FLASH COVID-19: UK sta diventando un problema?

Scritto il alle 10:27 da Danilo DT

La variante Delta al momento non viene considerata un gran che, Intanto però in tanti stati sta iniziando a perversare. E la famosa quarta ondata che in Europa (e non solo) è ormai una realtà. Basta guardare la Spagna (+ 28000 nuove infezioni nelle ultime 24h) e soprattutto il Regno Unito dove peraltro inizia a crescere anche il numero delle vittime.

(…) Sono 42.302 i contagi da coronavirus – un record dal 15 gennaio – registrati oggi in Gran Bretagna secondo i dati del bollettino che fotografa gli effetti della variante Delta. Segnalati altri 49 morti. Per tornare a questi livelli dell’emergenza covid bisogna tornare al 15 gennaio, con 55.761 casi. Ieri c’erano stati 36.660 nuovi positivi e 50 morti.
Intanto, due terzi degli adulti britannici sono stati pienamente vaccinati contro Covid-19 con due dosi. Il premier Boris Johnson ha celebrato il traguardo su Twitter, invitando tutte le persone sopra i 18 anni che ancora non lo hanno fatto a farsi immunizzare. (Source) 

Ma attenzione, la cosa bella è che l’UK addirittura allarga le maglie.

MILANO (Finanza.com)  “È assolutamente fondamentale procedere con cautela. Questa pandemia non è finita. Il coronavirus continua a comportare rischi per te e per la tua famiglia”. Così il premier inglese, Boris Johnson nella conferenza stampa di ieri sera in cui conferma la fine delle restrizioni a partire da lunedì 19 luglio. Il primo ministro britannico sottolinea come non sia possibile tornare istantaneamente da lunedì 19 luglio alla vita com’era prima del Covid.

Questo grafico vi spiega la situazione. Ma ha senso aprire proprio quando la curva si impenna in questo modo? E’ giusto mettere davanti a tutto gli interessi economici? E soprattutto, anche se ci sono meno morti in proporzione, siamo sicuri che gli effetti non possano diventare devastanti e non solo limitati alla Gran Bretagna stessa?
Spero che tutto rientri ma mi sembra di capire che questa quarta ondata sia troppo sottovalutata.

La cosa che sostiene questa “sottovalutazione” è il tasso di ospedalizzazione. Se guardiamo il grafico precedente, ci sarebbe da aspettarsi un numero di ricoveri nell’UK decisamente preoccupante. Per fortuna, per ora, non è così.

Ecco, è proprio questo l’elemento clou, ovvero il tasso di ricovero. Perchè il rischio è nuovamente mandare in tilt il sistema sanitario, cosa che non sta avvenendo e che, se dovesse avvenire, porterebbe nuovi lockdown. Ma il mercato, è chiaro, non crede a questa ipotesi. E il motivo è illustrato qui sopra, grazie a quella che in UK si sta concretizzando, ovvero la famosa “immunità di gregge”..

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia.
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

Tags: ,   |
Nessun commento Commenta

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

#9-21: PIL Globale, nel 2021 registrerà un...

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+