E adesso la FED è costretta ad accettare una nuova realtà

Scritto il alle 07:49 da Danilo DT

Sono cose di cui abbiamo già parlato in tempi non sospetti e chi segue il blog non può che prendere atto. La tematica in oggetto è il CPI headline. E il dato uscito negli ultimi giorni non ci coglie per nulla di sorpresa.

Inflation in the US, as measured by the change in the Consumer Price Index (CPI), rose to 3.2% on a yearly basis in February from 3.1% in January, the US Bureau of Labor Statistics (BLS) reported on Tuesday.Annual Core CPI, which excludes volatile food and energy prices, increased 3.8% in the same period, below the January increase of 3.9% but above the market forecast of 3.7%.
On a monthly basis, the CPI and the Core CPI both rose 0.4%. (Source

Quindi dopo aver toccato il minimo nel giugno 2023, il CPI headline/core degli Stati Uniti è di nuovo in rialzo ed è atteso a quota 3,6-4,0% entro giugno, data in cui, curiosamente, la Fed dovrebbe tagliare i tassi.

Strana questa cosa e in tale data le alternative saranno semplicemente due. O la FED NON taglia creando uno sconquasso, oppure tagli accettando quello che secondo me è naturale in questo caso, ovvero accettando un CPI più alto di quanto fatto in passato. Quindi non più il fatidico 2% ma addirittura un 3/3,5% magari per un arco temporale limitato o forse per sempre. Ora non possiamo sapere, ma di certo è un’ipotesi più che probabile.


Anche perchè non dimenticate mai una cosa. L’inflazione un po’ più alta ha effetti benefici sul debito pubblico. E voi tutti sapete che il debito del governo degli Stati Uniti sta ora aumentando di $ 1 trilione (o circa quanto la capitalizzazione di mercato di bitcoin era solo poche settimane fa) ogni 100 giorni. L’inflazione potrebbe trasformarsi in uno strumento “anti debito” anche se con effetti limitati. Ma tutto aiuta.

Ora, se l’inflazione torna a salire e il rallentamento economico si fa più presente… Andiamo verso la stagflazione? Fermi, non avanziamo ipotesi avventate, però in effetti non è uno scenario escludibile. Effetti per i mercati? Beh… dire che se la matematica non è un’opinione occorre prudenza.

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se sei interessato agli argomenti qui espressi e vorresti approfondirli, contattami!
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)
(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!).

ℕ𝕦𝕠𝕧𝕠 𝕔𝕒𝕟𝕒𝕝𝕖 𝕀ℕ𝕊𝕋𝔸𝔾ℝ𝔸𝕄 𝕔𝕠𝕟 𝕔𝕠𝕟𝕥𝕖𝕟𝕦𝕥𝕚 𝕖𝕤𝕔𝕝𝕦𝕤𝕚𝕧𝕚
𝕋𝕒𝕜𝕖 𝕒 𝕝𝕠𝕠𝕜!

1 commento Commenta
pistarr
Scritto il 18 Marzo 2024 at 12:57

Danilo scrive: ” le alternative saranno semplicemente due. O la FED NON taglia creando uno sconquasso”…….
MA…… la FED adesso è a servizio dei mercati?

Perche la FED , con le borse che aggiornano ogni giorno i loro massimi, dovrebbe TAGLIARE??? per compiacere il mercato?
Qui stiamo impazzendo tutti. SCONQUASSO? una correzione del 5-10%,se arrivasse ,sarebbe uno sconquasso?
Allora diciamo pure che i mercati saliranno in eterno con buona pace dei post educativi che invitano alla prudenza
e considerando più probabile, (Danilo dixit), l’opzione taglio, accettando inflazione più alta , buona pace anche a Danilo , che da tempo fatico a riconoscere….forse non può più dire ciò che pensa

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

VEDO PREVEDO STRAVEDO tra 10 anni!

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+