BCE: disinflazione tendente a deflazione con taglio tassi

Scritto il alle 11:34 da Danilo DT

Inflation und Deflation

Il passaggio da disinflazione a deflazione non è poi così lontano. Il tasso inflazione continua a rallentare ed il mercato sconta già un ulteriore intervento della BCE.

Il petrolio è ai prezzi di saldo, ai minimi dal 2003, e ora che i mercati sono collassati, anche chi vedeva solo effetti positivi dal crollo del petrolio si sta ricredendo. Questi movimenti sussultori diventano destabilizzanti. Gli effetti arrivano anche su coloro che dovrebbero teoricamente solo beneficiare della diminuzione del prezzo del petrolio (essendo l’Italia un paese importatore). Uno dei tanti effetti che ci stiamo subendo è quello della disinflazione.
Ma cos’è la disinflazione? Con il termine disinflazione si intende il processo di diminuzione del tasso inflazione. Quindi non si intende nello specifico il passaggio ad inflazione negativa (deflazione) ma una frenata del tasso inflazione. Poi ovviamente, se l’inflazione diventa negativa, allora la disinflazione passerà in deflazione.

Cosa può fare la BCE per difenderci da questo scenario? In realtà può fare ben poco. Dati alla mano risulta quanto mai evidente che qualsiasi intervento di politica monetaria ha effetti pressoché nulli, visto che sul tasso inflazione impatta moltissimo il prezzo del petrolio . Le conseguenze si notano anche sul mercato monetario. Infatti anche se nessuno ne parla, occorre dire che i tassi interbancari hanno ormai raggiunto livelli incredibili, non perché sono solo bassi, ma perché sono passati in negativo. Già il tasso dei depositi è stato portato dalla Bce da -0.2% a -0.3% (contro attese anche più aggressive) ma questo non basta ancora. Infatti risulta evidente che il mercato, oggi, sconta un’ulteriore limatura, a -0.4%. Ulteriore segno che si sta scontando una fase di disinflazione tendente alla deflazione.
Questa è la previsione di DB. Un quadro che per fine 2016 dovrebbe un pochino rasserenarsi.

bce-tasso-depositi-previsioni-2016
Un grafico interessante, non c’è dubbio. Peccato però che sia di una relatilivè assoluta. Basterà infatti qualche “modifica” importante al cartello produttivo dell’OPEC, più qualche accordo sotto banco anche coi paesi produttori fuori dal cartello, per cambiare nuovamente tutte le carte in tavola. Quindi non ci resta che “navigare a vista”. Tutti questi bei grafici fanno cultura e anche un po’ di colore al momento. Ma poi, alla fine, hanno un’utilità pari a zero visto la relatività del futuro. Le banche centrali si trovano costrette ad adeguarsi ai mercati. Non vedo perché l’investitore non debba fare altrettanto.

Bond Grecia nei programmi di acquisto del QE Europeo?

Poi bisogna sperare che la finanza creativa non si inventi l’imponderabile. In ambito QE Europeo cosa potrebbe inventarsi Draghi? una cosa che personalmente temo e che reputerei un fallimento in partenza. L’ingresso dei governativi ellenici nei programmi di acquisto.

FRANCOFORTE (Reuters) – La Grecia deve dare prova di un solido impegno sul fronte del programma di bailout prima che la Banca centrale europea possa iniziare ad acquistare il debito pubblico ellenico nell’ambito del programma di ‘quantitative easing’.

Lo ha detto in una lettera il presidente dell’istituto centrale europeo, Mario Draghi.

Draghi ha aggiunto che anche se la Bce rinunciasse ai requisiti minimi di rating sul credito per il debito greco, le tempistiche di un eventuale acquisto dei titoli dipenderebbero anche da una serie di fattori aggiuntivi legati alle revisioni del programma e sarebbero sottoposte a vari limiti.

Bond Gov. Grecia a 2 anni: rendimenti sopra il 30% !

Bond Gov. Grecia a 2 anni: rendimenti sopra il 30% !

Mi sta bene che la BCe cerchi di contrastare la disinflazione e la possibile deflazione con tutte le armi che sono a disposizione, ma dar corso ad un programma distruttivo lo vedrei assolutamente deleterio. Ti tratterebbe secondo me di pura autodistruzione. Spero di sbagliarmi, ma ormai…non mi sorprendo più di nulla.

