Da GameStop a Elon Musk, Bitcoin trova sempre più sostenitori

Scritto il alle 11:05 da Marco Dal Prà

Oggi a proposito di Bitcoin vi propongo un articolo pubblicato il 2 Febbraio dal quotidiano londinese The Independent. L’autore è una delle tante persone del mondo finanziario che ha “sposato” la causa della criptovaluta più famosa e soprattutto che la vede come possibile valuta di riserva detenuta dalle Banche Centrali, a partire da quelle dei paesi emergenti.

Il tutto “ovviamente” per contrastare il predominio del Dollaro come valuta di riserva mondiale, che permane da 1944, un periodo che l’autore ritiene ormai eccessivo.

La vicenda Gamestop, tra l’altro, ha portato nuovi sostenitori nel mondo Bitcoin, per via della sua incorruttibilità rispetto al sistema finanziario, come riportato da un utente di Reddit in un post che vorrei proporre anche qui su I&M.

Nel frattempo vi lascio alla traduzione in italiano dell’articolo del giornale inglese.


GameStop, Musk e criptovalute potrebbero porre fine alla disuguaglianza globale e indebolire il potere americano

di Muhammed Yesilhark per The Independent

2 Feb 2021

Senza la povertà intrinseca che porta un’economia legata al dollaro, potremmo creare non solo un mondo più prospero, ma anche più pacifico

 

Il raid GameStop – con l’approvazione di Elon Musk e del miliardario degli hedge fund Ray Dalio – sta portando Bitcoin nel mainstream. Ma la rivoluzione delle criptovalute non dipende dagli investitori al dettaglio negli Stati Uniti o in Europa.

Bitcoin diventerà maggiorenne quando (non se) una banca centrale dei mercati emergenti inizierà a distribuirlo come parte delle proprie riserve estere, e simultaneamente si separerà dall’ordine globale esistente, e lo spezzerà definitivamente.

L’attrazione principale di Bitcoin è il suo potere democratizzante: gli individui possono utilizzare le risorse digitali per liberarsi dai capricci dei responsabili delle politiche a Washington DC, Londra o Francoforte. È ora che le economie in via di sviluppo si rendano conto che lo stesso vale per loro; ma su una scala più ampia e trasformativa.

Ciò cambierebbe l’equilibrio del potere economico per il bene e farebbe per l’uguaglianza e le opportunità globali ciò che decenni di aiuti, programmi di sviluppo e prestiti del FMI non sono riusciti a fare.

Questa è una progressione naturale, forse addirittura inevitabile, per Bitcoin, la cui ascesa è stata indissolubilmente legata a crepe nel vecchio ordine (e alla sua regolamentazione) dal 2008.

Non sorprende che la maggiore diffusione di Bitcoin sia nei paesi che hanno una memoria vivente della dittatura e sono scettici nei confronti del controllo centralizzato: Cina, Venezuela e Germania.

L’economista vincitore del Premio Nobel Friedrich Von Hayek disse nel 1984:

“Non credo che avremo mai più soldi ‘buoni’ prima di togliere la cosa dalle mani dei governi … introducendo, in qualche modo astuto e indiretto, qualcosa che non possano fermare. “

Questo è esattamente ciò che sta facendo Bitcoin. È ora che i governi del sud del mondo, contro i quali si sono accumulate le disparità economiche, si uniscano alla causa.

La tipografia di Gutenberg ha democratizzato l’apprendimento. Internet ha democratizzato le informazioni. Blockchain e criptovalute stanno democratizzando la finanza.

Ma i governi che hanno più da guadagnare dalla democratizzazione finanziaria globale stanno ancora resistendo all’opportunità. Di conseguenza, siamo ancora in una situazione in cui una nazione (gli Stati Uniti) e la sua valuta (il dollaro) esercitano una quantità di potere sproporzionata nel sistema finanziario globale.

