Il grande dubbio sul petrolio

Scritto il alle 15:20 da Danilo DT

Se ci dovessimo basare esclusivamente ai dati usciti ieri negli USA, potremmo dire che chi oggi investe sul petrolio è da considerarsi quantomeno come un temerario.
Innanzitutto la capacità di raffinazione è “sorprendentemente scesa”, contro le attese degli analisti. Le scorte sono decisamente aumentate, sia di greggio che dei raffinati.

Quindi sembra chiaro che il petrolio dovrebbe vivere una fase di rallentamento. Inoltre si va verso l’estate, fa caldo e quindi si consumerà meno petrolio perchè non ci si bisogna scaldare…

Niente di più sbagliato.

Infatti a livello di stagionalità, (ed è visibilissimo dai grafici degli ultimi 2 anni) ci stiamo avvicinando proprio al periodo dell’anno dove il petrolio miete nuovi massimi. Difatti aumenta enormemente il consumo di energia elettrica,  facendo lievitare le quotazioni.

Quindi il grafico secondo me è più affidabile a livello previsionale rispetto ai dati usciti ieri. Ribadisco quanto detto qualche post fa. L’impostazione è chiaramente positiva e in linea di massima ci porterà verso area 71 $ prima e 74 $ poi. Almeno questo è lo scenario per questo momento. E questo è il grafico del WTI.

IL WTI

Nessun commento Commenta

I commenti sono chiusi.

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Sondaggio #5-21: WTI crude oil a fine anno (base 50$/bar)

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+