TITOLI ILLIQUIDI: il segnale della prossima crisi?

Scritto il alle 08:49 da Danilo DT

GAM: liquidazione dei fondi unconstrained/absolute return bond funds completata nei prossimi mesi. Occhio alla “crisi che verrà”.

Nelle scorse settimane avrete avuto modo di sentire o leggere quello che per molti era ERRONEAMENTE visto come uno scandalo, per altri invece come il preludio ad un Lehman Brothers BIS, ovvero un episodio che sarebbe stato poi l’anticipatore di una nuova crisi finanziaria come è successo esattamente 10 anni fa con i subprime.
Protagonista è stata una nota casa di investimento, GAM, che a dire il vero ha già avuto un passato abbastanza travagliato a livello di “proprietà”.
Ora è quanto deriva dalla separazione con l’ultimo azionista maggioritario, ovvero Julius Baer, e si professa come “puro ed indipendente”
Quanto è successo ad agosto è NOTO a (quasi tutti). Dopo il provvedimento nei confronti del money manager Tim Haywood, sono state congelate le operazioni di sottoscrizioni e rimborso delle quote del unconstrained/absolute return bond funds. Il provvedimento a detta di Gam non è legato a motivi etici, cioè a una condotta disonesta del gestore, ma alle procedure adottate dal professionista nella gestione del rischio. Fatto sta che, dopo la notizia della sospensione, i fondi sono stati presi di mira dai titolari delle quote che ne hanno chiesto in abbondanza il rimborso.
Una storia quindi che sembrava un deja vu. E non si trattava di malafede ma di errata gestione del rischio. In effetti poi, andando a fondo nella questione, si è capito un pochino di più su cosa è successo.
A creare problemi sono stati gli asset fortemente illiquidi all’interno del portafoglio. Successivamente una serie di rimborsi avrebbe messo in difficoltà il gestore. Ed ecco che è successo quello che è successo. La cosa poi interessante è che, considerando la presenza nel team di investimento di almeno 20 Portfolio Manager, del loro rilevante apporto complessivo nella produzione di alpha del fondo, GAM sta valutando, a seguito del completamento del processo di liquidazione, di lanciare un “successor fund” che possa “riportare in vita” la strategia. Per la serie “a volte ritornano perché ci crediamo”, forse con qualche Level3 meno in pancia.
Adesso i vecchi possessori di fondi verranno liquidati pian pianino, credo con perdite che al momento non sono in grado di quantificare, ma ancora una volta questo episodio dimostra che la STORIA insegna nulla.
Il problema è che con questa massa di liquidità enorme, la finanza si è ulteriormente evoluta e non si è certo “frenata”. Ricordate questo grafico?

Inoltre lo stesso Trump contribuisce al potenziale disastro, volendo limitare gli effetti della Volcker Rule.
E sembra veramente incredibile che non si voglia capire che sarà sempre più difficile mettere delle pezze in caso di difficoltà. O forse le pezze se le dovranno mettere i risparmiatori (e non vi dico dove)?
DB ha dovuto dare un bel taglio ai suoi OTC, ma il mercato non si è di certo calmierato.

INOLTRE torno alla solita questione. In caso di crisi di mercato e di “effetto domino”, quale sarà il ruolo della FINANZA PASSIVA guidata ovviamente dagli arcinoti ETF?

E infine: quanti fondi infarciti di titoli illiquidi ci saranno ancora sul mercato? In caso di fuggi fuggi che scatena un effetto domino come nel 2008, con queste enormi masse da gestire, come riuscirà il sistema ad assorbire il colpo? Inoltre le banche centrali, potranno ancora una volta salvare il mercato con operazioni straordinarie, tenendo conto del fatto che i tassi sono tuttora molto bassi, ed i bilanci delle stesse ai massimi storici? Infine, anche un ulteriore e straordinaria iniezione di liquidità in caso di crisi, come sarà “digerita” dal mercato, visto che già adesso è a livelli siderali?

Domande a cui non so rispondere e che forse NESSUNO sa rispondere. Ma capite benissimo perché continuo a dire che bisogna sperare in un mondo che continui ad andare avanti secondo le coordinate previste dal sistema. Altrimenti si scatena il TOO BIG TO SURVIVE per tutti.

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia.
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (7 votes cast)
TITOLI ILLIQUIDI: il segnale della prossima crisi?, 10.0 out of 10 based on 7 ratings
Nessun commento Commenta

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

EURO: quale futuro ci attende?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+