La LUCE in fondo al TUNNEL

Scritto il alle 10:23 da Danilo DT

Proviamo a ragionare un po’ di statistica. Basiamoci per l’occasione di alcuni dati presi in prestito da Bank Of America. In primis il solito Bull and Bear Indicator. Per la sesta e ripeto SESTA settimana consecutiva, il Bull&Bear Indicator è a ZERO. Un segnale di depressione fortissimo. Ma anche un segnale che potrebbe essere visto in chiave positiva, proprio perché nella storia SOLO con il default di Lehman Brothers abbiamo visto questo indicatore così depresso ed inchiodato sullo zero.

Poi da quei livelli partì il più grande rally della storia moderna. Dire che anche questa volta sarà così è utopico, però resta il fatto che stiamo probabilmente mettendo le basi per un rally di fine anno che potrebbe dare una mano agli investitori e recuperare parzialmente quel cumulo di perdite generate nel 2022.

Ma attenzione, le perdite sono state generate non solo dall’equity ma anche dal mercato obbligazionario. E proprio a questo proposito, possiamo notare che per il mercato dei bond USA abbiamo il peggior anno dal 1788 (-23%). So che fa sorridere ma la statistica dice questo. Sempre prendendo la statistica, dopo un periodo così cupo, dovremmo registrare un 2023 quantomeno di buona ripresa, visto che non si tratta di mercato debole per il 2022. E se poi prendiamo in esame il bond lunghi, la situazione di underperformance a livello statistico diventa disarmante.

E’ come se le banche centrali avessero perso completamente il controllo della situazione e si fossero messe alla disperata ricerca della lotta all’inflazione con rialzi violenti e consecutivi. Ma sarà così? Certo che si.
Difatti nella slide che segue, potete notare che le banche centrali del pianeta hanno alzato i tassi, nel 2022, ben 243 volte, un record assoluto che vi fa capire l’urgenza e la straordinarietà delle manovre. Quindi la statistica in questo contesto va a farsi benedire?

Non è detto perché questo tipo di manovre urgenti sono mirate ad una necessità di recuperare il tempo perduto. Se poi ci sarà il rallentamento dell’inflazione (e anche dell’economia) qualcosa potrebbe cambiare. E per i mercati significherebbe la luce in fondo al tunnel. Ma non illudiamoci, ho parlato della luce e non della fine della crisi economica in corso.

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se sei interessato agli argomenti qui espressi e vorresti approfondirli, contattami!
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)
(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!).

ℕ???? ?????? ?ℕ????ℝ?? ??? ????????? ?????????
???? ? ????!

1 commento Commenta
candlestick
Scritto il 1 Novembre 2022 at 16:02

Ciao,
faccio una piccola riflessione, qualcuno ha mai pensato che il gettito delle famiglie si sta riducendo proprio per il “carovita” generale e si acuirà da Natale in poi? e l’economia reale andrà sotto pressione proprio nei prossimi mesi? che dite? tutto dimenticato? I riscaldamenti sono ancora tutti spenti.. i prezzi roventi (si il gas per fortuna è calato, ma rimane sempre più del doppio più alto rispetto al 2021)… Pensate se una famiglia di 3 individui di cui uno è bambino, subisce un carovita di 4000€ tra inflazione e bollette varie… Non ci ha pensato ancora nessuno. Post troppo ottimista, almeno fate arrivare Febbraio con l’inverno ormai “prevedibile”. E poi l’inflazione continua a crescere i tassi di conseguenza… al 4% e chi li paga gli interessi sui muti o prestiti? sempre quelle famiglie che hanno già 4000€ di rincari annui?
Qua qualcosa non torna… Se non si passa da una recessione che almeno possa far abbassare i prezzi impazziti e quindi raffreddare l’inflazione siamo punto e a capo. Saluti, mia personale opinione.

I sondaggi di I&M

TASSO BCE a fine 2024 in %

View Results

Loading ... Loading ...