PETROLIO: movimenti da brivido in una calda stagione

Scritto il alle 09:51 da Danilo DT

crollo_prezzo_petrolio_volatilitaIn una fase abbastanza interlocutoria dei mercati finanziari, quasi prefestiva, sembra quasi che stancamente si cerchi di arrivare a fine anno per poi ripartire nel 2016 con maggiore convinzione. Verso quali direzioni? Beh, non è facile da dire. Intanto però il protagonista del momenti, il petrolio, continua nella sua fase di debolezza anche se ieri…magicamente a Wall Street c’è stato un bel rimbalzo. Ma cosa sarà mai successo?
Se uno legge le ultime previsioni ci sarebbe da rabbrividire: infatti il FMI se ne esce proprio ieri con una nota dove recita:

“L’atteso aumento dell’offerta di petrolio da parte dell’Iran dovrebbe mettere sotto pressione i prezzi globali, di un valore compreso tra $5 e $15 al barile, aumentando contestualmente il Pil globale di 0,3 punti percentuali. Sebbene è probabile che parte di questo impatto sia già scontato dal mercato dei futures, un ulteriore declino (dei prezzi) potrebbe materializzarsi con l’aumento delle esportazioni da parte dell’Iran, e a seconda di come reagiranno gli altri produttori dei paesi dell’Opec”. (Source)

Avete letto bene, si parla di importi ancora molto lontani dalla realtà attuale. Realistici? Secondo Goldman Sachs la situazione è realmente preoccupante. Secondo loro il 2016 vedrà un ritorno del petrolio SOTTO quota 20$ al barile. Ad accompagnare queste tesi sono i contratti put sul petrolio stesso. Sono decollati e le operazioni con strike in area $ 25 su giugno sono letteralmente esplose.

option-put-oil-wti-june-2016Ovvio che per molti queste opzioni rappresentano anche una polizza assicurativa, ma il fatto che l’operatività su questi strike sia così aumentata non è da sottovalutare. Il mercato ci crede e si cautela. E poi ovviamente la speculazione fa la sua parte.
Ma allora come giustificare il rialzo del petrolio di ieri sera a Wall Street? Eccovi la spiegazione.

spread-brent-wti-2015

Già ve l’ho accettano la settimana scorsa. Il Congresso americano ha abolito il divieto in vigore da quarant’anni di vendere petrolio al di fuori dei confini Usa. Quindi per farla molto breve, il WTI (Petrolio USA) ha chiuso il gap che lo separava dal Brent (Petrolio Europeo).
Se il rialzo di dieri fosse una rondine, possiamo dire che “una rondine quindi non fa primavera, per il petrolio”: anceh perché siamo in invernoed un inverno così caldo non aiuta di certo le quotazioni.

Riproduzione riservata

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!). E se lo sostieni con una donazione, di certo non mi offendo…
Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se non ce l’hai o se non ti fidi più di lui,contattami via email ([email protected]). NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 8.6/10 (5 votes cast)
PETROLIO: movimenti da brivido in una calda stagione, 8.6 out of 10 based on 5 ratings
Tags: ,   |
Nessun commento Commenta

I commenti sono chiusi.

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Come vorresti I&M?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+