Ci risiamo: GRECIA ormai vicina ad un nuovo default

Scritto il alle 18:27 da Danilo DT

default-grecia-imminente

Nella volatilità delle ultime sedute, e malgrado la mia assenza dal posto di lavoro legata a missioni in “esterna”, ho notato un nuovo aumento dei tassi per i titoli emessi dalla Grecia. In altri termini il fenomeno si può leggere come una nuova discesa delle quotazioni dei titoli di stato di Atene.
Nulla è casuale in questo mercato, le motivazioni sono sempre più o meno plausibili, sia che si tratti di una presa di profitto oppure di un rumors di un certo tipo.
Ed ecco che i rumors magicamente si materializzano.

Greece is preparing to take the dramatic step of declaring a debt default unless it can reach a deal with its international creditors by the end of April, according to people briefed on the radical leftist government’s thinking.
The government, which is rapidly running out of funds to pay public sector salaries and state pensions, has decided to withhold €2.5bn of payments due to the International Monetary Fund in May and June if no agreement is struck, they said. (FT) 

Un nuovo default Grecia, secondo alcuni assolutamente inevitabile, sarebbe alle porte. Questo grafico mi aveva messo dei dubbi, ma di certo non mi ha fatto subito pensare al default. Qui a confronto il titolo di stato a 3 anni di Atene ed il paritetico tedesco.

grecia-bond-3yr-default

Il tiro alla fune tra Grecia, FMI e Eurozona continua, la partita non si è chiusa, e come già detto in altre occasioni diventa sempre molto difficile capire che bleffa tra Atene e il resto del mondo. Secondo alcune fonti, quindi, aprile è il mese colu e se non si trovano degli accorid nei prossimi giorni, il default sarà necessario.

I soldi in cassa si stanno esaurendo, mancano i soldi per pagare gli stipendi e quindi ecco che Atene decide di “trattenersi” parte della cifra che avrebbe dovuto riconoscere il mese prossimo al FMI, circa 2.5 miliardi di Euro.

Piccola nota. Forse non tutti sanno che c’è una simpatica postilla che mette in crisi nera la Grecia se fa la furba con il FMI.

Nel contratto tra la Grecia e il Fondo di stabilità europeo (Efsf) è indicato (art. 9, par. 1) che se l’Fmi non fosse stato pagato l’Efsf avrebbe avuto il diritto di forzare un default della Grecia. Ipotesi del tutto irrealistica, ma nel clima conflittuale della politica ateniese qualcuno era pronto a far leva sul codice penale e denunciare i responsabili di governo per tradimento nei confronti dello Stato. È solo un esempio di quanto sia complesso il negoziato tra la Grecia e i partner. (Sole) 

Le distanze tra le parti continuano a restare elevate, il famoso compromesso o se preferite “accordo” non sembra arrivare. Il pacchetto proposto dalla Grecia è ancora sempre alle condizioni che abbiamo descritto QUI, ovvero ridicole. E quindi totalmente inaffidabile.
MORALE: ora il gioco si fa duro sul serio. E non so se è sufficiente dire che “i duri iniziano a giocare” perché in questa partita c’è il rischio che ci rimettano tutti.

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!). E se lo sostieni con una donazione, di certo non mi offendo…

InvestimentoMigliore LOGO

La tua guida per gli investimenti. Take a look!

 

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto.
Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se non ce l’hai o se non ti fidi più di lui,contattami via email (intermarketandmore@gmail.com).
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:R_U [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
Ci risiamo: GRECIA ormai vicina ad un nuovo default, 10.0 out of 10 based on 1 rating
Tags: ,   |
30 commenti Commenta
perplessa
Scritto il 14 aprile 2015 at 21:49

il problema è che noi non conosciamo le reali intenzioni della Troyka, correlate a tutti gli interessi che ci stanno dietro, possiamo solo fare ipotesi sullo che conviene a loro fare per raggiungere sempre i loro obiettivi

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Scritto il 14 aprile 2015 at 23:13

perplessa@finanza,

E’ uno sporco e corrotto gioco d’azzardo di cui noi conosciamo circa il 20%.
Un braccio di ferro dove il “win-win” non esiste, se non nel mondo dei sogni

