OPEC: la mission contro lo shale oil sta dando i suoi frutti

Scritto il alle 11:30 da Danilo DT

Non c’è certo da sorprendersi per l’andamento del petrolio in queste ultime sedute.
Il nuovo rallentamento dell’oro nero è figlio sicuramente anche di un rallentamento globale, ma soprattutto dipende dalle news in arri dall’ultimo meeting OPEC.

Produzione “inchiodata” a 30 milioni di barili al giorno e questo volume non subirà tagli (a difesa del prezzo) per lo meno fino al 4 dicembre, in quanto c’è un obiettivo. Tagliare fuori i produttori di “shale oil” i quali, con questi livelli di prezzo del petrolio sono “fuori mercato” in quanto molto lontani dal cosiddetto prezzi di breakeven.

breakeven-petrolio-produzione-shale-oil

Dagli ultimi dati forniti da Bloomberg, risulta evidente che a seguito del crollo del prezzo del petrolio, la produzione dello shale oil è colata a picco. Esattamente come nel progetto del’OPEC. Quindi possiamo dire che la guerra del petrolio, con obiettivo di “ammazzare” la concorrenza dello shale oil anche a costo di rimetterci economicamente, senza però perdere quote di mercato, sta dando i suoi frutti.

livello-produzione-shale-oil

Riproduzione riservata

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!). E se lo sostieni con una donazione, di certo non mi offendo…

 

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto.
Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se non ce l’hai o se non ti fidi più di lui,contattami via email (intermarketandmore@gmail.com).
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

Tags: ,   |
6 commenti Commenta
john_ludd
Scritto il 9 Giugno 2015 at 15:10

La domanda cresce più lentamente dell’offerta e questo è il risultato:

ma la storia di oggi è LA RIPESA e quindi più INFLAZIONE …

john_ludd
Scritto il 9 Giugno 2015 at 15:12

questo software di m!!!a pubblica 1 disegno ogni 10 che carico, faccio prima così:

http://www.artberman.com/oil-prices-will-fall-a-lesson-in-gravity/

ivegotaces
Scritto il 9 Giugno 2015 at 18:32

… ma siccome ormai non v’è più nulla di logico e coerente, il prezzo del petrolio, anziché scendere, potrebbe salire vigorosamente. L’andamento grafico del crude mi ricorda molto l’s&p500 nel giugno 2009, quando oscillava attorno alla media mobile a 200.

john_ludd
Scritto il 9 Giugno 2015 at 19:14

ivegotaces@finanza,

il prezzo di OGNI commodity è nel breve termine determinato in parte dalla finanza. Uno dei grafici pubblicati da Berman evidenzia come la presenza di squilibri tra offerta e domanda NON si riflette istantaneamente sui prezzi. Certo però, se tale squilibrio si mantiene a lungo, il riequilibrio avviene poi fragorosamente come si è visto con la caduta dello scorso anno. Se i trader scommettono su prezzi alti a un certo punto, prima che loro finiscano i soldi che hanno posto a margine, bisogna che la domanda ecceda l’offerta e viceversa. Scommettere sul petrolio è cosa particolarmente difficile in quanto sono presenti evidenti aspetti geopolitici, il cartello OPEC è ancora un fattore, lo stato dell’economia mondiale cioè la domanda è una grande incognita con dati che vengono artefatti o comunque manipolati con sapienza.

gnutim
Scritto il 11 Giugno 2015 at 11:25

ma non pensi che la qualità del petrolio stia via via peggiorando? la presente di condensati vari non valgono come il crude arabo?

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Sondaggio #2-21: SP500 a fine anno sarà... (base 3700)

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+