CINA e BRIC: decoupling?

Scritto il alle 14:25 da Danilo DT

bric_world.png

Focus sul BRIC, ETF BKF e forza relativa.

 

Il BRIC (acronimo di Brasile, Russia, India e Cina) è stato per mesi il tormentone dei mercati. Tutti avrebbero scommesso che il futuro sarebbe stato con i paesi emergenti ed in particolar modo con  i paesi del BRIC protagonisti, tutti vedevano in queste economie emergenti delle potenzialità che altrove non si potevano notare, tutti credevano che il futuro era lì ed il decoupling delle economie del BRIC era una cosa fattibile.. Ma poi è arrivata la grande crisi. Recessione, effetto domino anche sulle economie strutturalmente più deboli dei Paesi emergenti e quindi forte frenata anche del BRIC.
Ma poi…

Situazione divergente

etf bkf bric 2009

ETF BKF: clicca per ingrandire (Fonte Bloomberg)

 

 

…ma poi qualcosa sta cambiando.
E quel qualcosa è ben visibile dai grafici, anche perché dagli stessi grafici è palesemente evidente un fatto. I paesi emergenti dipendono in modo incredibile dall’andamento delle materie prime (Russia in primis). Provate, ad esempio, a prendere il Grafico del petrolio  e paragonatelo a questo grafico, che rapprendente l’ETF BKF, quotato a Wall Street, che va a sintetizzare proprio le b orse dei paesi facenti parte del BRIC. E poi ditemi se non notate una certa somiglianza…

 

 

Shanghai continua la sua nuova tendenza

shanghai index 2009

Shanghai index (Fonte Bloomberg)

E sempre in questo discorso, ricade ovviamente la Cina e Shanghai (che di per sè non entra nell’indice MSCI di riferiemnto in quanto il suo posto è preso dal listino di Hong Kong). Guardate il grafico, molto vicino a quello del BRIC, e se permettete con una forze relativa addirittura maggiore.
Decoupling in corso? Impossibile dirlo ora, l’incertezza regna sovrana nelle economie “core”, figuriamoci in quelle emergenti.
Ma mi sembra abbastanza evidente che, almeno dal punto di vista grafico, le cose sembrano sorridere un po’di più ai paesi del BRIC rispetto alle altre economie.

 

 

BRIC: un po’ di storia

Del BRIC ho già parlato in passato in questo post.

 

L’acronimo BRIC, come risulta da Wikipedia, rappresenta un gruppo di paesi che condividono una grande popolazione (Russia e Brasile oltre il centinaio di milioni di abitanti, Cina e India oltre il miliardo di abitanti), un immenso territorio, abbondanti risorse naturali strategiche e, cosa più importante, sono stati caratterizzati da una forte crescita del PIL e della quota nel commercio mondiale, soprattutto nella fase iniziale del XXI secolo.
Questo termine è apparso per la prima volta nel 2003 in una relazione della banca d’investimento Goldman Sachs. La relazione suggeriva che le economie dei paesi BRIC sarebbero cresciute rapidamente, rendendo il loro PIL nel 2050 paragonabile a quello dei paesi del G6 (Stati Uniti d’America, Giappone, Regno Unito, Germania, Francia e Italia).

Oggi ovviamente molte cose sono cambiate, ma certi presupposti restano secondo me confermati. Sarà il futuro a dirti come andranno veramente le cose. Intanto prendiamo atto della forza relativa di quest’area.

 

 

STAY TUNED!

 

 

La “filosofia” di IntermarketandMore è quella di fornire ai lettori un servizio etico, indipendente e di qualità. Credo che in questo momento di grossa volatilità sia importante avere dei riferimenti con queste caratteristiche.Vi chiedo di valutare soggettivamente se questo blog merita di essere sostenuto con una donazione, un contributo che ha una grande importanza per il proseguo di questa attività. Vi invito a cliccare sul banner qui sotto. Grazie a tutti!
DT

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
Nessun commento Commenta

I commenti sono chiusi.

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

EURO: quale futuro ci attende?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+