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

perplessa
Scritto il 15 aprile 2015 at 00:34

Danilo DT, va beh, al di la del del mondo dei sogni, cosa conviene a soggetti x y z si realizzi?chi trae vantaggi da un evento piuttosto che da un altro succeda in futuro?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

aorlansky60
Scritto il 15 aprile 2015 at 10:17

Se noi semplicissimi “normali” (normali se messi a confronto con quelli al vertice che conoscono le entità in gioco e relativi rischi derivanti dal caso grecia, nel caso si verifichi l’opzione più temuta) possiamo conoscere si e no solo il 20% di info significative e per questo solo riuscire ad ipotizzare, possiamo essere certi almeno di una cosa :

alla fine si traduce tutto in una partita di SOLDI a debito e di SOLDI a credito.

Non conosco il livello attuale di esposizione sul debito greco delle principali banche private europee (francesi e tedesche… magari in questo Danilo potrebbe aiutare con dati aggiornati) ma so per certo che lo Stato Italiano negli ultimi 5 anni è stato cordialmente COSTRETTO dalla UE(fonte rapporto mensile di Bankitalia sul deb pubbl) a versare complessivamente 60 miliardi di € nei vari fondi salva stati -ESM, EFSF- e che ora il suo livello di esposizione verso il debito greco -insieme a quello di Francia e Germania- non è certo entità trascurabile (una 20na di miliardi di €, cifra che nel contesto economico attuale non certo florido assume la sua criticità; quelle di Francia e Germania devono essere anche superiori).

Un altra cosa certa è che i greci non possono continuare ciecamente all’infinito perseverando sull’insostenibilità del loro sistema generando continui passivi pubblici in crescendo, a fronte di un paese che oltre al settore turismo e a quello della flotta mercantile non è in grado di fornire nient’altro a supporto; la loro spesa pubblica non è più sostenibile. Da tempo. Come al solito a soffrire saranno i più deboli e i più poveri, oltre quanto non hanno già sofferto da alcuni anni, da quando è emerso il problema in tutta la sua evidenza.

Altra cosa certa è che Francia e soprattutto Germania hanno i loro belli scheletri nell’armadio nell’essere parte in causa per quanto accade economicamente alla Grecia dal 2010. Ma come ho già detto da altre parti ormai più volte, in un unione europea solo fittizia di facciata è uno sporco gioco, dove alla fine prevalgono gli interessi di ogni Stato sovrano membro, i cui rispettivi governi devono rispondere in prima persona ai propri elettori; questo almeno nei paesi FORTI della presunta unione, perchè in quelli deboli come il nostro, i dictact provengono direttamente dal più forte, Germania in primis. E la Grecia ne sa qualcosa. Portogallo e Spagna anche.

La partita è ancora in grado di riservare sorprese, comunque : se uno si trova schiena al muro con una lama puntata alla gola, esamina qualsiasi opzione utile pur di uscirne, anche la più impensabile, proprio come ha cominciato a fare Tsipras bussando alle porte di Cina e di Russia. Sarebbe un evoluzione davvero interessante nel caso andasse in porto(per i Greci), considerando la posizione di quest’ultimi all’interno dello scenario atlantico occidentale (Nato)…

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

lorepi
Scritto il 15 aprile 2015 at 15:19

Caro Danilo, non vorrei apparire come il gufo di turno ma ho l’ impressione che prossimamente anche qualcuno di molto più grande della Grecia (che nessuno si sogna ora di pensare) potrebbe trovarsi nelle stesse condizioni. Pubblico nuovamente questo grafico che non può che far venire da ridere qualcuno e qualche brividino ad altri.

