EUROPA: vola lo spread sui titoli High Yield

Scritto il alle 09:27 da Danilo DT

L’analisi del mondo High Yield è sempre molto valida per cercare di tastare il polso all’economia e indirettamente al mondo equity.
Se quindi si va ad analizzare lo spread tra gli emittenti più solidi ed il mondo High Yield già si percepisce lo stato di salute dell’economia. Se poi si analizzano anche le tendenze il quadro diventa ancora più chiaro.

In grafico qui sopra mette a nudo l’andamento dello spread tra i Govies e gli High Yield. Le società più rischiose d’Europa hanno ora un rendimento medio del 19,66%, secondo l’indice Ice BofA che monitora il debito regionale con rating tripla C e inferiore. Ciò si traduce in uno spread – il premio pagato dalle società rispetto agli emittenti di debito pubblico – di oltre 18 punti percentuali.
Lo stesso tipo di indice, ragionato per il mondo USA, ci porta ad un rendimento medio apri al 13.47% con uno spread su Treasury pari a soli 9 punti percentuali. Esattamente la metà dello spread Europeo. Con due tendenze molto DISTINTE. Negli USA è lateralità, il che significa che il mercato sconta e si aspetta “soft landing“. In Europa è netta la tendenza al rialzo, il che sottointende forte aumento del rischio e quindi potenziale recessione.


E quindi evidente una divergenza nettissima tra i due indicatori. Identici nella struttura ma riferiti a due aree geografiche diverse.
Come i può interpretare? Tanto chiaro quanto semplice. Il rischio recessione in Europa è AMPIAMENTE visibile e scontato dal mondo obbligazionario High Yield. Ma non mi risulta che tale scenario sia visibile già su altri tipi di mercati, al di fuori del mondo High Yield. Per la cronaca, in Europa siamo arrivati ai livelli visti nel 2009. Ricordate cosa stava accadendo allora e cosa era successo negli USA?

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se sei interessato agli argomenti qui espressi e vorresti approfondirli, contattami!
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)
(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!).

ℕ𝕦𝕠𝕧𝕠 𝕔𝕒𝕟𝕒𝕝𝕖 𝕀ℕ𝕊𝕋𝔸𝔾ℝ𝔸𝕄 𝕔𝕠𝕟 𝕔𝕠𝕟𝕥𝕖𝕟𝕦𝕥𝕚 𝕖𝕤𝕔𝕝𝕦𝕤𝕚𝕧𝕚
𝕋𝕒𝕜𝕖 𝕒 𝕝𝕠𝕠𝕜!

Segui il canale Intermarketandmore su WhatsApp

 

2 commenti Commenta
reragno
Scritto il 27 Dicembre 2023 at 12:37

E in questo contesto di recessione certa in Europa vediamo il rafforzamento dell’Euro.
Cosa dire degli investitori? Sanno quello che fanno? Comincio a dubitarne fortemente.

polo
Scritto il 27 Dicembre 2023 at 14:06

E che strumenti ci sono per andare a prendere simili rendimenti? Esistono ETF su questi segmenti? Quelli che ho hy US ed Euro rendono assai meno.

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

TASSO BCE a fine 2024 in %

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+