Target2: segnale di inversione?

Scritto il alle 15:30 da lampo

 

Il Presidente della BCE Mario Draghi, nella conferenza stampa dello scorso 4 ottobre ([1]), ha ribadito in maniera molto chiara la sua posizione:

OMTs will enable us to provide, under appropriate conditions, a fully effective backstop to avoid destructive scenarios with potentially severe challenges for price stability in the euro area. Let me repeat again what I have said in past months: we act strictly within our mandate to maintain price stability over the medium term; we act independently in determining monetary policy; and the euro is irreversible.

Ovvero:

In condizioni adeguate, l’OMT ci permetterà di evitare sfide potenzialmente gravi per la stabilità dei prezzi nell’area dell’euro. Ripeto ancora una volta quello che ho affermato nei mesi scorsi: agiamo rigorosamente all’interno del nostro mandato di mantenimento nel medio termine della stabilità dei prezzi; decidiamo con le nostre azioni la politica monetaria in modo indipendente; l’euro è irreversibile.

Bisogna ammettere che, anche se non ancora effettivamente in funzione, il bazooka OMT (le operazioni di acquisto illimitato di fondi) ha manifestato in pieno suoi effetti, in particolare sul sistema dei pagamenti Target2.

Pochi giorni fa, l’Institute of Empirical Economic Research dell’Università tedesca di Osnabrueck, che monitora costantemente tale sistema, ha pubblicato gli ultimi dati aggiornando il relativo grafico ([2]):

E’ evidente l’inversione della Spagna (ma anche dell’Italia) e della Germania.

Sottolineo che tutto è avvenuto solamente sulle parole della BCE dato che, di fatto, l’OMT non è ancora partito.

Nessuno ha ancora chiesto aiuto, ovvero sottoscritto le condizioni per riceverlo.

D’altronde lo stesso Draghi nella conferenza stampa, in risposta ad una domanda che sosteneva che la situazione in Spagna da agosto stava peggiorando, ha affermato che:

There was a substantial, significant improvement all across financial markets and then there was a correction. If we take a snapshot now with respect to the beginning of August we see that the various interest rate spreads are still at a level way below where they were in July. We see one comforting piece of news, as I said before, about Portugal, having issued the first three-year bond. The second piece of good news actually concerns Spain, that Spain has completed almost 90% of its funding programme for the sovereign. There has been sizeable issuance by corporations and banks since then and, something that is dear to our eyes and we always look at: TARGET2 balances (or imbalances) have stabilised. All in all, the effect has been positive. There have been sizeable inflows of bank deposits in Italy. Spain’s recourse to central bank financing has gone down in the last month.

cioè:

In tutti i mercati finanziari c’è stato un sostanziale, significativo miglioramento, seguito da una correzione. Se facciamo un’istantanea adesso rispetto all’inizio di agosto, notiamo che i vari differenziali di interesse sono ancora ad un livello inferiore al quale si trovavano nel mese di luglio. Come ho detto prima, abbiamo una confortante notizia: il Portogallo ha piazzato il suo primo bond a tre anni. La seconda buona notizia riguarda in realtà proprio la Spagna, che ha completato quasi il 90% del programma di finanziamenti del suo debito sovrano. Non di meno ci sono state emissioni consistenti da parte di società e banche, e poi c’è qualcosa che sta a cuore ai nostri occhi e dobbiamo sempre guardare: i saldi del sistema Target2 (o squilibri) si sono stabilizzati. Tutto sommato, l’effetto è stato positivo. In Italia ci sono stati consistenti afflussi di depositi bancari. Nell’ultimo mese, il ricorso della Spagna ai finanziamenti della banca centrale sono scesi. 

Per sottolineare l’importanza di questa inversione, vorrei focalizzare l’attenzione, sulla base dei dati della Bundesbank ([3]), solo sui saldi attivi vantati dalla la Banca centrale tedesca, nei confronti del sistema di pagamenti dell’Eurozona (Target2), dall’avvento dell’euro:

In particolare a settembre il dato è calato a 695,5 miliardi di euro dai 751,5 di agosto, pari ad calo del 7,2%. Si tratta della diminuzione percentuale più consistente dall’ottobre 2010 (in base alla serie storica).