Ho sottolineato con “Perchè?” quel minimo perchè, per l’ esperienza che ho io di analisi grafica, quel minimo non è li per caso. E’ stato confezionato ad hoc per rappresentare un potente punto di rimbalzo alla prima fase di inversione ribassista di lungo periodo che dovrebbe iniziare in area 2300 (questo è l’ obiettivo di lungo al rialzo, poi vedremo). Quel rimbalzo potrebbe rappresentare il PEGGIOR PERICOLO DEGLI ULTIMI 80 anni di borsa per chi dovesse saltarci su. Ho ipotizzato un’ enorme figura di testa e spalle ribassista con punto di rottura (neck line) in area 1820. L’ obiettivo sarebbe area 1340. 1000 punti meno dell’ ipotetico massimo (se mai ci arriverà) a 2300. Tutto probabilmente in pochissimo tempo. E sarebbe solo l’ inizio. Dico sempre di essere rialzista fino a prova contraria ma dico ancora più forte che questo mercato è diventato pericolosissimo. C’è gente che si è rovinata la vita perchè non ha mai avuto a che fare con un piccolo mercato orso….questo orso sarà qualcosa che nessuno negli ultimi 80 anni ha mai visto. Non voglio passare da saccente o da colui che ha la palla di cristallo (che non esiste), questa è la mia interpretazione PER LA MIA ESPERIENZA.
Putroppo quando le cose vanno economicamente male nascono come funghi soggetti che “vendono il sogno di diventare ricco” e che spingono alcuni ad investire quei pochi risparmi che uno ha. Io vi dico di fare molta molta molta attenzione. Questo giro sarà un massacro se posizionati dalla parte sbagliata del mercato.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Scritto il 15 aprile 2015 at 15:37

lorepi,

HO già un post pronto (in uscita domani) che a tanti farà storcere il naso ma che offre spunti secondo me interessanti per chi “crede” nell’analisi tecnica.

;-)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

pasolo
Scritto il 15 aprile 2015 at 15:57

lorepi,

usando altre vie concordo sia con 2300 tra il 2016-17 sia come punto di arrivo a 1300 ma quest’ultimo livello raggiunto molto dopo ( 2024-27 )… possono sembrare tempi biblici ma potrebbe essere una buona ipotesi se pensi ad una giapponesizzazione del debito e quindi della borsa. Lo scrivo giusto per fare una fanta ipotesi e preferisco aspettare segnali operativi più brevi (max un anno ). I segnali macroeconomici americani si stanno deteriorando, aspetto solo i dati sulla disoccupazione dei prossimi mesi e il fondamentale “segnale” di analisi grafica che uso per gli USA… fino ad allora ancora long.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

lorepi
Scritto il 15 aprile 2015 at 16:32

pasolo@finanza,

Non ci resta che aspettare.

Danilo DT,

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

lorepi
Scritto il 15 aprile 2015 at 16:38

Oro sempre più vicino alla super resistenza della media a 200. Cosa accadrà? Quale notizia lo farà partire (se partirà)? Manca davvero poco.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

pasolo
Scritto il 15 aprile 2015 at 16:39

aggiungo di lasciar stare l’oro e comprare petrolio se proprio si vuole operare sulle materie prime. L’Europa dovrebbe sovraperformare gli USA visto che rispetto a loro l’inevitabile QE è partito dopo.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

lorepi
Scritto il 15 aprile 2015 at 20:55

pasolo@finanza,

Bravo Pasolo. L’ oro mi piace, e ci sono già dentro in attesa che prenda ulteriormente il volo….però mi hai dato il là per guardare il graggio e….ti ringrazio!
Ecco cosa ho scritto a Dream:
Petrolio doppio minimo da paura sul settimanale pronto a proiettarci sull’ iperspazio (in realtà obiettivo 65 dollarucci – ora 55 – da farsi probabilmente in poche sedute). Merita un tuo superpost domani e un mio superpieno di gasolio per me prima che sia tardi!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

pasolo
Scritto il 15 aprile 2015 at 21:43

lorepi,

…prego :-) dopo che ho commentato si è sparato un +2%. Sull’oro ragiono solo su segnali decennali ( come 2001-2013 ) come protezione da BEAR MARKET SECOLARI. Sembrerà strano ma dal 2009 è partito un BULL market secolare che potrebbe durare 8-12 anni, per questo scrivevo 2016-17 almeno. Successivamente francamente non so se farà come dopo il 1921-29 ( otto anni e poi -75% ) o grazie ai paracadute delle banche centrali sarà una lunga discesa planare fino al 2024…boh ;-)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

