TRENDS: la grande bolla speculativa

Scritto il alle 23:48 da Danilo DT

Questa settimana il video di TRENDS torna a parlare di intermarket e soprattutto di grafici e mercati. Ma non solo. Si spiegherà che cosa sta accadendo, i motivi di questo rimbalzo e soprattutto, cosa possiamo aspettarci per le prossime sedute
Il video è stato inviato agli amici del blog.
Nel frattempo qui sotto potete vedere un estratto dal TRENDS di qualche mese fa.



STAY TUNED!

DT

Ti è piaciuto questo post? Clicca su Mi Piace” qui in basso a sinistra!

Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su database Bloomberg | NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!) | Vuoi provare il Vero Trading professionale? PROVALO GRATIS! |
Seguici anche su Twitter! CLICCA QUI! |

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
7 commenti Commenta
matteo.bldn
Scritto il 20 ottobre 2011 at 09:14

Buongiorno,
non ho capito come vedere o dove andare, per vedere il video completo.

Grazie

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

daino
Scritto il 20 ottobre 2011 at 11:18

Dream, questo video è interessantissimo, potrebbe vincere la “Pellicola D’ ORO”.
Vedremo cosa ci riserva il futuro, ma in base hai dati che c’hai fatto vedere, anche a questo giro la borsa potrebbe lasciarci a bocca aperta!!!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Scritto il 20 ottobre 2011 at 12:16

daino,
Pesnavo infatti di presentarlo al Festival di Cannes, visto che parlo anche di “droghe varie”…:mrgreen:
Cmq grazie. Mi fa piacere che sia piaciuto, e credo che l’argomento trattao possa diventare potenzialmente “destabilizzante”… :wink:

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

7voice
Scritto il 20 ottobre 2011 at 13:13

l’hai mandato agli amici del blog ??? io veramentre mi consideravo tuo amico ? allora sbagliavo ,infatti non ho ricevuto nemmeno tozzo di pane ! :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Scritto il 20 ottobre 2011 at 13:15

7voice@finanza,

Ok, allora ti mando un tozzo di pane!!! :mrgreen:

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

lampo
Scritto il 20 ottobre 2011 at 15:51

DT anche se tendenzialmente sono d’accordo in via teorica sulla possibilità espressa nel video sulla direzione che possano prendere in mercati, dissendo in linea “pratica”, almeno inizialmente, sul fatto che realmente succeda.

Alcune motivazioni:
1) negli USA, quando è partito il QE le banche a livello di capitalizzazione (core tier 1 per intenderci) stavano meglio delle nostre banche europee… e quindi avevano la possibilità, nel giro di breve termine di poteri utilizzare parte dei soldi ottenuti per impieghi speculativi che possano portare i loro bilanci in ordine (sono ancora dubbioso sul fatto che siano in ordine… ma questo è un altro discorso);
2) le banche USA che hanno percepito la maggior parte dei lauti introiti provenienti dai vari QE sono banche d’affari, che quindi si occupano per mestiere di speculazione… e moltiplicazione dei valori dei loro assets (tramite leva finanziaria e tutte le altre diavolerie che hanno inventato), mentre in Europa molte banche che verranno ricapitalizzate… hanno veramente bisogno di cassa per coprire parte delle svalutazione che dovrebbero portare a bilancio (Grecia, Irlanda, ecc. oltre ai crediti incagliati ed inesigibili… vedi caso italiano del record di 100 miliardi di euro);
3) la dimensione della realtà bancaria europea, almeno quella che dovrebbe ricevere gli aiuti, è più frammentata rispetto alla realtà USA;
4) negli USA hanno un’unione monetaria, fiscale e “bancaria”, che in Europa invece è, di fatto, solo rappresentata dalla moneta di un euro (che tra l’altro è stata suddivisa in due componenti diversi… neanche a farlo apposta :mrgreen: ), quindi di fatto abbiamo una regolamentazione degli strumenti finanziari un po frammentaria, compresi i vari livelli di tassazione.

Quindi prospetto, che almeno inizialmente, gli aiuti andranno a coprire reali buchi di bilancio (svalutazioni) per avere una capitalizzazione più consona al rischio dei mercati finanziari attuale (basterà?) e quindi un core ratio maggiore, simile a quello di molte banche USA oggi.

Certo che se continuano ancora così a tentennare, tra dichiarazioni e controdichiarazioni i nostri eurocrati perderanno di nuovo il treno, e l’EFSF non basterà neanche per coprire i fallimenti bancati che avverranno con effetto domino… appena la sfiducia, dovuta alla situazione economica reale, di mercato, apparirà con tutti i suoi effetti virulenti e devastanti.

Quindi, dipenderà molto dalla politica.

Perché nella mia affermazione iniziale, sostenevo, almeno inizialmente.
Perché può sempre succede che l’EFSF spinga molte grosse banche che riceveranno gli aiuti a copiare il comportamento delle principali banche d’affari statunitensi… impiegandoli come sostenevi nel video di trends, in maniera equivalente a quanto avvenuto negli USA.

Anche in questo caso però, non sono sicuro delle ripercussioni da te ipotizzate in borsa… visto che gli investitori europei sono, tendenzialmente, più prudenti rispetto a quelli Usa che hanno una cultura finanziaria più vasta della nostra, per cui sono “abituati” a tentare di avere una porzione di entrate o di pensione (e quindi di ricchezza), dipendente dai mercati finanziari.

Ma ovviamente è solo il mio punto di vista e potrei sbagliarmi :wink:

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Scritto il 20 ottobre 2011 at 16:03

Pubblicato l’eccellente post di Lampo!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Euro o non Euro....questo è il problema?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+