BITCOIN: una moneta privata (opposta al sistema)

Scritto il alle 09:03 da Marco Dal Prà

Definire bitcoin non è una cosa semplice. Sulla prima criptovaluta concepita sono state spese milioni di parole, ma non ricordo di aver mai trovato una definizione generale, sintetica e alla portata di tutti. Da tecnico, quando parlo di bitcoin e di criptovalute, tendo a dare spiegazioni molto lunghe e complesse, ma mi rendo conto che questo approccio è completamente sbagliato.
L’approccio tecnico infatti è incomprensibile per tutte quelle persone che conoscono poco o per nulla l’ambito informatico.

Mi sono quindi andato a rivedere il documento con il quale bitcoin è stato presentato, quello curato dal suo presunto inventore, Satoshi Nakamoto, ma qui bitcoin viene definito semplicemente electronic cash, ossia contante elettronico, oppure electronic coin, moneta elettronica, e nulla più.
Si tratta di termini generici che non differenziano bitcoin da una carta di credito o dalle monete come l’Euro o il Dollaro, dal momento che queste sono presenti in modo “elettronico” nei conti correnti bancari, e solo una piccola parte, generalmente inferiore al 10%, viene convertita in banconote.

La definizione che cercavo andava quindi cercata altrove.

 

Un colpo di fortuna

Pochi giorni fa stavo guardando una trasmissione televisiva che spiegava bitcoin al grande pubblico, proprio per vedere come riuscivano a spiegarlo in modo semplice, quando ad un certo punto sono riuscito a cogliere uno spunto interessante.

E’ stato merito di uno dei tanti intervistati, Ferdinando Ametrano, che tra le tante cose dette se n’è uscito con una frasetta semplice e disarmante : “bitcoin è una moneta privata“.
Inizialmente non ci avevo dato tanto peso, ma poi, riguardando il servizio con più calma, mi sono reso conto che quella piccola definizione era quella che stavo cercando da tempo.

Una definizione piccola, ma che racchiude un messaggio enorme, perfino rivoluzionario, aprendo a concetti ai quali non siamo abituati.
Del resto, come dice anche la nostra costituzione all’articolo 42, “La proprietà è pubblica o privata“, pertanto, dato che le criptovalute non sono sviluppate da enti di governo ma da programmatori e appassionati, non sono certamente pubbliche ma private.
A noi tutti suona sconcertante che possa esistere una moneta privata, ma è solamente una questione culturale: siamo nati in un mondo dove le monete private non sono mai state usate, salvo quando l’uomo si serviva del baratto, e successivamente ci siamo assuefatti a quelle emesse da organi dello stato.
Questo non significa che l’economia con le valute private non possa funzionare; il problema è che i modelli economici che vengono insegnati non le prevedono.
Qualcuno rifiuta l’idea di modificare libri e teorie (soprattutto se coinvolgono interessi finanziari enormi…), ma sono avvenimenti che ciclicamente l’umanità ha incontrato, come quando Copernico ha dimostrato che al centro del sistema solare non c’è la terra ma il sole, oppure quando Cristoforo Colombo ha dimostrato che la terra non era piatta ma rotonda, e tanti altri.
Casi in cui i libri precedenti furono tutti da riscrivere.
Questa è la storia dell’umanità, dove i nuovi modelli hanno sempre sostituito le teorie precedenti.

Non possiamo negare, ad esempio, che i treni elettrici siano più efficienti di quelli a vapore perché nei libri non erano stati previsti. Oppure, per fare un altro esempio, prima del 1903 si riteneva che far volare una macchina fosse impossibile, invece i fratelli Wright hanno dimostrato il contrario.

 

La tecnologia ci cambia

L’elettronica ha cambiato radicalmente il mondo nell’arco di mezzo secolo, stravolgendo poco per volta tutti i settori. Dai sistemi di navigazione alla fotografia, dal Fax al televisore domestico, dal cruscotto dell’automobile a quello degli aeroplani.
Oggi è il turno del denaro di stato, delle banconote emesse da enti del governo, che per un problema “culturale” tutti pensavamo fossero intoccabili, se non addirittura eterne.
Invece Satoshi Nakamoto, o chi per lui, ha dimostrato che la rivoluzione digitale può intaccare anche ciò che credevamo intoccabile.
Persino la Federal Reserve di St. Louis lo ha ammesso, proprio in questi giorni : bitcoin, moneta decentrata e senza banca centrale, funziona.
Del resto non poteva che essere così, visto che il software Bitcoin sta funzionando ininterrottamente dal Gennaio 2009.

Nel 1999, in una famosa intervista reperibile anche in rete, il premio Nobel per l’Economia Milton Friedman aveva predetto che internet ci avrebbe portato anche un denaro elettronico indipendente da quello dei governi.
Allora sembrava una battuta, ma oggi questa ipotesi si è tramutata in realtà.
E’ l’ennesima rivoluzione che viene dal mondo dell’Information Technology, dalla quale abbiamo avuto il personal computer, internet e tante altre innovazioni che ora usiamo tutti i giorni.
Resistergli è assolutamente inutile: gli strumenti più rapidi, comodi ed efficienti finiscono sempre per essere preferiti rispetto a quelli che li hanno preceduti, perché le persone gradatamente ne scoprono i vantaggi.

