EURO, continua la discesa. Ma il rally del Dollaro USA ha un senso?

Scritto il alle 07:44 da Danilo DT

In questa fase dove sui mercati continuano a susseguirsi correzioni e rimbalzi, mi sembra abbastanza evidente che ci sia un’asset class che invece non lasci spazio a dubbi. E quell’asset class è proprio quella che tutti davano per “troppo cara” e, allo stesso tempo la sua diretta antagonista, ovvero l’Euro, era visto da tutti a sconto.
Ovviamente sto parlando del Dollaro USA.

Come ho già più volte spiegato in passato (ripassino QUI è d’obbligo quanto meno per vedere la mappa che io definisco FONDAMENTALE per comprendere il forex), le variabili che comandano le valute sono davvero infinite, e molte possono essere sostenibili nel medio lungo termine. Ma nel breve ci sono alcune dinamiche che restano predominanti.

Dollar Index: the chart

Se andiamo a vedere l’indice guida del Dollaro USA, ovvero il Dollar Index, possiamo notare che è stato scambiato a massimi che non si vedevano da luglio 2020. Ovvio, le pubblicazioni di dati economici aiutano e non poco. Ma cosa sta veramente facendo la differenza?
Direi che il grafico che meglio rappresenta il fenomeno è questo.

EUR vs USD: differenziale rendimento 10y e posizioni COT

Guardate il differenziale di rendimento tra titoli govies USA e Euro. Sta andando tutto a favore dei T-Notes. Il mercato prende posizione, scarica Euro e compra USD e anche la speculazione (COT ci fotografa le posizioni long e short sui derivati quotati a Chicago) si adegua amplificando il movimento.
Nel breve, secondo me, non serve altro, se non un piccolo approfondimento proprio sulle posizioni in derivati. Il resto, per il BREVE termine, è noia.

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se sei interessato agli argomenti qui espressi e vorresti approfondirli, contattami!
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)
(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!).

5 commenti Commenta
kociss01
Scritto il 26 Novembre 2021 at 11:40

oggi pero’ con l’acuirsi della pandemia (nuovamente) e della ipotizzata nuova variante, assistiamo oltre AL PREVEDIBILE CROLLO DELLE BORSE, un calo abbastanza REPENTINO DEL DOLLARO NEI CONFRONTI DELLE EURO AL MOMENTO eUR/$ +0,66% , molto strano secondo me, in marzo del 2020 all’inizio della pndemia COVID -19 ci fu in FORTISISMO RAFFORZAMENTO DEL DOLLARO (flight to quality ???)

    Scritto il 26 Novembre 2021 at 15:07

    Ancora una volta è il differenziale di rendimento a comandare. In questo momento vedo il rendimento sui T-Note in discesa (perchè fly to quality)

fdonni
Scritto il 26 Novembre 2021 at 12:44

Spesso alla fine dei tuoi interessantissimi articoli rimango con il dubbio e la domanda che mi sovviene è: e quindi? Questo è uno di quelli. Salirà ancora nel breve? O pausa di riflessione e salirà ancora nel medio? O…. boh. Mi pare di intuire che la corsa può continuare, ma non so se ho capito bene…
Grazie comunque.

    Scritto il 26 Novembre 2021 at 15:06

    Innanzitutto l’obiettivo era spiegare un fenomeno. E quindi … non è un post che vuole essere preveggente ma esplicativo.
    Quindi tutto dipenderà dall’andamento del differenziale di rendimento EUR USD
    E secondo me… nel medio tenderà a favore dell’Euro ma molto dipenderà dai dati macro e dalla forward guidance delle banche centrali

fdonni
Scritto il 26 Novembre 2021 at 17:48

Danilo DT,

Quindi, se ho capito bene, a chi rialza prima i tassi. Corretto?

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

VEDO PREVEDO STRAVEDO tra 10 anni!

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+