che stanno costruendo in grecia ! con relativa centrale da il mega watt , che andrà in produzione ad ottobre prossimo ! COSTORO SE RIESCONO NELL’IMPRESA TAGLIANO LE GAMBE A PETROLIERI ED AFFINI ! QUESTO è IL VERO MOTIVO , ALTRO CHE LE KAZZATE CHE VENGONO PROPINATE DAI MEDIA MONDIALI ! AMERICANI SIETE FOTTUTI ! :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

tommy271
Scritto il 28 Giugno 2011 at 13:21

Dice bene, quello di Anima, la situazione poteva essere risolta nel gennaio 2010 ma mancavano gli strumenti nonchè la volontà politica.
D’altra parte la Germania aveva messo dei paletti per evitare il proseguio delle “gestioni allegre” del debito pubblico.
Ora siamo ad un buon punto verso la risoluzione dei molti problemi. Un nuovo pacchetto di aiuti che va ad incidere sul debito con il concorso delle banche insieme alla partenza dell’ESM nel 2013.
Un passo alla volta.
Intanto iniziamo con l’approvazione da parte del Parlamento di Atene del “pacchetto”, il voto è atteso per domani.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

#8-21: quale sarà l'asset class con il maggiore incremento di AUM?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+