vito_t
Scritto il 16 aprile 2015 at 09:04

Certamente prima o poi i mercati cederanno e forse anche di schianto, … ma Boskov oggi certamente affermerebbe “Bolla è quando scoppia …” . Leggo da anni funeste visioni stile Lorepi, … che hanno pari dignità alle altre … ma queste purtroppo sono anni che sono sbagliate … e che molto probabilmente più che mettere in guardia hanno fatto perdere un pò di occasioni. Ognuno “indubbiamente” deve rischiare ciò che si può permettere ma queste continue letture da sfera di cristallo … lasciano il tempo che trovano … perchè se uno mi scrive quell’indice va lì, poi scende fino a lì poi rimbalza fino a lì e poi disegna un testa e spalle e poi crolla fino a lì … che cos’è se non la lettura .. della sfera di cristallo …. ?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

pasolo
Scritto il 16 aprile 2015 at 09:43

vito_t@finanzaonline,

Vito, mi permetto di rispondere: l’analisi tecnica non è altro che la traduzione dei movimenti finanziari fatte dagli investitori nel passato. Questi movimenti, come l’analista tecnico spera, si “dovrebbero” verificare ogni volta che si ripresentano le stesse condizioni che hanno generato movimenti simili in passato.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

vito_t
Scritto il 16 aprile 2015 at 09:57

pasolo@finanza,
Certo … l’analisi tecnica è … poi però ognuno con la “stessa analisi tecnica” produce previsioni diametralmente opposte , … qualcuno ha la fortuna di averle indovinate e qualcuno ha la sfortuna di averle sbagliate … Solo che certi analisti chissà perchè producono “sempre” previsioni nefaste, ovvero non sono equilibrati …. ma sono anni che accade, questo perchè nella testa si forma un’idea e poi l’analisi va a leggere ciò che è coerente con l’idea prefissata …
Io ti potrei dire che i metodi per valutare il mercato non sono solo l’analisi tecnica, e tanto per citare un esempio un p/e 20 è magari tirato in un mercato in condizioni normali, ma con i tassi a zero tantissimi gestori utilizzano sistemi di valutazione che supportano p/e maggiori .. almeno nel breve medio poi tutto potrà cambiare.
Ti faccio un esempio se tu senti Class o leggi 100 analisi sul mercato italiano, avrai sentito o letto che è tanto tempo che sostengono che il mercato è in ipercomprato ( altra ca..ta dell’analisi tecnica ) , che bla bla bla e che deve correggere, c’è chi diceva che fino a 21.500 non avrebbe comprato c’è chi ipotizzava livelli più bassi, ma il coro prevedeva ribassi … ma eravamo a 22.500 – 23.000 , oggi siamo attorno a 24.000 ..e chi ce l’ha portato il mercato lì ? Tu pensi che le case d’affari non siano stragonfie di analisti ? … Io penso che il trend è il nostro amico e cercare sempre il possibile punto di inversione porta a non cavalcare il trend…
Anche in questo blog la visione è molto più spesso negativa che positiva, .. diciamo 8 a 2 … ma ci mancherebbe, Danilo è il proprietario del blog e scrive quello che più gradisce … molto spesso produce articoli belli che insegnano qualcosa ,… ma poi 8 a 2 è sempre negativo .. ma i mercati invece vanno su !!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

pasolo
Scritto il 16 aprile 2015 at 10:18

vito_t@finanzaonline,

vero ciò che scrivi sugli analisti, per questo a mio avviso è sempre opportuno legare l’analisi tecnica a quella fondamentale e soprattutto seguire umilmente il mercato senza provare nemmeno ad anticiparlo. Anch’io come il bravo Danilo e tanti altri credo che il mercato sia sopravvalutato e che il sistema così com’è porterà sempre a crisi ( e le crisi sono sempre opportunità per i “signori dell’universo , ma allo stesso tempo ( ed è dall’autunno che scrivo che il mercato è long ) seguo il trend. Per onestà intellettuale dico che Danilo ha sempre specificato che la sua rappresentazione dello scenario macroeconomico non indica che bisogna andare short sul mercato o liquidare tutte le azioni in portafoglio… se così fosse stato dal 2010 sarebbe stata una carneficina finanziaria per i suoi lettori :-)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

