Alitalia, Poste Italiane ed i Lupi volanti

Scritto il alle 10:37 da Danilo DT

Il Buongiorno di Gramellini sempre pungente: stavolta sulla nota vicenda italiana

In Italia non esiste una destra liberale perché in Italia la destra, quando non è il peronismo senza Evita di Berlusconi, è la democrazia cristiana in salsa ciellina di Lupi. Ieri il ministro dei Trasporti Amorosi ha negato che l’ingresso surreale delle Poste nell’azionariato di Alitalia configurasse un aiuto di Stato. Formalmente ha ragione lui, ed è nel bosco dei formalismi che vivono i Lupi. Però le Poste dipendono in toto dal ministero dell’Economia, che almeno fino a ieri sera faceva ancora parte dello Stato italiano. Lupi va capito: non essendo riuscito a mettere in pista le Ferrovie (forse vagheggiava dei rivoluzionari treni con le ali), ha dovuto accontentarsi di una società che fa i soldi con i libretti dei pensionati e in materia di aviazione ha già dato prova di sé rilevando la compagnuccia aerea di Bud Spencer senza mai farne decollare i bilanci, tendenti al profondo rosso.
Alitalia doveva essere ceduta cinque anni fa, ma è stata tenuta artificialmente in vita con motivazioni da bar (la relazione, inesistente, tra flussi turistici e compagnia di bandiera) e affidata dal propagandista Berlusconi a imprenditori che, pur avendo addossato i debiti alla collettività, sono riusciti a perdere un milione e mezzo di euro al giorno. Ora lo Stato butta altro denaro nella voragine di una società priva di radar, tra gli applausi di Epifani, mentre decine di piccole aziende falliscono nel silenzio generale. Ci si rivede fra sei mesi, quando i resti di Alitalia saranno venduti ai francesi a un prezzo più che dimezzato rispetto al 2008.
P.S. Oggi il Buongiorno compie 14 anni. Auguri a tutti: ne abbiamo bisogno. (SOURCE)

(Courtesy from La Stampa) 

Sostenete l’iniziativa. Abbiamo bisogno del Vostro aiuto per continuare questo progetto!


Buttate un occhio al nuovo network di

Meteo Economy: tutto quello che gli altri non dicono

| Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su databases professionali e news tratte dalla rete | NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 8.5/10 (4 votes cast)
Alitalia, Poste Italiane ed i Lupi volanti, 8.5 out of 10 based on 4 ratings
1 commento Commenta
paolo41
Scritto il 13 ottobre 2013 at 13:59

d’accordo con tutto quanto dici, comunque non ci si può esimere da quanto i vari azionisti hanno drenato in termini di dividendi e stipendi. Lo stesso problema, anzi decisamente più grave è avvenuto in Telecom. Ambedue le aziende acquistate con un leverage buy-out!!!! L’unica differenza, tanto per stare allegri, è che in Telecom è stato “baffino” ad agevolare i “capitani coraggiosi”, mentre per Alitalia c’è lo zampino di Berlusca!!!
Dimostrazione che i politici italiani non capiscono un acca, ma i capitani e i pirati sono sempre pronti ad approfittarne…. tanto pagano i contribuenti, inclusi i pensionati che mettono i loro risparmi alle Poste!!!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

EURO: quale futuro ci attende?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+