TAKE PROFIT: Crisi Grecia e Ucraina spingono gli operatori a prendere profitto

Scritto il alle 09:11 da Danilo DT

10take-profit-mercati

Arrivano le correzioni per i mercati. Crisi Grecia e Ucraina nel mirino, ma non solo. Intanto dalle banche d’affari si preferisce prendere profitto e poi si vedrà, visto che il conflitto sociale rischia di diventare il VERO problema dell’Eurozona.

Ora i mercati iniziano a temere anche seriamente la Grecia e l’Ucraina, per lo meno è quello che sembra di percepire.
Su entrambe le tematiche siamo infatti ancora in “alto mare” e non si vedono soluzioni facili nel breve periodo. E resta comunque molto chiaro un fatto (come già ampiamente rimarcato): l’economia è un elemento di secondo livello. Qui si tratta per entrambe le situazioni di una questione politica.
La Grecia arriva anche ad arrampicarsi sugli specchi, chiedendo alla Germania di pagare i debiti di guerra. Secondo voi i tedeschi che potevano rispondere?

Le chanche che la Germania possa pagare alla Grecia i danni di guerra sono pari a «zero». Lo ha affermato il vicecancelliere tedesco Sigmar Gabriel in una secca replica ad Alexis Tsipras. Il premier greco, nel suo primo discorso tenuto ieri in questa veste davanti al Parlamento di Atene, aveva sollevato il tema delle riparazioni di guerra dovute dalla Germania alla Grecia: «È un obbligo storico chiederle» aveva dichiarato.
«La probabilità è uguale a zero» ha replicato Gabriel, leader dei socialdemocratici tedeschi e numero due di Angela Merkel nel governo di grande coalizione Cdu-Spd: per lui la vicenda è stata chiusa con un trattato firmato 25 anni fa. (Sole)

E poi c’è l’Ucraina, è qui è palese il fatto che sia una questione politica. Nei prossimi giorni i saranno colloqui ed incontri. Ma sarà dura trovare degli accordi.
Intanto però volevo farvi notare una cosa: ricordate cosa vi ho detto qualche giorno fa? Uno dei maggiori pericoli della Crisi Grecia non è alla fine la “gestione del debito”, bensi il rischio di un contagio del “conflitto sociale”. E difatti ecco cosa sta accadendo in Spagna. Questi sono i più recenti sondaggi:

podemos-sondaggi-spagna-2015

Come potete vedere, Podemos, il partito che per certi versi va a replicare la storia di Syriza in Grecia, ad oggi è il primo partito. Ecco quindi spiegato perché la gestione del problema Grecia è politica. Alla fine si arriverà probabilmente ad una mediazione. Ma quale sarà la reazione degli altri stati? Sarà l’inizio del lassismo? Questo è da escludere, la Germania non lo accetterebbe mai.

Morale: l’atmosfera sui mercati cambia e qualcuno inizia a prendere profitto. Ecco che la banca svizzera UBS, ad esempio, decide di muoversi in questa direzione. Ecco i suoi ultimi movimenti proposti a livello di asset allocation.

ubs-asset-allocation-2015

Chiarissima l’intenzione di10, sfruttando un momento “riskoff” per poi magari tornare a prendere posizione. Sembra infatti una decisione “tattita” e non “strategica”. Ma siamo anche certi che tutto può succedere e che tutto può cambiare. Ricordate? Il 2015 sarà un anno molto diverso: e ne cominciamo a vedere gli effetti.

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!). E se lo sostieni con una donazione, di certo non mi offendo…

InvestimentoMigliore LOGO

La tua guida per gli investimenti. Take a look!