Molte economie globali, in particolare quelle emergenti, detengono così tante riserve estere in dollari da essere direttamente suscettibili dalla politica monetaria di Washington. Ad esempio, nel 2013, la Federal Reserve ha iniziato a rallentare la sua politica di allentamento quantitativo (stampa di denaro), nota come “Taper Tantrum”.

Il valore del dollaro e dei rendimenti obbligazionari degli Stati Uniti è aumentato, portando ad uno stress prolungato nei “cinque fragili” paesi più dipendenti dagli investimenti esteri: Brasile, India, Indonesia, Turchia e Sud Africa.

Mentre sempre più leader mondiali guardano ai recenti eventi negli Stati Uniti e chiedono come possono rendere le loro economie meno dipendenti da Washington, una parte della risposta dovrebbe essere Bitcoin.

Questa dipendenza ha radici profonde. Nel 1944, i delegati di 44 paesi diversi si incontrarono a Bretton Woods, nel New Hampshire, per ideare un sistema finanziario internazionale che avrebbe impedito future guerre e depressioni.

La loro risposta è stata quella di incoronare il dollaro USA come valuta di riserva mondiale, il che significa che era sostenuto dalle più grandi riserve auree del mondo. Nel 1944, in un contesto di politica e benessere del dopoguerra, il dollaro era la scelta sensata. Non è giunta l’ora di un aggiornamento, tre quarti di secolo dopo?

L’ex presidente francese Charles de Gaulle disse nel 1965:

“Riteniamo necessario che il commercio internazionale sia stabilito … su una base monetaria indiscutibile e che non rechi il marchio di alcun paese in particolare”.

Questa potrebbe essere la spinta per l’ascesa di Bitcoin.

I cripto-scettici sosterranno che il Bitcoin è troppo rischioso per le economie già fragili o in via di sviluppo su cui investire e che il “marchio” del dollaro USA è ancora più forte, per ora. Ma la ricerca suggerisce il contrario, ed è una questione di tempo prima che le percezioni raggiungano la realtà.

La banca centrale delle Barbados ha pubblicato un documento intitolato: “Le criptovalute dovrebbero essere incluse nel portafoglio delle riserve internazionali detenute dalla Banca centrale delle Barbados?” La loro risposta è stata, in una parola, sì.

Un’analisi Monte Carlo ha raggiunto conclusioni simili.

Ironia della sorte, è solo da una banca centrale dei mercati emergenti che detiene Bitcoin che può essere stabilita la sua reputazione di riserva stabile in valuta estera. È più semplicemente una questione di quale paese innescherà questo effetto domino e trarrà enormi profitti nel processo.

La disuguaglianza finanziaria è un indicatore comprovato della probabilità di conflitto, un conflitto che costa a tutti. Una ricerca di Yale ha indicato come un paese con un PIL pro capite di 250 dollari ha una probabilità del 15% di entrare in conflitto nei prossimi cinque anni; mentre, in un paese con un PIL di 1250$, le probabilità sono inferiori al 4%.

Senza la povertà intrinseca che porta un’economia legata al dollaro, potremmo creare non solo un mondo più prospero, ma anche più pacifico.

È solo una questione di tempo e di quale banchiere centrale dei mercati emergenti è pronto a rinunciare ad un sistema fondamentalmente truccato contro di loro. Ciò potrebbe creare un futuro per cui nemmeno Elon Musk è pronto.

 


Muhammed Yesilhark è Senior Advisor del gestore di asset digitali NOIA Capital e il fondatore di Q2Q Capital. Ha trascorso 14 anni nel settore degli hedge fund a Londra, gestendo asset per oltre 4 miliardi di dollari.

 

Link all’articolo originale

https://www.independent.co.uk/voices/gamestop-elon-musk-bitcoin-crypto-b1796231.html

 

Nessun commento Commenta

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Sondaggio #1-21: USD a fine anno sarà...

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+