 

Oggi e Domani

Oggi, viste le notizie che arrivano da tutto il mondo, è chiaro che le criptovalute stanno vivendo un momento con parecchi ostacoli, momento che ci si aspettava.
E’ quella fase che viene chiamata Locomotive Act, dal nome di una legge del 1865 che in Inghilterra avevano voluto i costruttori di locomotive al fine di ostacolare le nascenti automobili.
E’ lo spirito di tanti provvedimenti legislativi che sono stati annunciati in molti paesi del mondo, vedi ad esempio l’India, non per salvaguardare i cittadini, ma per proteggere i soliti noti, nel classico schema dove cercano di far approvare leggi che garantiscano i loro privilegi.
Qualcuno ci è anche riuscito, ma a mio modo di vedere le oltre 1500 criptovalute stanno facendo sentire sempre di più il loro peso, tanto che maggiori saranno gli ostacoli che verranno messi sulla loro adozione, maggiore sarà l’effetto dirompente che vedremo quando entreranno nella vita di tutti i giorni.

 

Conclusioni

L’arrivo delle criptovalute ha portato una novità imprevedibile: ha segnato la fine del monopolio delle valute stampate dalle banche centrali, che ora hanno dei concorrenti. 

Un regime di concorrenza che sta mettendo a confronto le monete pubbliche con quelle private, le valute di stato con le criptovalute.

Ora, anche per le valute, i cittadini si trovano in un libero mercato dove possono scegliere, e come avviene sempre nel libero mercato, gradualmente sceglieranno il prodotto migliore.

E chi è inefficiente e fragile uscirà di scena.

Novità sorprendenti ci aspettano.

 

 

Link Utili

Il servizio televisivo delle Iene, dove si parlava di bitcoin moneta privata : Link.

Il rapporto sulle criptovalute della FED di St. Louis : Link

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (2 votes cast)
BITCOIN: una moneta privata (opposta al sistema), 10.0 out of 10 based on 2 ratings
Tags:   |
4 commenti Commenta
perplessa
Scritto il 26 aprile 2018 at 23:14

sara poi vero che è opposta al sistema? mah. e quale sistema? quello ufficiale o quello occulto?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Scritto il 26 aprile 2018 at 23:29

perplessa@finanza,

Interessante domanda. Certamente si contrappone ai sistemi che usano, a loro vantaggio, le valute emesse dalle banche centrale.
Draghi stampa 30 Miliardi di Euro nuovi ogni mese. Io nel mio conto corrente non ho visto nulla e tu ? Presumo nemmeno. Quindi dove sono andati a finire ?
Nel sistema ufficiale o in quello occulto ?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

perplessa
Scritto il 5 maggio 2018 at 23:47

nel mio conto corrente non ho visto niente d quello che ha stampato Draghi, ma nel mio deposito titoli sì, dal momento che possedevo titoli di stato italiani che con la crisi dell’euro erano in caduta libera e poi si sono ripresi e ho potuto liberarmene senza minusvalenze. chi ne ha comprato a mani basse ai tempi della crisi avrà visto un incremento anche del suo conto corrente se li ha venduti in plusvalenza. forse non mi sono spiegata bene, il mio dubbio era un altro. e chi li conosce questi qua che hanno inventato le criptovalute?e chi me lo dice che non sono gli stessi soggetti che stanno governando le valute “ufficiali”?chi me lo dice che non sono gli stessi soggetti che hanno provocato le crisi, che hanno speculato sulle valute ufficiali o in contrario contribuito alla loro risalita?eccetera eccetera
Marco Dal Prà,

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Scritto il 6 maggio 2018 at 08:58

perplessa@finanza,

Cara Perplessa, per non essere perplessa devi reperire informazioni. Le criptovalute non sono governabili da nessuno. Sono DE-Centrate, sono software Distribuiti. Inoltre i codici sorgenti sono consultabili da chiunque, così come le operazioni che avvengono, Non c’è nessun segreto, i “bonifici” di Bitcoin sono visibili come in una bacheca pubblica. L’esatto opposto del mondo bancario, che finora sta facendo tutto il possibile per ostacolarle.
Il motivo è fin troppo ovvio. Molte banche, se le criptovalute diverranno d’uso comune, dovranno chiudere i battenti. Le carte di credito non serviranno più.

Hanno inventato il treno, inutile vendere ancora ferri di cavallo.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

VEDO PREVEDO STRAVEDO tra 10 anni!

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Per informazioni, contatti, proteste, idee e quant'altro.... contattatemi !

Image Hosted by ImageShack.us

intermarketandmore@gmail.com

Google+