DOLLARO USA in difficoltà. Ma ora il momento è fondamentale

Scritto il alle 12:33 da Danilo DT

us-dollar-usd-trump

Il differenziale di rendimento tra titoli USA e quelli dell’Eurozona era un’ottima giustificazione per poter vedere un rapporto tra Euro e Dollaro USA ad 1:1.
La teoria è una gran cosa ma poi all’atto pratico bisogna guardare in faccia alla realtà. E la realtà è anche la volontà dell’amministrazione Trump di avere un Dollaro NON troppo forte altrimenti ne patirebbero oltremodo le esportazioni.

Ma non è ancora il momento della “guerra valutaria“. Il mercato sfrutta i dubbi sulla fattibilità della Trumponomics e fa scendere di sua iniziativa l’USD.
La sconfitta sull’abolizione dell’Obamacare, aumenta infatti i dubbi che questa ha innescato sull’effettiva capacità della nuova amministrazione di poter condurre a termine le misure promesse di stimolo fiscale, visto che, appunto, sarà proprio il taglio delle imposte il prossimo ostacolo da aggirare e da far approvare al Congresso. Ed in molti si chiedono come farà ad avere il consenso necessario su problematiche ancora più spinose quando è andato in difficoltà già con l’Obamacare, visto che quest’ultima sarebbe già andata a favore di un corposo risparmio fiscale.
Quindi, se salta anche la riforma fiscale, potremmo assistere ad una serie di “ricalcoli” degli effetti benefici di una Trumponomics che verrebbe snaturata e fortemente debilitata.
E in tal caso che fine farà il dollaro USA?
Ho provato a guardare il grafico del Dollar Index e devo ammettere di essere stato particolarmente colpito per l’impostazione dello stesso.

Grafico Dollar Index

dollar-index-analisi-tecnica-grafico

Preferisco analizzare il Dollar Index perchè rappresenta la perfetta fotografia della forza/debolezza della moneta USA.
La tendenza (in rosa) è ancora rialzista. Ma attenzione, la trendline è perfettamente accompagnata da una media mobile fondamentale per stabilire la tendenza di medio lungo periodo, ovvero quella a 200 giorni.
E sempre in modo molto evidente, si nota anche l’importanza di area 38.2% di Fibonacci. Un livello che se violato al ribasso, comporterebbe anche la violazione della trendline e della Media mobile a 200 giorni.
L’RSI è in ipervenduto e quindi “chiama il rimbalzo”: MA attenzione, se ci fossero le violazioni di cui sopra, l’RSI perderebbe la sua efficacia e quindi si assisterebbe ad un ulteriore logoramento del Dollar Index.
Quanto mi aspetto è che il “detonatore” sia ancora una volta Donald Trump. Sempre di più elemento determinante per stabilire le tendenze dei mercati (e la cosa mi preoccupa sempre di più. Tutto nelle mani di un uomo?).

Se poi guardate il grafico, noterete che proprio area 38.2% non è nient’altro che una neckline di un testa spalle. Un ulteriore figura grafica che va a confermare il delicato momento del Dollaro USA e, quindi, del Dollar Index.

Riproduzione riservata

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia. NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)
(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (6 votes cast)
DOLLARO USA in difficoltà. Ma ora il momento è fondamentale, 10.0 out of 10 based on 6 ratings
Nessun commento Commenta

I commenti sono chiusi.

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

EURO: quale futuro ci attende?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+