Ma vorrei rimarcare il significato del miglioramento dei saldi del sistema Target2. Riflette l’andamento del fabbisogno di liquidità da parte del sistema bancario dei rispettivi Paesi, cioè del ricorso ai fondi della BCE.

Si tratta quindi del primo segnale di inversione della tendenza nel chiedere soldi in prestito alla BCE e soprattutto un ritorno di fiducia verso il sistema bancario dei Paesi periferici, con apporto di flussi di depositi (che prima scappavano verso i Paesi più virtuosi).

Certo, si tratta solo di un primo segnale. Bisogna attendere il prossimo!

Ma fermiamoci un attimo: tutto questo è avvenuto solo su dichiarazioni programmatiche!

Adesso proviamo a immaginare, come riportato dalla Reuters ([4]) uno o due mesi di acquisti massicci di titoli di stato dei Paesi periferici, ovvero la messa in opera sul mercato, da parte della BCE, del programma OMT.

Dicono che dopo seguirà una “pausa di riflessione” per monitorare gli effetti e valutare se continuare o meno…

Il tutto con il benestare e, soprattutto, partecipazione della Bundesbank!

Quali saranno gli effetti?

Buona riflessione.

Lampo

Non sai come comportarti coi tuoi investimenti? BUTTA UN OCCHIO QUI| e seguici su TWITTER per non perdere nemmeno un flash real time! Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su databases professionali e news tratte dalla rete | NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

Fonti e approfondimenti:
[1] BCE – Introductory statement to the press conference (4 ottobre 2012).
[2] Empirical Economic Research, University of Osnabrueck, Germany – Euro Crisis Monitor (5 ottobre 2012).
[3] Banca Centrale Tedesca Bundesbank – TARGET2 – Balance (30 settembre 2012).
[4] Reuters – EXCLUSIVE-ECB would buy bonds “heavily” for 1-2 mos, then assess-sources (5 ottobre 2012).

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 8.2/10 (5 votes cast)
Target2: segnale di inversione?, 8.2 out of 10 based on 5 ratings
5 commenti Commenta
gainhunter
Scritto il 9 ottobre 2012 at 07:52

Ciao lampo!
Se conferma l’inversione penso che sia un segnale molto importante.

Per caso sai che differenza c’è tra il TARGET e il TARGET2? Vedo nel grafico che i crediti della BuBa hanno iniziato a salire a fine 2007, cioè quando è stato introdotto il TARGET2. E’ lì che sono iniziate le divergenze oppure è da quel momento che si “vedono” le divergenze nel grafico perchè prima venivano saldate o si faceva in modo diverso?

Grazie come sempre per il tuo prezioso contributo :-)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Scritto il 9 ottobre 2012 at 08:15

…corretto, potrebbe essere un segnale importante. Un cambio di direzione verso una maggiore “Europeizzazione”?
Sperem…

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

lampo
Scritto il 9 ottobre 2012 at 11:18

gainhunter,

Qui trovi risposta a tutti i tuoi dubbi :wink: :
http://www.ecb.int/pub/pdf/other/target2_2006en.pdf
http://www.bancaditalia.it/sispaga/servpag/target2

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

gainhunter
Scritto il 10 ottobre 2012 at 08:09

Dream Theater,

Io lo spero ma penso che ormai siamo in pochi

lampo,

Grazie. Interessante ma purtroppo il dubbio rimane: il fatto che il TARGET era decentrato non dovrebbe influire sui dati presentati nel grafico.
A questo punto probabilmente è solo una coincidenza temporale con l’esplosione della bolla immobiliare e la crisi conseguente. Giusto?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

lampo
Scritto il 10 ottobre 2012 at 10:53

gainhunter,

Guarda i motivi sono tanti che si riuscirebbe a scrivere un libro solo per elencarli o spiegarli. La bolla immobiliare secondo me ha inciso poco (forse solo in maniera indiretta).
Comunque se leggi il riguadro 4 a pag. 37 del rapporto annuale 2011 della BCE, trovi elencate alcune motivazioni (ma non sono tutte):
http://www.ecb.int/pub/pdf/annrep/ar2011it.pdf
dalle quali puoi partire per approfondire, visto che dopo ci sono fattori che influiscono indirettamente, come la differenza di competitività tra Paesi UE, secondo me uno dei fattori indiretti principali.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Euro o non Euro....questo è il problema?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+