 

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto.
Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se non ce l’hai o se non ti fidi più di lui,contattami via email ([email protected]).
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:R_U [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
TAKE PROFIT: Crisi Grecia e Ucraina spingono gli operatori a prendere profitto, 10.0 out of 10 based on 1 rating
12 commenti Commenta
daino
Scritto il 10 febbraio 2015 at 09:45

Dream, perchè quando hai tempo non fai un post con la tabella dei multipli di mercato?Così magari ci facciamo un’idea sui mercati più cari e quelli più economici. L’anno scorso l’aver osservato che la Cina era il mercato trattato a prezzi migliori fu una bella idea!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

john_ludd
Scritto il 10 febbraio 2015 at 10:01

cioè sostanzialmente secondo UBS esistono plotoni di babbei che pensano che ridurre del 5% l’esposizione di una classe di asset (quale essa sia) rappresenti RIALLOCAZIONE ? L’intelligenza è sparita dal pianeta terra.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

kry
Scritto il 10 febbraio 2015 at 10:19

john_ludd@finanza:
L’intelligenza è sparita dal pianeta terra.

E’ colpa della pubblicità, due è meglio che uno. Anche la grecia lo dimostra andando ad arrampicarsi sugli specchi, chiedendo alla Germania di pagare i debiti di guerra. Andare a dire che sono ormai più di 7 anni che non rispettano i patti e sforano sistematicamente il limite del 6% del’export sul pil era troppo difficile , e si erano interessi anche per gli altri , anzi meglio dire a ma anche l’italia bla bla bla, senza contare la storia dei sommegirgibili. Mha!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Scritto il 10 febbraio 2015 at 10:32

daino,

;-) già in programma per oggi pomeriggio… un primo post eh? poi ne seguono altri

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

atomictonto
Scritto il 10 febbraio 2015 at 11:32

Pongo una domanda amletica:

Se è vero che la Grecia è stata fin dalla introduzione dell’euro un problema, qualcuno sa dire quando mai la Grecia sarà un vantaggio per l’euro?

(in pratica che ce ne facciamo??)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

kry
Scritto il 10 febbraio 2015 at 12:22

atomictonto@finanza,

Mai. L’euro è a creazione e a vantaggio degli usa così come la grecia dal punto di vista geopolitico.( parere personale altamente opinabile ). Domanda: L’euro così com’è stato impostato è un vantaggio ( germania esclusa ) ?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

john_ludd
Scritto il 10 febbraio 2015 at 12:23

Danilo DT,

i migliori multipli di mercato sono in russia, lo sanno anche i sassi e i peggiori sono in USA. Chissà perchè gli asset dei primi sono bombardati e i secondi salgono nella stratosfera. Differenti leggi di gravità, ma basta seguire il trend.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

john_ludd
Scritto il 10 febbraio 2015 at 12:25

kry@finanza,

robert mundell, il teorico dell’euro stava a ChiCago non a Francoforte

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

lukeof
Scritto il 10 febbraio 2015 at 13:45

atomictonto@finanza,

Non è poi cosi’ difficile, semplicemente quando il livello di tassazione e normazione sarà unificato, e quando appunto la gestione delle leve economiche sarà fatta a Bruxelles (realmente e efficientemente) e qando la UE diventerà (se lo diventerà) un entità univoca.
Esattamente cosi’ come il New Mexico nel 1912 pieno di messicani e indiani è diventato uno stato degli sviluppati USA.
Che poi qualcuno ci riesca ad unificare realmente l’Europa è altro discorso.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

ob1KnoB
Scritto il 10 febbraio 2015 at 14:08

quasi ot
in una negoziazione il linguaggio del corpo è determinante.
un interim di sei mesi è un grande segno di impotenza e soprattutto di paura.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

john_ludd
Scritto il 10 febbraio 2015 at 14:54

ob1KnoB@finanzaonline,

perchè sei mesi, facciamo 6 secoli, così finalmente il mercato può salire sino a 4 zibaldoni di fantastilioni… però non si potrà mai vendere… per editto… solo trasformare il titolo A nel titolo B e poi in C, D… Z e poi di nuovo nel titolo A

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

john_ludd
Scritto il 10 febbraio 2015 at 14:56

lukeof@finanza,

“Varo rendimi le mie legioni!”

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Come vorresti I&M?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+