Ecosistema BITCOIN: facciamo chiarezza

Scritto il alle 20:46 da Danilo DT

Per la rubrica “conoscere il BITCOIN” oggi l’amico Alberto ci porta alla scoperta del significato del termine BITCOIN. E credetemi, credo in pochi sappiano esattamente come funzioni in realtà il mondo delle criptovalute e nella fattispecie proprio quello del Bitcoin.
Vi lascio quindi alla lettura di questo interessante “Guest Post”.

 

Ecosistema Bitcoin

 

Con la parola Bitcoin si intendono 3 realtà diverse:

1 – bitcoin (minuscolo): la moneta o asset che si può acquistare, vendere, custodire o inviare.
2 – Bitcoin: il protocollo software che come il TC/IP di internet, è costituito dalle regole per far funzionare il sistema. Ad esempio per determinare se una transazione è valida.
3 – Bitcoin: l’ecosistema con le sue parti che lo fanno funzionare e che viene illustrato qui.

Le parti principali dell’ecosistema Bitcoin sono:

• Programmatori software
• Minatori
• Full nodes
• Wallets
• Exchanges
• Altri soggetti nuovi

PROGRAMMATORI (DEVS, DEVELOPERS)

Costruiscono il software, che è open source, e ne migliorano la stabilità e le caratteristiche.
Fanno manutenzione. Una eccezionalità di Bitcoin è che gli aggiornamenti vengono fatti al volo, come si facesse manutenzione ai motori di un aereo con i passeggeri a bordo. Nei suoi oltre 12 anni di vita, Bitcoin non si è fermato praticamente mai, funzionando per oltre il 99.98% del suo tempo, nonostante venga attaccato continuamente.
Ci sono circa 40 sviluppatori a tempo pieno e qualche centinaio part time.
Sono delle teste fini (ingegneri, crittografi e scienziati di informatica), per esempio l’MIT ha almeno uno sviluppatore dedicato a Bitcoin.
Aziende che si occupano a tempo pieno di Bitcoin sono ad esempio Blockstream. Chaincode e Lightning Labs.

MINATORI

Verificano e aggiungono le transazioni nella blockchain: minano blocchi validi.
Vengono ricompensati con delle commissioni e con nuovi bitcoin che sono emessi durante il processo di mining. Il processo di mining comporta la compilazione delle transazioni nel blocco e il tentativo di risolvere un puzzle difficile dal punto di vista del calcolo (proof of work). Una bella rappresentazione grafica dei blocchi minati e da minare si trova qui https://mempool.space/
Un minatore può essere un individuo col proprio hardware specifico o una società (farms).
Il termine per indicare la capacità computazionale del singolo o della rete si chiama hash power. La capacità totale di calcolo del sistema Bitcoin è impressionante, circa 170.000.000.000.000.000.000.000 = 170.000 Exahash al secondo.

FULL NODES

Computer che sono connessi alla rete Bitcoin con un software specifico e che verificano in pieno tutte le regole di Bitcoin, rigettando i blocchi e le transazioni che non seguono le regole del consenso e rigettando le connessioni dai peer che le hanno spedite.
Far funzionare il proprio full node è il modo per avere pieno controllo dei propri bitcoin e per avere una privacy migliore.
Ci sono circa 10,000 full nodes nel mondo (probabilmente molti di più nascosti dietro il software Tor).
La quantità e dispersione geografica dei nodi garantisce la decentralizzazione e la robustezza del sistema.

WALLET

Un wallet Bitcoin è tipicamente un programma software o un dispositivo hardware che custodisce i bitcoin. Per accuratezza tecnica, i bitcoins non sono da nessuna parte, come non sono da nessuna parte i soldi che appaiono sul nostro conto in banca ma sono solo la somma di transazioni precedenti.
Il wallet custodisce la chiave privata per poter spendere o inviare bitcoin. Il wallet crea anche le chiavi pubbliche, che sono indirizzi tipicamente utilizzati temporaneamente per ricevere bitcoin, come fossero degli indirizzi email temporanei.
Le chiavi private non vanno mai esposte, come la password della propria email.
Esempi di wallet software: Samourai Wallet, Blue Wallet. Esempi di hardware wallet: Coldcard, Trezor e Ledger.

EXCHANGES

Sono dei siti o delle attività che permettono ai clienti di scambiare bitcoin per altri asset come denaro fiat convenzionale (Euro) o altre criptovalute.
Possono spedire bitcoin al proprio wallet o a quello di altri.
Costituiscono le rampe di accesso per comprare bitcoin.
Esempi: Coinbase (USA), Kraken (Germania), The Rock Trading (Italia).

ALTRI SOGGETTI NUOVI

Istituzioni finanziarie per fondi (ETF, ETN), opzioni, futures (CME di Chicago).
Servizi di onboarding e custodia per banche o altre istituzioni finanziarie (Fidelity, NYDIG)
Società di software che forniscono servizi per Bitcoin (BTCPay Server)
OTC (over the counter): exchanges per scambiare importi rilevanti per più privacy e impedire che tali volumi incidano sulle quotazioni.

Alberto Maccatrozzo

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia.
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

Nessun commento Commenta

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

TAPERING: quando parte la FOMC con la exit strategy?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+