pasolo
Scritto il 16 aprile 2015 at 10:47

vito_t@finanzaonline,

…certo che se un giorno il mercato dovesse fare -30% in pochi mesi e Danilo scrivesse :”…ve lo avevo detto…” beh allora un “ma mi faccia il piacere!!!” ci vorrebbe ( è una battuta o buon Danilo :-)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

lorepi
Scritto il 16 aprile 2015 at 10:54

vito_t@finanzaonline,

Caro Vito…se leggi bene i commenti vedrai che sono rialzista fino ad area 2300, che rappresenta l’ obiettivo di lungo periodo. Obiettivo giustificato con i grafici, e quindi non con le chiacchere. Studiare i grafici per me vuol dire metterli in pratica e poi guadagnare. E i guadagni vanno a dare (nell’ immobiliare) lavoro a tante persone.
Non giudico quelli che chiaccherano senza fare alcuna operatività, ne mi permetterei mai di “indirizzare” scelte di altri. Io scrivo quello che faccio e quello che vedo perchè ritengo che coloro che saranno dalla parte giusta del mercato potranno arricchirsi enormemente (ma nessuno è minimamente invitato a replicare quello che faccio io). I crolli, si sa, sono portatori di grandi profitti per chi li sa cavalcare. Sono però anche imprenditore (di famiglia e da tre generazioni) e non potrei fare questo lavoro senza guardare avanti e cercare soluzioni a quei problemi (enormi) che vedo all’ orizzonte. Ti scrivo un link di una pagina facebook (mi piace la schiettezza) da cui puoi risalire facilmente al sito e ad altre considerazioni su cosa facciamo noi da 80 anni. Quindi, caro Vito, non mi venire a fare la morale. Se avrò visto bene sono convinto che tante persone non potranno che essere felici che c’è qualcuno che pensa a loro e cerca di rendere la loro vita più semplice. Se avrò visto male, come per il trading, saprò bene quando è il momento di accettare l’ errore e ricominciare da capo con altro.
https://www.facebook.com/MultiGFirenze

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

vito_t
Scritto il 16 aprile 2015 at 11:51

lorepi,

Ma ti auguro vivamente di indovinare sempre come a tutti peraltro … ma se tu rileggessi quello che hai scritto con un minimo di auotcritica, scopriresti che l’autore … è uno che legge la sfera di cristallo, .. perchè sostieni .. quel minimo lo hanno fatto apposta, poi va a 2.300 poi storna fin li poi rimbalza fin li poi torna indietro e poi rompe … insomma sei molto avanti !!! evidentemente leggi il futuro …

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

lorepi
Scritto il 16 aprile 2015 at 12:07

vito_t@finanzaonline,

2300 è l0′ obiettivo di lungo dato da una perfetta figura di rettangolo.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

lorepi
Scritto il 16 aprile 2015 at 12:12

vito_t@finanzaonline,

è scappato il tasto…..dicevo: 2300 è l′ obiettivo di lungo dato da una perfetta figura di rettangolo.

SP500, se avessi studiato un pò i garfici nel passato, nei punti di svolta primari si comporta sempre allo stesso modo. Succederà di nuovo? BOH. Io per il momento rimango sul carro ma stai sereno che scriverò a chiare lettere quando per me è il momento di uscire. Torno a ripetere, per l’ esperienza che ho io, che quel minimo non è li per caso. Non ci resta che aspettare e vedere cosa accade. Di sicuro non sono uno che si innamora delle proprie posizioni e, nel caso, agirò di conseguenza.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

