THE TRENDER: CHIUSURA ANNO 2008

Scritto il alle 11:55 da Danilo DT

005nyc_wallstreet.jpg

Buongiorno amici lettori!

 

Con l’operazione di venerdi, il mio piccolo trading system sullo S&P 500 chiude ufficialmente l’esercizio 2008.

 

Innanzitutto una premessa. The Trender non è partito a gennaio, bensì dopo, molto dopo… a gingno! Ma facciamo finta di niente… Questo per dirvi che la performance di The Trender sarebbe quindi superiore di quella che ora andrò ad illustrarvi. Ma io credo che riuscire a portare a casa una performance del genere, in un anno così difficile, non è poi così malaccio.

 

I vari trades sono sempre stati documentati e spiegati, questo per poter dimostrare l’efficacia e la reale operatività di questo trading system.

Ora si è chiuso il 2008, anno nuovo, Trender nuovo. Si riparte da zero. La posizione attuale è quindi FLAT. In attesa di riprendere posizione, andiamo a vedere come è andato il 2008…

 

 

BATTUTO L’INDICE S&P 500 DEL 50 %!

 

Non credo sia necesario intervenire con giri di parole astrusi. I fatti parlano da soli.

 

Il 2008 si è chiuso con una performance del 15.88 % (che su base annuale porta quindi, essendo partito verso la metà di giugno, ad un 30%), battendo l’indice S&P 500 di circa il 50%.

Sarà tanto? Sarà poco? A me non sembra malaccio… Dite voi….

 

RISULTATI TRADING SYSTEM THE TRENDER 2008 10-01-2009

 

Per poter visualizzare THE TRENDER cliccate sull’icona qui sotto oppure nella pagina dedicata cliccando sulla scritta in alto “The Trender”.

 

trend2.jpg

 

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
THE TRENDER: CHIUSURA ANNO 2008, 10.0 out of 10 based on 1 rating
Nessun commento Commenta

I commenti sono chiusi.

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

BCE: che ne sarà dei bond acquistati con il QE?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+