CRISI PORTOGALLO: cade il Governo. Ma non è come la Grecia

Scritto il alle 10:46 da Danilo DT

crisi-governo-portogallo

Quanto è successo ieri in Portogallo è passato quasi inosservato. Complice anche il sentiment molto positivo sui mercati finanziari. Quando le cose vanno bene, e ci sono grosse aspettative, la visione dei fatti viene condizionata dalla view positiva generata dall’ottimismo.
Per carità, giusto così, è una condizione necessaria per poter ripartire e spingere consumi, economia e quant’altro.
E non si può nemmeno nascondere il fatto che la classe politica fa il possibile per “spingere” l’ottimismo, perché aiuta (e non poco) soprattutto quando si cerca di ripartire. Ecco perchè Renzi ce l’ha tanto coi “gufi”. Poi per carità, una cosa è cercare di essere realisti, un’altra è essere catastrofisti.

Ma torniamo al Portogallo. Ieri è saltato il governo. Ma attenzione, è un qualcosa in più di una semplice crisi politica.

A undici giorni dal suo insediamento, cade il governo di centrodestra portoghese, aprendo scenari da ribaltone politico che già spaventano i mercati e l’establishment europeo. Il programma del premier socialdemocratico Pedro Passos Coelho, riconfermato dopo 4 anni di risanamento ma anche dura austerity, è infatti stato bocciato con una mozione di sfiducia dall’opposizione socialista e dai partiti di sinistra (Blocco di sinistra, Comunisti e Verdi), che ora – questa l’ipotesi che crea incertezza – potrebbero dar vita a un nuovo esecutivo anti-rigore. (Source)

Fermi tutti. Pensateci un attimo. Non c’è odore di deja vu? Un governo che salta perché troppo ossessionato dall’austerity. Dall’altra parte c’è l’opposizione (la sinistra, tanto per farvi capire che i colori sono ormai una questione estetica e null’altro) che mira a combattere l’austerity stessa. Insomma, la Grecia insegna…

Tra le misure ipotizzate con i partiti di sinistra ci sono lo scongelamento delle pensioni, l’aumento dei salari dei dipendenti pubblici fino ai livelli del 2011 e il graduale innalzamento del salario minimo, modifiche al sistema fiscale che abbassino il carico sulle fasce di reddito più basse e lo alzino per quelle più abbienti, ripristino di giorni di vacanza lavorativa aboliti per ridurre il costo del lavoro, stop alle privatizzazioni e rinazionalizzazione di alcune società privatizzate… Promesse che a qualcuno hanno ricordato quelle di Syriza durante la campagna elettorale greca.

Ecco appunto, lo stavo proprio dicendo, Si sente odore di Grecia 2.0. Ma è un paragone che regge? Per certi versi ci sono delle assonanze. Ad esempio, la prima coincidenza nasce dal fatto che questo governo ha accettato il programma di aiuti imposto dall’Europa (impegnandosi in iniziative, proprio come fece Atene) e sostituirlo significherebbe anche dire NO ai patti precedentemente conclusi.
Ma proprio parlare di Grecia non è corretto. La situazione dl Portogallo è senza dubbio difficile, ma meno disastrosa rispetto a quella di Atene. il debito pubblico rapportato al PIL assomiglia di più a quello italiano, ma con un elemento molto più negativo. Mentre il nostro rapporto debito pubblico PIL si è quantomeno “stabilizzato”, per Lisbona questo ratio è letteralmente decollato negli ultimi anni.

debito-pubblico-pil-portogalloPIIGS+CIPRO+PIL+GDP+DEBT+DEBITO+PUBBLICO

Motivo? E’ il DEFICIT/PIL ad aver mosso molto e a preoccupare in modo evidente. QUESTO è il vero problema del Portogallo.

PIIGS+CIPRO+DEFICIT+PIL+GDP

Inoltre la nuova possibile coalizione ha già detto che «La traiettoria di rientro di deficit e debito pubblico non subirà variazioni».
Quindi sembra un cambio di bandiera senza però rivoluzionare le carte in tavola. Inoltre, non scordiamolo, il debito pubblico portoghese non è delle dimensioni di quello Greco e la dipendenza dai finanziamenti esteri è meno soffocante. E anche la Produzione Industriale è meno catastrofica.

portogallo-produzione-industriale-crisi
Quindi tutto bene? In apparenza la preoccupazione potrebbe anche essere relativa, anche se le problematiche ci sono, ma si sa, quando i mercati corrono molto e volano in ipercomprato, si va a caccia di scuse buone per far partire le correzioni. E questo fatto, gonfiato ed enfatizzato nel modo giusto, può contribuire ad una importante correzione.

Riproduzione riservata

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!). E se lo sostieni con una donazione, di certo non mi offendo…
Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se non ce l’hai o se non ti fidi più di lui,contattami via email ([email protected]). NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.5/10 (6 votes cast)
CRISI PORTOGALLO: cade il Governo. Ma non è come la Grecia, 9.5 out of 10 based on 6 ratings
4 commenti Commenta
Scritto il 11 novembre 2015 at 08:55

Aggiornato il post con qualche grafico “sfizioso” su debito e deficit/PIL

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +3 (from 3 votes)

incontrario
Scritto il 11 novembre 2015 at 10:44

Certo che i nostri TG due parole su quanto è successo potevano sprecarle

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

    Scritto il 11 novembre 2015 at 11:12

    Ma che, scherzi? Meglio parlare delle solite cose…

    VN:F [1.9.20_1166]
    Rating: 0 (from 0 votes)

draziz
Scritto il 11 novembre 2015 at 13:07

Da­ni­lo DT,

Il “gregge” deve essere calmo, pronto per la tosatura della prossima settimana…
E deve avere l’impressione di potersi rifare di quanto gli verrà sfilato dalle tasche, di poter nuovamente incamerare soldi per il proprio benessere, dopo aver garantito quello di politici, sistema Paese con accoliti e compagnuzzi vari…
Chissà come quest’anno il PIL sarà dello zero virgola un tot, ma poi dall’anno prossimooooo… briscola!! +1,4 e +1,7 e poiiiii… vaiiiii… ragazziiii… che decollo verticaleeee…
Sempre dall’anno prossimo…
Ah…come? Diminuiranno le tasse sulla casa, anzi le toglieranno (sulla prima)?
Ha, ha, ha…poveri allocchi…
Non avete ascoltato la litanìa del FMI (o era la BCE?) che per far progredire il Paese bisogna spostare il carico fiscale dal lavoro all’immobiliare?
Non a caso è già emersa la prima indicazione di tassazione: non più sui vani, ma sui metri quadri. E la riforma del Catasto prima o poi si farà, si farà…
Pronti a scommettere che si pagherà più di prima?
Ma come…?! Ma Renziuccio aveva detto…oooohhh…mi hanno sparato un’altra suppostaaaa…nooo…non ci crederò mai piùuuu (un’altra volta…)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +4 (from 4 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

EURO: quale futuro ci attende?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+