 

Riproduzione riservata

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!). E se lo sostieni con una donazione, di certo non mi offendo…
Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se non ce l’hai o se non ti fidi più di lui,contattami via email ([email protected]). NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (3 votes cast)
BCE: disinflazione tendente a deflazione con taglio tassi, 10.0 out of 10 based on 3 ratings
13 commenti Commenta
draziz
Scritto il 14 gennaio 2016 at 16:30

Stagflazione.
Chiamiamo le cose con il loro nome.
Un branco di pericolosi deficienti.
Diamo ad ognuno il merito del successo raggiunto nell’espletamento delle proprie mansioni, tra l’altro lautamente retribuite, a favore dei popoli.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +2 (from 2 votes)

Scritto il 14 gennaio 2016 at 16:42

draziz@finanza,

Ellapeppa…stagflazione non ancora dai… Il rischio ovviamente non si può escludere ma non nel breve

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

zanella51
Scritto il 14 gennaio 2016 at 18:07

Cosa può fare la BCE per difenderci da questo scenario? In realtà può fare ben poco.
io direi che potrebbe fare TANTISSIMO esempio dare 5000 € a tutti i cittadini europei conl’obbligo di spenderli entro 6 mesi pena la decadenza del loro valore vedrete consumi, produzione industriale inflazione salire a bomba.
siamo in un periodo di DEFLAZIONE SALARIALE quindi petrolio o non petrolio l’inflazione non salirà più la prova è proprio che nonostante il prezzo del petrolio basso l’economia non decolla come molti soloni pesudoeconomisti pronosticavano

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

draziz
Scritto il 14 gennaio 2016 at 19:52

Acc…ti sei scordato la cosiddetta “economia parallela”…
Trojions e canne (se non di peggio…)
Lo sanno, lo sanno, da qualche tempo sono calcolati e finirebbero nel circuito dei magna-magna.
Quasi come adesso… :)) :))
Ecco perchè non…sganciano.
L’unico metodo? L’obbligo del timbro del negoziante di turno, inserito in un elenco “Europeo certificato”, nel momento dell’acquisto…
Una volta si chiamava, autarchicamente, tessera annonaria…

za­nel­la51@fi­nan­za,

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Longobardo
Scritto il 14 gennaio 2016 at 19:58

zanella51@finanza,

Lo faranno….. ma non prima di aver spogliato tali cittadini di tutti i loro risparmi.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

gainhunter
Scritto il 14 gennaio 2016 at 20:41

zanella51@finanza:
io direi che potrebbe fare TANTISSIMO esempio dare 5000 € a tutti i cittadini europei conl’obbligo di spenderli entro 6 mesi pena la decadenza del loro valore vedrete consumi, produzione industriale inflazione salire a bomba.

… e i saldi target 2 ampliarsi a dismisura … perchè l’UE funziona così.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

kry
Scritto il 15 gennaio 2016 at 01:28

Da­ni­lo DT,

Danilo la stagflazione ormai c’è in due paesi ( quasi tre ) europei.

Vada per la GRECIA
ma la FINLANDIA
poi aspettiamo la SVIZZERA
http://www.tradingeconomics.com/

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Longobardo
Scritto il 15 gennaio 2016 at 10:08

kry@finanza,

StagDEflazione…

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)

Longobardo
Scritto il 15 gennaio 2016 at 10:12

http://intermarketandmore.finanza.com/recessione-deflazione-inflazione-stagflazione-3069.html

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

kry
Scritto il 15 gennaio 2016 at 10:27

Lon­go­bar­do:
[email protected]​finanza,

Stag­DE­fla­zio­ne…

GRAZIE. Ciao.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)

kry
Scritto il 15 gennaio 2016 at 10:36

Scusate , Stagdeflazione non è prevista da wikipedia e da goglee , pertanto esiste un termine economico ( che non sia IN MERDA ) quando si presentano insieme deflazione e recessione. GRAZIE.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Longobardo
Scritto il 15 gennaio 2016 at 11:36

kry@finanza,

Ciao Kry. Stag-deflation in effetti è un neologismo coniato da Roubini nel 2008, ma penso che si possa tranquillamente utilizzare anche nella forma italianizzata per definire la situazione di [email protected] nella quale ci troviamo!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

kry
Scritto il 15 gennaio 2016 at 12:10

Lon­go­bar­do,

Grazie di nuovo. Avevo trovato solo
https://www.google.it/webhp?sourceid=chrome-instant&ion=1&espv=2&ie=UTF-8#q=stagdeflazione&nfpr=1
dove si trova come mi hai confermato il binomio Bagnai-Roubini.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Euro o non Euro....questo è il problema?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+