Crisi Grecia: ora abbiamo una certezza, il commissariamento.

Scritto il alle 00:05 da Danilo DT

Ormai accordo vicino. La Grecia non la si vuole lasciare fallire

Alzi la mano chi credeva che la riunione dell’Eurogruppo di oggi fosse stata una semplice formalità.
Per certi versi è stata invece una battaglia, che ancora non è conclusa e che molto deve ancora dirci. Solo una voce, chiara e forte esce dalle sale di Bruxelles e sembra una prima sentenza. E questa voce urla forte la parola COMMISSARIAMENTO abbinata alla nazione GRECIA.

Commissariamento: chiesto a gran voce dall’Olanda

A fare muso duro non c’è solo la solita Germania. C’è chi la batte. Ovviamente è dotato di merito creditizio molto elevato (AAA) ed è un paese dell’area centro-nordica: è l’Olanda

Bruxelles, 20 feb. – (Adnkronos) – Resiste l’atmosfera di cauto ottimismo a Bruxelles sul via libera dell’Eurogruppo agli aiuti alla Grecia, nonostante l’atteggiamento dell’Olanda, che continua a porre condizioni. “Gli olandesi sono i piu’ duri”, hanno raccontato fonti diplomatiche a margine della riunione dei ministri delle Finanze dell’eurozona, commentando la richiesta del responsabile olandese, Jan Kees de Jager, di una sorveglianza “permanente” sull’attuazione delle misure di austerity da parte di Atene.

I giochi quindi non sono ancora fatti, e allora ci sarebbe da chiedersi a cosa era dovuta l’euforia e la tranquillità dei mercati finanziari di oggi. Forse solo luce riflessa dei mercati asiatici del mattino e di Wall Street di venerdì? (Oggi Borse chiuse in USA).
Tutto può darsi. Ma ormai ci siamo abituati, inutile farsi il sangue amaro, i mercati sono guidati da dinamiche che vanno ben oltre la semplice macroeconomia tradizionale (mai sottovalutare la potenza delle Banche Centrali).

La verità è che la Grecia fa ancora molto paura e che qualsiasi soluzione si vada a prendere potrebbe essere ahimè ancora quella NON risolutiva. Tanti soldi spesi senza però mettere in sicurezza il sistema, con il rischio di una malagestione del denaro ottenuto sia dalla troika e sia dalle operazioni di risanamento (ecco il perché del commissariamento, ma per quanto tempo?) o in caso contrario di quello scenario conosciuto come “default disordinato”. Ovvero caotico e non controllabile. Lo scenario peggiore. Cosa resta? Beh, ovvio, l’uscita dall’Euro. Ma questa ipotesi sembra essere la prima che si vuole scartare. (Source: The Guardian)

Bruxelles, 20 feb. (Adnkronos/Aki) – L’ammontare complessivo del programma di salvataggio per la Grecia “non deve superare i 130 miliardi di euro”. E’ il monito del presidente dell’Eurogruppo Jean-Claude Juncker, che all’inizio della riunione dei ministri delle finanze dei 17 paesi dell’eurozona ha anche sottolineato di “supporre che questa sera arriveremo a un accordo finale e definitivo” sul secondo pacchetto di aiuti per Atene.

La BCE, i titoli “swappati” ed un haircut insufficiente

Ma non è finita qui. Che ne sarà dei titoli detenuti dalla BCE? 50 miliardi di bond “swappati” la settimana scorsa con altri titoli non attaccabili dalle clausole collettive (eh si, miei cari, la BCE non vuole perdere un centesimo). Che come andrà a finire con il PSI (Private sector involvement) in programma domani? Verrà deciso questo benedetto haircut volontario che porterà ad un abbattimeno del nominale del 50% più bond trentennali al 3.6% oppure si dovrà “osare” di più proprio per cercare uno scenario di sostenibilità futura per il debito greco? Ecco cosa ne pensa il FMI e quindi ecco perché l’haircut potrebbe essere più generoso.

(Reuters) – Greece will need additional relief if it is to cut its debts to 120 percent of GDP by 2020 and if it doesn’t follow through on structural reforms and other measures, its debt could hit 160 percent by 2020, a confidential analysis conducted by the IMF, European Central Bank and European Commission shows.

Come vedete c’è ancora tutto da fare, si è come sempre fatto un gran bel discorso senza raggiungere definitive soluzioni. Ma inizio marzo è vicino. Entro l’8 tutto dovrà esser chiaro, per far si che ci siano i tempi tecnici per il rimborso del bond da 14.4 miliardi in scadenza al 20/03 di cui ho parlato ampiamente in passato. Anche se c’è ovviamente chi si è stufato e vuole che la verità venga fuori. E che questa storia tragicomica si trasformi probabilmente in tragedia. Ma almeno venga risolta.
From Germany, Der Spiegel…

Greece is bankrupt and will need a 100 percent debt cut to get back on its feet. The bailout package about to be agreed by the euro finance ministers will help Greece’s creditors more than the country itself. EU leaders should channel the aid into rebuilding the economy rather than rewarding financial speculators for their high-risk deals. (Source

Ok cari lettori, ci risiamo. Oggi nuova puntata. Accendete il solito monitor e gustatevi l’ennesimo teatrino di una storia infinita che non vuole essere chiusa. Come nella migliore tradizione delle telenovelas pomeridiane che raggiungono senza battere ciglio, in scioltezza, anche la millesima puntata.

PS: mentre vi scrivo, noto che sono ripresi i lavori dell’Eurogruppo dopo una pasa di circa un’ora. Il tema del momento è l’HAIRCUT non più al 50% bensì al 53.5%… Sarà un lunga notte. E alla fine secondo me si troverà una quadra…

ULTIM’ORA: Accordo vicino, primo passo verso il salvataggio Grecia

Ormai il bailout è vicino. Lo si è capito chiaramente nel corso dell’incontro di ieri sera. C’era la volontà di salvare la Grecia, si voelva trovare l’accordo. E alla fine qualche passo decisivo è stato fatto.

Bruxelles, 21 feb. – (Adnkronos) – Un accordo senza precedenti per scongiurare il default e per preservare la stabilita’ finanziaria della Grecia e di tutta l’eurozona. Al termine di una maratona negoziale durata 13 ore, avviata in un clima di ottimismo e proseguita tra difficolta’ e trattative sempre piu’ difficili, i ministri delle Finanze dell’eurozona hanno trovato un’intesa per concedere ad Atene il secondo pacchetto di aiuti da 130 miliardi di euro necessario per evitare il suo fallimento.

Seguirà un post con approfondimenti.

Sostieni I&M. il tuo contributo è fondamentale per la continuazione di questo progetto!

STAY TUNED!

DT

Ti è piaciuto questo post? Clicca su Mi Piace, sul +1 e su Twitter” qui in basso a sinistra!

Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su database Bloomberg | NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)
Seguici anche su Twitter! CLICCA QUI! |

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
Nessun commento Commenta

I commenti sono chiusi.

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Come vorresti I&M?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+