TASSO INFLAZIONE meglio delle attese. Il quadro intermarket e prospettive

Scritto il alle 06:14 da Danilo DT

Partiamo dai dati che già conoscete.
L’indice dei prezzi al consumo (CPI) statunitense di giugno ha registrato un raffreddamento più rapido del previsto.
Il CPI core ha registrato un aumento su base annua del 4,8% e un aumento su base mensile di appena pari allo 0,2%, notevolmente al di sotto dei livelli previsti che erano rispettivamente del 5% e dello 0,3%.
Il CPI core, insieme alle sue componenti, mostra una tendenza generale al raffreddamento, come evidenziato dai suoi indicatori di momentum, compresi i tassi di crescita annualizzati a 1 mese e 3 mesi.
Il sostanziale calo del CPI primario su base annua (3,0% rispetto al 4,05% di maggio) è stato trainato principalmente dal settore energetico.

E allo stesso tempo se parliamo di stipendi hanno mostrato il loro aumento più significativo da maggio 2021, registrando una crescita a/a rispettivamente dell’1,2% e dello 0,6%.
A seguito di questi sviluppi, le risposte iniziali del mercato sono state caratterizzate da un deprezzamento del dollaro USA insieme a una notevole contrazione del rendimento a 2 anni.

Possibile quindi trovarsi con inflazione in discesa e salari in aumento? Al momento si perché la componente “wage” è surclassata ancora dalle motivazioni che hanno reso galoppante il tasso inflazione degli ultimi mesi: l’energia.

Inutile dire che la strada è ancora lunga. Nel mondo perfetto ora ci sarebbe da aspettarsi una FED che inizia ad aprirsi a possibili tagli dei tassi. Ma attenzione, abbiamo ancora da affrontare quella che potrebbe essere una recessione (lieve) con tanto di inflazione in ripresa (proprio a causa degli stipendi). Ma proprio a quel punto dovremo ricominciare ad essere molto proattivi perché si metteranno le basi sulla futura ripresa ciclica che avremo quando la FED ricomincerà a tagliare.

Presto al momento per fare previsioni temporali. Intanto l’unica cosa che sembra chiara, è che il potenziale differenziale di tasso converge a favore dell’Euro il che porta ad avere un USD più debole quantomeno nel breve termine.

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se sei interessato agli argomenti qui espressi e vorresti approfondirli, contattami!
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)
(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!).

ℕ𝕦𝕠𝕧𝕠 𝕔𝕒𝕟𝕒𝕝𝕖 𝕀ℕ𝕊𝕋𝔸𝔾ℝ𝔸𝕄 𝕔𝕠𝕟 𝕔𝕠𝕟𝕥𝕖𝕟𝕦𝕥𝕚 𝕖𝕤𝕔𝕝𝕦𝕤𝕚𝕧𝕚
𝕋𝕒𝕜𝕖 𝕒 𝕝𝕠𝕠𝕜!

Tags: ,   |
2 commenti Commenta
vierip
Scritto il 14 Luglio 2023 at 14:17

Buongiorno a tutti!
Primi segnali contrastanti (o meglio divergenze su grafico weekly) su SP500. Come già previsto i 4500 sono stati raggiunti. A questo punto (difficile capire quando) dovremmo essere in procinto di vedere il secondo movimento intermedio ribassista che corregga il 50%. Vediamo quando effettivamente partirà la correzione che ricordo dovrebbe durare almeno 4 settimane.
Potrebbe essere l’ultima occasione per fare un giro long al termine della correzione.
Vedremo….

vierip
Scritto il 14 Luglio 2023 at 14:20

Per completezza: SE IO dovessi essere long sull’azionario mi metterei alla finestra a vedere l’evoluzione 😉

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

QUATTRO SCENARI PER IL 2024

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+