vito_t
Scritto il 16 aprile 2015 at 13:10

lorepi,
Tanto per far capire quanto è strana l’analisi tecnica, o meglio la sua interpretazione … tu sostieni che ha disegnato un rettangolo, ok. il limite superiore è di 1.552 fatto nel 2000, dopodichè è sceso fino a 768 nell’ottobre 2002, poi su nuovamente fino a 1.576 e poi nuovamente giù …. a novembre 2008 a 741, ancora ok .. rimbalza ma poi rompe sotto ed in treoria secondo il tuo modo di calcolare gli obbiettivi sarebbe dovuto andare .. sotto zero, perchè 1552 – 768 fa 784 e se sottrai questo dal limite inferiore .. arrivi un pelo sotto zero … Cosa voglio dire con questo ? che prima il rettangolo era stato rotto sotto di 100 punti che su 768 non sono pochi … però poi è ripartito tutto. Inoltre l’obbiettivo di un rettangolo si calcola come hai fatto tu ma come vedi , a volte restituisce risultati irrealistici …..

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

lorepi
Scritto il 16 aprile 2015 at 13:30

vito_t@finanzaonline,

Vedi che dovresti studiare un po’ di più. Quella barra di rottura sotto 768 è la classica trappola per orsi. Chi fosse andato short alla rottura del supporto (cosa peraltro molo pericolosa perché la rottura è avvenuta in ipervenduto e non è stata confermata dai volumi), se fosse stato disciplinato, avrebbe messo lo stop loss 1 tick sopra il massimo della barra di rottura e avrebbe chiuso in perdita la settimana successiva rientrando immediatamente long perché la barra verde successiva a quella di rottura è quella che si definisce TOP REVERSAL da seguire a occhi chiusi. Quindi, sempre per l’ analisi tecnica, quel movimento sotto il supporto in area 768 non deve essere considerato per il conteggio dell’ obiettivo rialzista del rettangolo. Poi è ovvio, se anziché in area 2300 arrivasse in area 2250 o 2350 non ci sarebbe niente di anomalo. Quello che conterà sarà intercettare la top reversal ribassista confermata da uno, max due indicatori.
Guarda Vito che non devi mica convincermi di qualcosa. Io vado per la mia strada e se avrò fatto un buon lavoro si vedranno i risultati, altrimenti ci sono sempre gli stop loss.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

lorepi
Scritto il 16 aprile 2015 at 13:32

vito_t@finanzaonline,

PS…per quanto riguarda il limite superiore non fossilizzarti sul massimo assoluto. Va visto nel complesso come ha reagito il mercato nelle varie barre. Per me il riferimento è area 1530.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

vito_t
Scritto il 16 aprile 2015 at 13:55

lorepi,

Sai che a guardare i grafici indietro sono un mostro ! non ne sbaglio una !!!
Vai per la tua strada, non mi è parso di dire cose diverse, e ribadisco ti auguro non di guadagnare ma di straguadagnare ! Però volevo farti capire una cosa , ma evidentemente non mi spiego bene, .. se tu calcoli l’obbiettivo del rettangolo in quel modo, e l’analisi tecnica lo suggerisce, … ma se rompi al ribasso è non è una falsa rottura che fai vai sotto zero ?????? come dire è un modo non corretto di calcolarlo ( almeno secondo me .. ), …
Comunque poi c’è lo stop loss … e io vorrei proprio vedere quanti inseriscono lo stopl loss preventivamente , a parte tu ….. beh forse la conta è già finita …..

Dai comunque in bocca al lupo, … e aspettiamo questi 2.300 …

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

lorepi
Scritto il 16 aprile 2015 at 14:04

vito_t@finanzaonline,

Io torno a consigliarti un buon corso di analisi tecnica. Così sapresti che gli stop loss non vanno inseriti proprio da nessuna parte. Si segue il movimento e si applicano, se nel caso, in chiusura di giornata o settimana (almeno che non si stia facendo scalping). Chi ti dice di inserirli preventivamente racconta balle perchè ci sono fior di specialisti (gli squali) che sono pagati per far razzia di stop loss durante la giornata di contrattazione sfruttando i periodi di stanca (ad esempio subito dopo pranzo) del mercato.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

vito_t
Scritto il 16 aprile 2015 at 14:36

lorepi,

Vedo che non ti manca la presunzione .. di quello sembri ricco, quello che dici tu è Vangelo !

