EUROZONA: la moneta non circola. Scenario inaccettabile.

Scritto il alle 15:34 da Danilo DT

Gli aggregati monetari (massa monetaria) stanno ormai collassando da anni.
E quando parliamo di massa monetaria ci riferiamo ovviamente alle ben note M1, M2, M3. Ora, non mettiamola troppo sul tecnico sennò poi annoiamo i lettori.
Ricordiamo solo che questi aggregati monetari misurano la quantità di moneta presente in un determinato sistema economico in un momento storico, all’interno del bilancio consolidato delle istituzioni finanziarie monetarie residenti. Gli aggregati differiscono per il loro grado di liquidità, ossia la capacità di svolgere le funzioni della moneta, la facilità con cui possono essere convertiti in moneta e la certezza del loro prezzo futuro.

Queste distinzioni hanno fatto si che venisse fatta fondamentalmente una classificazione nota come, appunto, M1, M2 e M3, secondo un ordine decrescente in termini di liquidità e crescente per ampiezza, da utilizzare nell’analisi monetaria del sistema economico.
L’analisi della massa monetaria è utile dal punto di vista pratico per analizzare il rapporto tra i prezzi e la moneta stessa, al fine di poter poi studiare la politica monetaria appropriata, in primis quella sui tassi di interesse.
In sintesi:

Aggregato M1. L’aggregato monetario ristretto (M1) comprende le banconote e le monete in circolazione e le attività finanziarie che possono svolgere il ruolo di mezzo di pagamento, ossia i depositi in conto corrente (bancari e postali). Inoltre, tutte le banconote e le monete, dette moneta legale, perché per legge devono essere accettate in pagamento, e le riserve obbligatorie delle banche presso la banca centrale costituiscono la cosiddetta base monetaria anche denominata come M0.

Aggregato M2. L’aggregato intermedio (M2) comprende M1 e altre attività a liquidità elevata e valore certo in ogni momento futuro, ma la cui conversione in M1 può essere soggetta a qualche restrizione, come la necessità di un preavviso, penalizzazioni o commissioni. Secondo la definizione della Banca Centrale Europea, esse comprendono i depositi con scadenza prestabilita fino a due anni e i depositi rimborsabili con preavviso fino a tre mesi.

Aggregato M3. L’aggregato ampio (M3) comprende, oltre a M2, alcuni strumenti emessi da varie istituzioni finanziarie monetarie con un alto grado di liquidità e di certezza del prezzo: secondo la Banca Centrale Europea, ne fanno parte le quote o partecipazioni nei fondi comuni monetari, le operazioni pronti contro termine e le obbligazioni bancarie con scadenza fino a due anni. L’analisi monetaria della Banca Centrale Europea segue con particolare attenzione l’aggregato monetario M3, perché include tutti gli strumenti liquidi, stretti sostituti tra loro, e quindi è più stabile di M1 e M2. Al contrario, negli Stati Uniti la Federal Reserve ha smesso di pubblicare l’aggregato M3 nel 2006, non ritenendolo più informativo di M2. (Source: Treccani) 

Grafico massa monetaria, velocità di circolazione della moneta, liquidità in eccesso in Eurozona

Nel grafico che vi propongo oggi, vedete M1, M2, M3 che stanno TUTTE collassando. E il parametro della liquidità in eccesso in Eurozona sta anche scendendo a rotta di collo. Il messaggio è chiarissimo. Il denaro non circola e al momento la situazione sta girando verso la totale deflazione. Inoltre non aiuta, come detto, la liquidità in eccesso.

La BCE l’ha “fissata” come soglia minima a 200 miliardi di Euro. Ora è esattamente la metà, 116 miliardi. Necessiterebbe di intervento urgente. Ma Draghi temporeggia in quanto i tassi a breve (Eonia/Euribor) al momento sono sotto controllo. Ma attenzione. Un occhio di riguardo anche alla velocità di circolazione della moneta.

