Complimenti: tra fame nel mondo e superbonus

Scritto il alle 14:16 da Danilo DT

goldman-sachs

Questo post non servirà a nulla. Però credo sia giusto quantomeno parlarne.

Spesso e volentieri ci troviamo a contatto con incongruenze folli, indecifrabili. E così oggi, senza neanche farlo apposta, mi è successo di spulciare due quotidiani nazionali, che rispondono al nome di Corriere della Sera e La Repubblica, dove ho avuto occasione di leggere due articoli che fanno arrabbiare già se letti singolarmente. Se poi analizzati l’uno dietro l’altro, beh… vi lascio immaginare.

Partiamo dal quotidiano la Repubblica.

 

Fame nel mondo: 1 miliardo di persone muoiono di fame

 

L’allarme lo lancia la Fao. Il suo ultimo rapporto parla chiaro. Ulteriore incremento del 9% della popolazione che muore di fame. Colpa della crisi? Sicuramente. La crisi economica ha portato nel baratro anche chi già si trovava in difficoltà. Ringraziamo anche chi specula sulle commodity agricole (certo, non noi piccoli pivellini che contiamo come un granello di sabbia nel deserto del Sahara), banche ed investitori che hanno creato volatilità e a tratti prezzi inavvicinabili.
Oggi un sesto della popolazione mondiale è sulla soglia della denutrizione.
Certo, cari Governi e care Banche mondiali. C’è la crisi, preoccupiamoci di risolverla… Poi però si scopre che la crisi risolve i conti di super banche che non faranno altro che alimentare ulteriormente il gap già ampissimo tra i ricchi ed i poveri. Complimenti… E un occhio di riguardo per chi è dimenticato da tutti? No, meglio salvareGoldman Sachs, meglio regalare il denaro ad AIG, meglio stampare denaro da riversare sul mercato e alle banche le quali utilizzeranno il denaro non per risollevare le sorti dell’economia, ma per arricchirsi ulteriormente.
Complimenti.

 

Intanto tornano i super bonus

 

Ma passiamo ora al Corriere della Sera. Dopo aver letto l’articolo sulla fame nel mondo, ecco quello che fa definitivamente cadere la braccia, che ti fa scemare ogni speranza, che ti riempie di rabbia e che ti fa capire che non c’è nulla da fare. L’egoismo è il male più grande, l’egoismo è ciò che genera le guerre e l’odio. L’egoismo è l’inizio della fine ed è quello che porterà, un girono, l’uomo all’autodistruzione.
Complici il miglioramento della situazione economica (ehm…) e dei bilanci societari, Wall Street torna a parlare di trimestrali scintillanti. E con trimestrali scintillanti tornano tout court super bonus inebrianti. In primis quali sono le aziende che riempiranno le tasche di denaro ai propri manager…. Massì ! sono proprio loro, quelle aziende che hanno rischiato di chiudere, quelle aziende che sembravano allo sfascio, quelle aziende che hanno pianto miseria alla mercè del governo USA e della FED, quelle aziende che già prima distruggevano i paesi poveri e che ora continueranno nella loro devastante e indecente opera. Signori, sto ovviamente parlando delle banche e delle istituzioni finanziarie.
Poi certo, andiamo a vedere l’economia reale, non possiamo non ammettere che, forse, non si tratta di vera crescita (vi pare?) ma poco importa. Con la speculazione (ripeto, speculazione e non col mestiere tradizionale delle banche) le banche USA si sono nuovamente arricchite. E quindi vai di super bonus, vai di premi milionari, alla faccia della crisi e delle mille parole sui tetti ai premi.
Ed infatti quest’anno a Wall Street si regaleranno a dirigenti e similari di hedge funds e banche la cifra di 140 miliardi di dollari.
Volete ridere?
Ovviamente questa cifra è ben più alta di quella incassata nel 2008…. Ma anche più alta di quella del 2007, quando la crisi era ancora in “incubazione”.
Complimenti.
Ma poi…ditemi voi…come diavolo si fa a pagare 168 milioni, ripeto, 168 milioni di dollari di bonus e premi a…chi ha diretto quell’azienda chiamata AIG, nazionalizzata in fretta e furia vista la sua strategica posizione nel mercato assicurativo, riassicurativi e dei Credit default swap (CDS).

Siamo al delirio. Complimenti.

Basta, io mi fermo qui. Volutamente.
E sono certo che i lettori, se hanno un po’ di buon senso, avranno capito il messaggio che il sottoscritto, blogger da quattro soldi, ha voluto dare.
E noi stiamo qui a torturarci i marroni sul da fare e sul futuro. C’è gente che , al mondo un futuro non ce l’ha. E per questo dobbiamo anche ringraziare chi invece ruba, ha rubato e ruberà ancora. Legalmente ben inteso.

Complimenti.

STAY TUNED!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
Nessun commento Commenta

I commenti sono chiusi.

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Euro o non Euro....questo è il problema?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+