Piazza Affari: FTSE MIB rompe il trading range al ribasso

Scritto il alle 09:30 da Danilo DT

Guest post: Trading Room #48, analisi tecnica dell’indice FTSE MIB e di azioni italiane.

Dopo tanto tergiversare, finalmente il trading range tra 17.000 e 16.000 punti di indice è stato rotto, purtroppo, al ribasso e ne è scaturito un movimento veloce che ha riportato i corsi in area 15.000 punti. Abbiamo, quindi, massimi e minimi decrescenti con discesa sotto la media mobile a 200 giorni, la tendenza di breve quindi è tracciata. La seduta di giovedì scorso, 5 aprile, ha disegnato un hammer, per cui diventano cruciali due punti: 15216 al di sotto dei quali si apre strada per un ulteriore ribasso e 15360 al di sopra dei quali è possibile assistere ad un rimbalzo. Vedremo nei prossimi giorni quale sarà l’imprinting direzionale.

GRAFICO FTSEMIB 40

L’impostazione tecnica della Banca Popolare di Milano assomiglia moltissimo a quella del Ftsemib40 con l’aggravante che non vedo segnali di rallentamento del trend. Siamo al ribasso di breve periodo e l’aspetterei in area 0,3239€ dove si potrebbe cercare un punto d’ingresso qualora tale area dovesse reggere e si dovesse formare un pattern d’acquisto.

GRAFICO BANCA POPOLARE MILANO

Più o meno lo stesso discorso vale per la Banca Popolare dell’Emilia Romagna (BPER) che è ad un passo dall’ultimo minimo posto in area 4,50€ Sarà fondamentale la tenuta di tale livello per poter sperare in un rimbalzo.

GRAFICO BPER

L’impostazione di fondo per Ferragamo è rialzista. Nel corso delle ultime sedute s’è delineato un movimento laterale sui massimi di periodo circoscritto tra il supporto posto a 15,28€ e la resistenza posta a 16,50€ Sarà necessario attendere la fuoriuscita da uno di questi due livelli per prendere posizione sul titolo.

GRAFICO FERRAGAMO

Luxottica sembra il grafico fotocopia di Ferragamo e valgono, naturalmente, le stesse considerazioni. I livelli da monitorare in questo caso sono 26,45€ e 27,65€

GRAFICO LUXOTTICA

Il trend rialzista di Azimut è sotto pressione. Non abbiamo ancora due massimi decrescenti ma il minimo relativo posto a 7,60€ corrisponde grosso modo alla chiusura di giovedì scorso e il cedimento di questo livello sarà il primo campanello d’allarme in merito ad un potenziale inversione. In caso di recupero dei corsi è importante non segnare un massimo inferiore a 8,455€ altrimenti il trend di breve, temo, girerà al ribasso.

GRAFICO AZIMUT

Diversamente da Azimut, Mediolanum ha già invertito la tendenza in ribassista. Aprirei posizioni short in caso di chiusura inferiore a 3,23€

GRAFICO MEDIOLANUM

Alberto Zanetti

Sostieni I&M. il tuo contributo è fondamentale per la continuazione di questo progetto!

Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su database Bloomberg | NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

Tags: ,   |
1 commento Commenta
gremlin
Scritto il 10 Aprile 2012 at 14:07

siamo vicini ai dividendi e i prezzi si fanno interessanti
stare in campana per entrare in acquisto fra non molto

occorre selezionare e darsi obiettivi in termini di dividend yield e crescita di valore e rapportare il tutto a target temporali

meglio ignorare i finanziari e telecomunicazioni
resta poco ma qualcosa si trova
no cassettismo, solo gestione attiva

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

VEDO PREVEDO STRAVEDO tra 10 anni!

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+