La velocità di circolazione della moneta (o, più brevemente, velocità della moneta) è la frequenza media con cui un’unità di moneta è spesa in uno specifico periodo di tempo. Nell’equazione dello scambio, la velocità della moneta è una delle variabili che determinano l’inflazione. Ma è anche un chiaro segnale di ripartenza economica. (Wikipedia) 

Ops, sbaglio o anche la velocità di circolazione della moneta NON sta indicando ripresa economica? Forse dovremmo tenerne più conto di questi dati. L’Europa è potenzialmente in ripresa ma se non si liberano le potenzialità con una politica monetaria più appropriata, il clima economico tenderà a degradare inesorabilmente e anche assurdamente: quasi una forma di masochismo. Inaccettabile.

BCE inattiva? Nulla è lasciato al caso.

E allora perchè la BCE non agisce? Beh, lo sappiamo tutti. Un intervento della BCE accontenta alcuni, ma scontenta altri. E il “non far nulla”, da una parte, è segnale di “indipendenza”, ma dall’altra invece è un modus operandi che privilegia i paesi nordici, visto che la Germania (tanto per fare un nome) ha un’inflazione superiore all’1% e quindi può fare a meno di misure straordinarie almeno per il momento.
Se arriva invece un QE europeo, come ci ricorda Vito Lops de Il Sole 24 Ore…

… favorirebbe i Paesi in deflazione verso l’uscita di questa spirale e allenterebbe un po’ i morsi dell’austerity. Ma scontenterebbe la Germania,

1) perché è il maggiore creditore dell’area euro come testimoniano i saldi Target 2 e quindi beneficia di un generale clima di deflazione o bassa inflazione;

2) interropendo l’austerity sul Sud Europa sarebbe arduo per la Germania rientrare dei crediti accumulati verso i Paesi del Sud Europa attraverso il riequilibro dei conti interni e della bilancia dei pagamenti.

Peccato che questo riequilibrio stia procedendo più per una diminuzione delle importazioni (di cui il calo della domanda interna e la deflazione/disinflazione sono una conseguenza) che non per un aumento energico e corale delle importazioni. Ecco perché quando si parla di immobilismo della Bce si omette una parte della realtà. Nell’ambito di un’area valutaria frammentata e con squilibri non ancora risolti anche lo stare fermi significa favorire il più forte. (IS24H) 

Lasciare che “la natura faccia il suo corso” non è certo la soluzione migliore per noi italiani, che non facciamo parte dell’Europa “forte”. Intervenire. Subito. Prima che la nostra economia muoia del tutto.

(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!). E se lo sostieni con una donazione, di certo non mi offendo…

STAY TUNED!

Danilo DT

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto.
Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se non ce l’hai o se non ti fidi più di lui, contattami via email.
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

I need you! Sostienici!

§ Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su databases professionali e news dal web §

VN:R_U [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (2 votes cast)
EUROZONA: la moneta non circola. Scenario inaccettabile., 10.0 out of 10 based on 2 ratings
Tags:   |
6 commenti Commenta
gnutim
Scritto il 22 aprile 2014 at 15:53

intervenire come? l’unica speranza è che alle europee votiamo tutti partiti anti-euro. Ma figuriamoci, sento già le grida delle persone: che paura !!!!!!!! Se usciamo dall’euro è finita!!!!! Che paura!!!!!!!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

icaro72
Scritto il 22 aprile 2014 at 16:11

Vi rimando alle distinzioni, tra l’altro, tra Monetarismo e Scuola Austriaca…

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

idleproc
Scritto il 22 aprile 2014 at 22:36

da Wiky:
“I monetaristi ritengono che non c’è stato nessun boom di investimenti inflazionari nel 1920 in contrasto sia con i keynesiani, sia con gli economisti della scuola austriaca, che ritengono che c’era sia un livello di inflazione sia un tasso di crescita del PIL non sostenibile negli anni ’20. I monetaristi si focalizzano invece sulla contrazione dell’offerta di moneta nel periodo 1931-1933, e ritengono che la FED avrebbe potuto evitare la Grande Depressione iniettando sufficiente liquidità.”

