BORSA e TRIMESTRALI USA. Arriva la FINANZA che conta

Scritto il alle 08:31 da Danilo DT

Dopo tante parole, dopo aver affrontato la finanza previsionale, dopo aver ascoltato i buoni propositi delle banche centrali, dopo esserci sorbiti i beneauguranti tweet di Trump sugli accordi commerciali con la Cina (a proposito, tutto tace?), eccoci arrivati a quello che è, secondo me, la “finanza che conta”.
Perché poi, alla fine, è inutile nascondersi dietro ad un filo d’erba.

Tutto quanto si dice e si fa, è per dare stimoli all’economia. E l’economia resta, in primis, quella della produttività.
Di conseguenza tutto può avere effetti positivi o negativi sui mercati finanziari e sulle borse. Ma poi chi comanda sono sempre loro, gli utili aziendali. E, a seconda di quelli che saranno i risultati e le previsioni (generalmente abbastanza realistiche) delle varie società quotate, si potranno “rimappare” i mercati, se ce ne sarà bisogno.
Dico “se ce ne sarà bisogno” perché nulla vieta che i mercati abbiamo già centrato le previsioni e che quindi le trimestrali non portino sostanziali novità per il trend.
Questo non lo possiamo escludere.
Come non possiamo escludere il contrario.

Oggi, lunedi 15 luglio, partiamo subito con un colosso bancario, per poi passare nei prossimi giorni ad altri “pezzi da novanta”. In queste slides ho cercato di inglobare solo le società più grandi dello Spoore per i prossimi 4 giorni.

Lunedi 15 luglio

Martedi 16 luglio

Mercoledi 17 luglio

Giovedi 18 luglio

Sono solo quattro giorni ma potrebbero già darci delle importanti indicazioni, visto che avremo già il fior fiore delle società come protagoniste delle platee e delle revisioni degli analisti.

Segnali divergenti

E se le forward guidance hanno dato molto, altrettanto stanno preoccupando alcuni indicatori. Ne metto uno su tutti (potrei citarne diversi) che sintetizzano il rallentamento in corso.
Guardate l’ISM manifatturiero confrontato con il rendimento dei bond USA a 10 y. Una logica correlazione. Scende l’indice ISM, il mercato si aspetta nuovi stimoli, e quindi scendono i tassi. La logica è quindi di correlazione diretta tra la discesa dei tassi e la caduta della crescita.
Questo però è il grafico che complica le logiche.

Un gap che si è aperto progressivamente a giugno e non si è più chiuso.
Saranno le trimestrali a cambiare le cose e a ricreare certi equilibri. Lo scopriremo solo vivendo, anche solo nei prossimi 5 giorni.

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia.
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (3 votes cast)
BORSA e TRIMESTRALI USA. Arriva la FINANZA che conta, 10.0 out of 10 based on 3 ratings
Nessun commento Commenta

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

EURO: quale futuro ci attende?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+