Big Mac Index: Euro sopravvalutato

Scritto il alle 13:13 da Danilo DT

Già diverse volte vi ho parlato del Big Mac Index, l’indice creato dal noto quotidiano economico The Economist che va a confrontare a livello mondiale i prezzi del celebre panino che ha la caratteristica di essere, ovunque nel mondo, fatto nello stesso modo.

La logica è quella della PPP, Parità Potere di Acquisto alias purchasing-power parity, ovvero che con un Dollaro USA si possa comprare, in ogni dove, lo stesso prodotto indipendentemente dal paese: ovvio che si è scelto un qualcosa di assolutamente conosciuto e che sia prodotto in loco. Ed ecco che si è scelto il celeberrimo panino Made in McDonald’s. Quindi, confrontando il costo del Big Mac a New York con quello nelle altre capitali globali, ci si rende conto (spannometricamente) dove ci sia una sopravvalutazione o meno della moneta di riferimento.

Big Mac Index: aggiornamento

indice-ppp-big-mac-index

Big Mac Index: confronto tra le varie valute

Ecco quindi l’ultimo aggiornamento del Big Mac Index. Come potete vedere la colonna “che conta” è quella all’estrema destra. E da qui risulta una palese sopravvalutazione di Real brasiliano, Franco Svizzero, delle monete scandinave e anche dell’Euro.
Guardate invece, dove si trovano le valute asiatiche, Cina in testa.

Ti è piaciuto questo articolo? Votalo su Wikio!

E CLICCA QUI per poter votare gli ultimi 3 post di I&M! DAI VISIBILITA’ ALL’INFORMAZIONE INDIPENDENTE!

STAY TUNED!

DT

Tutti I diritti riservati ©
Grafici e dati elaborati da Intermarket&more sulla database Bloomberg

NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

Sostieni I&M!
Clicca sul bottone ”DONAZIONE” qui sotto o a fianco nella colonna di destra!

Image Hosted by ImageShack.us

Seguici anche su Twitter! CLICCA QUI!

Vuoi provare il Vero Trading professionale? PROVALO GRATIS!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (6 votes cast)
Big Mac Index: Euro sopravvalutato, 10.0 out of 10 based on 6 ratings
8 commenti Commenta
amensa
Scritto il 3 febbraio 2011 at 14:20

cacchio…DT potevi parlarne senza mettere la foto in bella vista !! no ? adesso ho una voglia di big mac…

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

candlestick
Scritto il 3 febbraio 2011 at 15:08

questa bruttissima rottura dell’euro, riporterà la moneta unica a 1.3250/1.30 contro il dollaro… è stato un rialzo senza le dovute distribuzioni.. :wink:

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Vincent Vega
Scritto il 3 febbraio 2011 at 15:10

Ciao Dream.
Sono il rompi di turno :mrgreen: , qualche tempo fà è stato postato un grafico sull’inflazione in India che era a livelli ben più alti dell’Europa.
Com’è la colonna che conta per l’India?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Vincent Vega
Scritto il 3 febbraio 2011 at 15:13

….il dato precedente a quale periodo si riferisce? un’anno? un mese? un trimestre?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Scritto il 3 febbraio 2011 at 16:37

Ciao VV!
senti, se me lo trovi, cliccaci sopra e poi scrivici un commentino così io lo vedo e te locommento io… tra la valanga di post.. non so dove l’ho postato… :-(

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Vincent Vega
Scritto il 3 febbraio 2011 at 22:49

Dream Theater,

mi spiego meglio :lol:

Nella TUA tabella:

1) nella colonna “precedente” , quando è stato rilevato quel dato?
2) puoi rilevare l’ultima colonna, ovvero +/- rispetto USD per l’India?
nella tua tabella l’India manca e mi interessa quello stato perchè ha un livello di inflazione piuttosto alto rispetto al nostro

grazie

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Scritto il 3 febbraio 2011 at 23:37

Ahhhhhh ma in questo post!
Dovrebbe essre fine 2009 ma ti farò sapere meglio. :-)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

VEDO PREVEDO STRAVEDO tra 10 anni!

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+