Il monetarismo è pura ideologia ed è fondato sulla totale incomprensione del funzionamento del sistema capitalistico e della sua dinamica.
Garantisce però un sistema di potere e interessi centralizzato per cui dubito che ce li toglieremo tanto facilmente dai c.
Quella che fa DT, è una valutazione di politica economica.
Politica economica vera che stanno facendo contro i nostri interessi e di altri.
Per farla puoi usare anche la moneta, con quella fiat vai meglio ma se il “sistema monetario” fosse a base aurea e facessero come facevano a Londra molti anni fa “tra pochi”, il problema con modalità diverse, resterebbe.
Non avendo sovranità monetaria e sui mercati dei capitali e delle merci, non possiamo fare assolutamente nulla, l’esempio è stato l’attacco effettuato con lo “spread”.
Attacco reale su decisione politica, non c’entra per nulla la “fiducia”, basta innescare il processo, poi gli altri seguono e solo in questo momento si pone il problema del crollo della “fiducia”.
Il prossimo problema che avremo e della cui dimensione ce ne accorgeremo in futuro sarà quello della perdita del nostro rapporto privilegiato con la Libia (basta dare un occhio alle riserve accertate libiche di oil) e il non avere più una politica estera.
Il danno è stato strategico oltre che economico, ci ha legati mani e piedi ad un futuro di eurocolonia allargata al resto del globo.
E’ stato condotto totalmente al di sopra delle teste dei cittadini italiani da uomini delle istituzioni che ne dovevano difendere gli interessi.
Era quello che esattamente volevano fare, gioco finito e perso.
Le argomentazioni che usa DT sono tutte corrette dal mio punto di vista, anche le “richieste” che fa ma è un elemosinare decisioni favorevoli… alla concorrenza.
Tecnicamente abbiamo perso una guerra per collusione col nemico.
Tireremo a campà, in questo siamo bravi.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

icaro72
Scritto il 23 aprile 2014 at 07:47

Mah non abbiamo ancora perso una guerra per collusione con il nemico, perché quando quel nemico vincerà il suo destino sarà quello di crollare con noi.

A guerra finita, saremo tutti perdenti , alla faccia della “distruzione creativa” propugnata dalla Scuola Austriaca…

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

idleproc
Scritto il 23 aprile 2014 at 08:46

icaro72@finanza,

Come è stato ricordato da John più volte… ci sono comunque percorsi diversi e meno dolorosi per arrivare eventualmente a “perdere” e che ti lasciano più possibilità di risalire.
Interpretando politicamente il pensiero della “scuola austriaca” del quale trovi molti riferimenti in ZH come linea editoriale, è una volontà di scardinare con il passaggio alla parità aurea o panieri, il sistema di potere centralizzato e lobbystico della gestione delle politiche economiche e di riportare al mercato “puro” la dinamica di sistema.
Il mercato puro è anche la base materiale delle libertà democratiche individuali che sono fortemente radicate culturalmente in US.
Penso che sia una visione utopica “a ritroso” con questi livelli di concentrazione del capitale ma politicamente condivisibile per la difesa della democrazia in US e nel resto dell’occidente.
Esiste uno scontro politico su questi temi in US che è potenzialmente dirompente e che si riflette nel resto dell’occidente.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

icaro72
Scritto il 23 aprile 2014 at 11:49

Concordo in toto, il mio intervento era volto più che altro ad evidenziare la discrepanza tra la FED interventista con QE e quant’altro e quello che è il prender tempo della BCE, perché alla fine la BCE si muoverà solo e soltanto nel caso sia minacciata non tanto la zona euro, bensì il blocco di paesi che traggono beneficio da questo stato di cose e non hanno nessun interesse a cambiarle, almeno per ora. Si arriva, così, al pensiero esposto da Nouriel Roubini in “la crisi non è finità” dove si immagina una crisi come una sommatoria di fattori che si accumulano nel tempo e poi la forza elastica viene sprigionata in modo dirompente. Noi ora stiamo solo accumulando energia potenziale che si tradurrà, quando sarà il momento, in energia cinetica.

Un saluto, David

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

VEDO PREVEDO STRAVEDO tra 10 anni!

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+