La tesi di investimento in Bitcoin di MicroStrategy

Scritto il alle 15:57 da Marco Dal Prà

[articolo di Connor Dempsey – traduzione di cura di Marco Dal Prà]

In mezzo a tutta la volatilità, il dramma e l’eccitazione della DeFi, bitcoin ha iniziato a sembrare piuttosto noioso. Il suo prezzo è più o meno piatto rispetto a un anno fa tanto che non puoi nemmeno coltivarci le patate.

Mentre alcuni hanno iniziato a vedere bitcoin come una inutile roccia digitale, qualcuno ci ha trovato un modo d’uso interessante. Questa settimana, sono emersi ulteriori dettagli su come il CEO di MicroStrategy, Michael Saylor, ha convinto il consiglio di una società quotata in borsa ad allocare quasi tutta la posizione di cassa, 500 Milioni di dollari, in bitcoin.

 

Michael Saylor

Saylor si è laureato al MIT nel 1987 e ha fondato Microstrategy all’età di 24 anni. MicroStrategy è un’azienda di “Business Intelligence”, che fondamentalmente crea software che consente alle aziende di utilizzare i propri dati per guidare il processo decisionale.

Saylor, come ogni buon imprenditore di Internet degli anni ’90, ha anche acquistato un sacco di domini Internet ed è stato il ragazzo che alla fine ha venduto Voice.com a Block.One (EOS) per 30 milioni di dollari.

 

Il problema dei 500 Milioni

Per la maggior parte delle persone, avere 500 milioni di dollari in contanti non sembra un problema. Fino a poco tempo fa, non era nemmeno per le grandi aziende. C’era un tempo prima della crisi finanziaria del 2008 in cui il tasso di rendimento della liquidità privo di rischio era del 5% all’anno. Ciò significa che un’azienda potrebbe sedersi: con $ 500 milioni guadagni $ 25 milioni all’anno per non fare nulla ed hai contanti a portata di mano per eventuali tempi grigi.

Veniamo ad oggi, quando il tasso di rendimento dei conti bancari è precipitato allo 0,69% a causa delle politiche monetarie “allentate” (con la stampante monetaria che gira al massimo) insieme all’inflazione dei prezzi degli asset, ed è una storia diversa. Nelle stesse parole di Saylor, “abbiamo appena avuto la terribile consapevolezza di essere seduti su un cubetto di ghiaccio da 500 milioni di dollari che si sta sciogliendo”.

 

Cash is Trash

Allora cosa deve fare una società con un cubetto di ghiaccio che si scioglie da 500 milioni di dollari? Si scopre che non è così facile scaricare mezzo miliardo di dollari in un breve lasso di tempo.

Potresti ricomprare mezzo miliardo di azioni della tua azienda. Ma Saylor ha stimato che per un’azienda come MicroStrategy ci sarebbero voluti 4 anni. Tempo che non aveva.

Potresti comprare un immobile. Tuttavia, i prezzi degli immobili commerciali sono crollati dopo il Covid, mentre i proprietari di immobili credono ancora che i loro beni valgano quello che erano a gennaio. In altre parole, buona fortuna a chi riesce ad ottenere un giusto prezzo di mercato.

Potresti acquistare azioni blue chip. Amazon, Apple, Google, Facebook. Tuttavia, il tuo rischio è simmetrico. Ciascuno può cadere del 50% con la stessa facilità con cui può salire del 50%. Ciò ha lasciato Saylor con argento, oro, Bitcoin e altre risorse alternative. Una mossa che la società ha annunciato di voler esplorare sulla earnings call di luglio.

 

Un acquisto audace

Saylor alla fine voleva qualcosa che potesse essere dimezzato o aumentare di un fattore 10. Un investimento simile a quello che era l’acquisto di Amazon o Apple nel 2012. In altre parole, un rischio asimmetrico.

Come studente di storia tecnologica, Saylor ha osservato che la strategia vincente negli ultimi dieci anni è stata quella di trovare una sorta di “rete digitale dominante” che smaterializza qualcosa di fondamentale per la società. Apple ha smaterializzato le comunicazioni mobili. Amazon ha smaterializzato il commercio. Google ha smaterializzato il processo di raccolta delle informazioni.

Qualcosa che Saylor ha notato comune in tutte le recenti opportunità “10X”, è l’acquisto quando hanno raggiunto $ 100 miliardi di capitalizzazione di mercato e sono dieci volte più grandi del loro prossimo più grande concorrente. Poiché Bitcoin è la rete digitale dominante che smaterializza il denaro ed è 10 volte la dimensione di qualsiasi altra criptovaluta in competizione per essere una riserva di valore (senza contare ETH qui), si adattava al progetto.

 

Effettuare l’acquisto

Con la tesi in atto, la prossima cosa che Saylor doveva fare era convincere tutti in MicroStrategy a firmare la decisione non ortodossa. Per fare questo, ha semplicemente fatto scendere tutti nella tana del coniglio di Bitcoin in cui la maggior delle persone del settore è entrata.

Ha fatto in modo che tutti in azienda guardassero i video di Andreas Antonopoulous, leggessero The Bitcoin Standard, guardassero Eric Vorhees dibattere su Peter Schiff e ascoltassero i podcast di Anthony “Pomp” Pompliano e Nathaniel Whittemore. Quindi, senza forti detrattori, MicroStrategy è passata alla fase esecutiva.

Per prima cosa ad agosto (2020) hanno impiegato $ 250 milioni per acquistare 21.454 BTC e poi a settembre altri $ 175 milioni (16.796 BTC) per un totale di $ 425 milioni e 38.250 BTC.

Ciò che è affascinante è che MicroStrategy è stata in grado di aprire una posizione così ampia senza muovere realmente il mercato, senza che nessuno se ne sia accorto. Questo la dice lunga di quanto sia diventato liquido un asset come bitcoin. Per acquisire la tranche di settembre di BTC, Saylor ha rivelato di aver scambiato ininterrottamente per 74 ore, eseguendo 88.617 scambi di 0,19 BTC ogni 3 secondi.

 

Una storia per i libri di storia

Gli scettici hanno notato che le azioni di MicroStrategy (MSTR) sono in ribasso dal 2013, che è la vera ragione dietro la mossa audace di Saylor. Indipendentemente da ciò, la mossa ha implicazioni interessanti per gli azionisti della società. Come ha osservato TBI, MicroStrategy è ora sia una società di software che con ⅓ della sua capitalizzazione di mercato in Bitcoin, uno pseudo ETF Bitcoin. Al momento della scrittura, l’MSTR è aumentato del 20% rispetto alla settimana.

Solo il tempo dirà se la storia guarda indietro a questa mossa come una brillante decisione strategica o un enorme errore aziendale. A breve termine, ottiene una vittoria enorme per la tesi di investimento in oro digitale – bitcoin.

Paul Tudor Jones, gestore di hedge fund miliardario, è già dentro. Un’altra società quotata in borsa ha reso Bitcoin il principale asset dei suoi investimenti.

Mentre CFO e gestori di fondi di tutto il mondo lo notano senza dubbio, ci si deve chiedere: chi sarà il prossimo?

 

Link Utili

Pagina Twitter dell’autore – https://twitter.com/Cdempsey44

Altre informazione si cui si è basato Connor Dempsey per questo articolo sono state prese sull’intervista di Pomp con Michael Saylor.

L’articolo originale – https://messari.io/article/microstrategy-s-bitcoin-investment-thesis

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
La tesi di investimento in Bitcoin di MicroStrategy, 10.0 out of 10 based on 1 rating
Nessun commento Commenta

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

BCE: che ne sarà dei bond acquistati con il QE?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+