La nuova FED: the big straddle theory

Scritto il alle 23:55 da Danilo DT

 

BOOM. Mercati euforici questa sera. Il merito sembra tutto della FED. Beh, cosa è successo nel primo meeting FED 2019 non è assolutamente nulla di nuovo, in quanto il buon Jerome Powell non ha fatto altro che confermare la new guidance che ci ha illustrato proprio a fine anno. Quella forward guidance che poi ha generato il grande rimbalzo che oggi continua SOPRATTUTTO grazie ad un ritorno di fiducia e anche grazie a delle trimestrali meno peggiori delle attese.
E la fiducia è alimentata senza dubbio dalla FED che nel giro di un mese ha cambiato atteggiamento e Powell si è Yellenizzato.
Quindi tornando a stasera, FED che conferma la “nuova via” e NON rialza i tassi. Per i mercati è la conferma che Powell non stava bleffando.

(…) Nella sua prima riunione del 2018, la banca centrale americana ha lasciato i tassi invariati al 2,25-2,5% e ha ribadito che sarà “paziente” nel ritoccare il costo del denaro. Per questo gli investitori hanno brindato spingendo il Dow Jones Industrial Average sopra i 25mila punti per la prima volta in due mesi. Solo a dicembre – quando aveva annunciato la quarta stretta del 2018 – la Fed aveva detto di prevedere due aumenti dei tassi nel 2019 ma il mercato, come allora, ne mette in conto a malapena uno. (…) [Source] 

Quindi adesso Jerome Powell sarà super flessibile. Sia sui tassi e SOPRATTUTTO sul bilancio.

(…) “Nessuna decisione è stata ancora presa” ma “alcuni cambiamenti potrebbero essere necessari”, ha ribadito Powell; la banca centrale Usa sta pensando di mettere fine alla normalizzazione del suo bilancio prima del previsto, lasciandolo più ampio di quanto stimato in passato. Il successore di Janet Yellen non ha voluto dare numeri sul valore ideale del bilancio stesso ma ha aggiunto che le stime del mercato “in generale” sono in linea alle sue. L’attesa è che si scenda a 3.500 miliardi di dollari dagli attuali 4.000 miliardi contro i 4.500 miliardi massimi raggiunti dopo la crisi. (…)

Quindi i mercati possono stare tranquilli. Le Banche Centrali, tutte, in concerto, continueranno a sostenere per quanto possibile i mercati finanziari, tutte unite contro il rallentamento e le sirene della recessione.

Per spiegare meglio il nuovo atteggiamento della FED (e delle banche centrali) ho trovato molto interessante una definizione apparsa su TheStreet un paio di giorni fa.

(…) “This situation is one big straddle,” said Lillian Seidman, half of the Seidman-Skupp options team at Miller Tabak. “Either you’re very right or very wrong. Either there’s a big surprise and the Fed raises rates much more than we think this year, and the market corrects, or the other way around. Why would you make a big bet today and have to sweat it out until then?”
Kyle Rosen of Rosen Capital Management in Los Angeles runs an options-focused hedge fund, and he expects an upward bias to the market to come later this week. But “in advance of it, I’m not doing anything. It’s the end of the quarter, new money will be coming into the market on July 1. (…) [Source] 

BELLISSIMA definizione. ”“The one big straddle”, proprio come nella strategia delle opzioni, uno straddle che va a cambiare la definizione di Fed Put, ovvero una Fed che interviene quando la situazione diventa drammatica. Invece questa volta la Fed diventa un equilibratore. Quando i mercati salgono troppo e si surriscaldano, quando l’inflazione diventa pericolosa, quando (notate bene) i rendimenti reali salgono oltre l’1%, la FED interviene anche solo a parole e raffredderà i mercati. E quando invece la situazione si farà complicata, torna ad essere propositiva. L’obiettivo? Sempre quello che vi sto spiegando da non so quanto tempo. L’obiettivo è mantenere lo STATUS QUO. Un mondo economico finanziario che mira ad una crescita che sarà anche più bassa ma meno volatile. Un appiattimento della situazione che almeno tende a garantire maggiore stabilità ad un mondo oberrato dal debito.

Ricordate la debt deflation? Forse ve ne ho già parlato?

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia.
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.8/10 (4 votes cast)
La nuova FED: the big straddle theory, 9.8 out of 10 based on 4 ratings
Nessun commento Commenta

I commenti sono chiusi.

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

BCE: che ne sarà dei bond acquistati con il QE?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+