OUTLOOK ABI: le banche italiane non sono pronte a supportare la ripresa economica

  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • PDF
  • Print
  • Twitter
  • Technorati
  • del.icio.us
  • Wikio IT

E’ uscito ieri il consueto Report prodotto dall’ABI che potete scaricarvi cliccando direttamente QUI. 

Il Monthly Outlook sviluppa sempre un’istantanea del settore bancario decisamente interessante. E tra i tanti dati presenti nel repor ci sono alcune slides che vi voglio presentare che illustrano le anomalie del nostro sistema.
A seguito del perdurare della crisi e dei suoi effetti, la rischiosità dei prestiti in Italia è ulteriormente cresciuta, le sofferenze lorde sono risultate a febbraio 2014 pari a 162 mld, da 160,4 mld di gennaio, segnando un incremento annuo di circa il 27%.

E i tassi di interesse, sui c/c, mi sembrano ancora un po’ altini nella media, visto che i tassi sulla raccolta non sono poi cosi elevati. Colpa ovviamente della rischiosità nel concedere prestiti e l’ato tasso di sofferenze.
Inoltre le banche raccolgono sempre meno (raccolta diretta) in quanto proprio non vogliono più prestare. Ormai il loro business sono i margini da servizi, alias le commissioni. Minori rischi, maggiore valore aggiunto.
Eccovi le slides. Cliccateci sopra per ingrandirle.

“Il ruolo delle banche commerciali resterà centrale per il finanziamento delle imprese in futuro” anche se “bisogna cambiare il modello”. Lo afferma il dg di Abi Giovanni Sabatini al convegno Dimensione cliente secondo cui “ci vorranno anni per riorientare un sistema bancocentrico” come quello italiano ed europeo come chiedono autorita’ di vigilanza e istituzioni Ue. (Ansa) 

Mi sa che siamo ancora anni luce lontani da un sistema bancario che possa assistere una ripresa economica.

(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!). E se lo sostieni con una donazione, di certo non mi offendo…

STAY TUNED!

Danilo DT

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto.
Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se non ce l’hai o se non ti fidi più di lui, contattami via email.
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

I need you! Sostienici!

§ Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su databases professionali e news dal web §


VN:R_U [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
OUTLOOK ABI: le banche italiane non sono pronte a supportare la ripresa economica, 10.0 out of 10 based on 1 rating

Commenti (n° 2)Commenta

  1. gilles27 scrive:

    E i tassi di interesse, sui c/c, mi sembrano ancora un po’ altini nella media, visto che i tassi sulla raccolta non sono poi cosi elevati. Colpa ovviamente della rischiosità nel concedere prestiti e l’alto tasso di sofferenze.
    Inoltre le banche raccolgono sempre meno (raccolta diretta) in quanto proprio non vogliono più prestare. Ormai il loro business sono i margini da servizi, alias le commissioni. Minori rischi, maggiore valore aggiunto.

    …NON VOGLIONO O NON POSSONO PRESTARE? ….in moti casi la seconda che ho detto!

    VN:F [1.9.20_1166]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  2. …dipende sai? Ovviamente dalla banca!

    VN:F [1.9.20_1166]
    Rating: 0 (from 0 votes)