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

warrenbuffett
Scritto il 16 aprile 2015 at 23:12

lorepi:
vito_t@finanzaonline,

è scappato il tasto…..dicevo: 2300 è l′ obiettivo di lungo dato da una perfetta figura di rettangolo.

SP500, se avessi studiato un pò i garfici nel passato, nei punti di svolta primari si comporta sempre allo stesso modo. Succederà di nuovo? BOH. Io per il momento rimango sul carro ma stai sereno che scriverò a chiare lettere quando per me è il momento di uscire. Torno a ripetere, per l’ esperienza che ho io, che quel minimo non è li per caso. Non ci resta che aspettare e vedere cosa accade. Di sicuro non sono uno che si innamora delle proprie posizioni e, nel caso, agirò di conseguenza.

Ciao Lorepi,
Mi piace il modo in cui ti esponi ed il modo in cui supporti le tue idee..
Anche io credo sia giunto il momento di prestare massima attenzione ai grafici e ai dati macro USA in peggioramento.

Solo una curiosità, disegni lo scoppio della bolla come una tragedia mai vista ma se come dici tu scenderemo di 1000 punti circa allora parliamo di un -40%, ovvero di qualcosa di già visto, anzi neanche peggio del 2008. Quindi dove sta la tragedia?

Seconda cosa, se sp500 crolla le commodities salgono? Oppure vedi un rialzo corposo pre crash?

Terza cosa, dove vedi l’arrivo a 2300? Autunno 2015? E poi rottura 1820?

Grazie e a presto! Ah, l’oro se vedi rialzo certo perché non a tripla leva?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

warrenbuffett
Scritto il 16 aprile 2015 at 23:17

Ah, grazie a Danilo per la passione e la voglia di fare a volte anche prendendo nomi in modo ingiustificato.

Ognuno deve ragionare con la propria testa, poi avere altre opinioni serve a riflettere in modo più approfondito sulle cose!

Grazie dei tanti spunti..

Ma non dovevi fornire spunto x credenti analisi tecnica?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

lorepi
Scritto il 17 aprile 2015 at 10:08

warrenbuffett@finanza,

Ciao Warren…..mica male il nome!!!
Ho perso tanti soldi nel passato e mi sono fatto un bel po’ di esperienza che mi permette di affrontare i mercati con occhi oramai distaccati…questo è un grande aiuto. Chi opera solo “virtualmente” o opera sui soldi degli altri difficilmente sa di cosa parlo. Poi a qualcuno (e non mi riferisco solo al blog) rimango sulle scatole perché sono un giovane despota. Io dico sempre che quello che conta sono i soldi che guadagno ma soprattutto le persone che posso aiutare guadagnando io soldi. Detto questo.
Leggi bene cosa ho scritto sopra: “L’ obiettivo sarebbe area 1340. 1000 punti meno dell’ ipotetico massimo (se mai ci arriverà) a 2300. Tutto probabilmente in pochissimo tempo. E SAREBBE SOLO L’ INIZIO”.
Ancora non ho alcun modo per sapere se quello sarà davvero un testa e spalle ribassista. Sono ipotesi confrontando quello che è avvenuto nel passato. L’ obiettivo rialzista è quello, almeno per me; poi sarà interessante vedere come si comporterà l’ indice. Non credo che scenderà solo di 1000 punti; purtroppo ci sono tanti segnali (non grafici) che mi fanno propendere per grossi guai all’ orizzonte. Sarebbe troppo lunga mettermi a raccontarli tutti. Sarà il tempo a dirci.
Per quanto riguarda le materie prime il sistema che uso io ha dato il segnale di inversione di lungo la settimana del 12 Gennaio 2015 confermata poi con un 123 hight nelle settimane successive. Quindi posso dire di essere rialzista su queste come sull’ azionario.

Sui tempi non ho la più pallida idea. Sto solo cominciando ad avere un brutto sospetto: che azionario e obbligazionario verranno giù insieme.
Per quanto riguarda l’ oro….dipende sempre da che cifre investi; in certi casi la leva non è necessaria.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

EURO: quale futuro ci attende?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+