LA CRISI FINANZIARIA secondo Heidi

Scritto il alle 16:32 da Danilo DT

birra_heidi

Cosa c’entrano gli ubriachi coi mutui subprime sulla casa?

Qualche giorno fa, l’amico anonimocds mi ha mandato un’email che, all’inizio, credevo una barzelletta, ma poi, leggendola a fondo, l’ho trovata un chiaro e simpatico modo per spiegare a tutti, in particolar modo, ai meno addetti ai lavori, come si è generata la crisi subprime che a sua volta ha scatenato il tracollo delle banche e dei mercati finanziari.

Le cose realmente accadute e le alchimie utilizzate dal sistema finanziario sono in verità molto più complesse , anche perché hanno poi avuto una loro evoluzione. Ma come base di partenza, ritengo comunque valido il simpatico paragone tra il bar di Heidi e la realtà delle cartolarizzazioni dei mutui. Ovviamente un ringraziamento ad anonimocds per la bella storielle, che vedrete pubblicata qui sotto.

 

Heidi è la proprietaria di un bar a Berlino. Per incrementare le vendite, decide di offrire ai clienti – per la maggior parte ubriaconi perdigiorno – la possibilità di bere pagando in seguito. Tiene i conti su un taccuino, concedendo in pratica agli avventori un mutuo subprime. Quando la voce si sparge, i clienti affollano il bar di Heidi.

Le vendite esplodono. Approfittando della libertà dei clienti di pagare con comodo, Heidi aumenta il prezzo per vino e birra, le bevande più richieste. I suoi profitti crescono. Un giovane e dinamico consulente della banca locale si accorge che i debiti degli avventori sono una garanzia per il futuro, e così aumenta il credito di Heidi presso la banca. Non ha ragioni per preoccuparsi, dato che vede i debiti degli alcolisti come garanzia collaterale. Nella direzione generale della banca, esperti di finanza trasformano gli asset del cliente in Bevibonds, Alcoolbonds e Vomitbonds. I bonds sono poi piazzati sul mercato globale. Nessuno capisce cosa significhino i nomi, o come i bonds siano garantiti. In ogni caso, il prezzo continua a salire e si vendono alla grande.
Un bel giorno, malgrado il prezzo sia ancora in salita, un manager del credit-risk della banca (che viene poi licenziato perché pessimista) decide che è ora di richiedere il pagamento dei debiti contratti dai beoni al bar di Heidi.
Ma loro non possono pagare.
Heidi non riesce a ripagare il suo debito bancario e fa bancarotta. I Bevibonds e gli Alcoolbonds crollano del 95%. I Vomitbonds hanno una migliore performance, e si stabilizzano dopo una perdita dell’80%. I fornitori di Heidi, che le avevano garantito pagamenti posticipati, e avevano investito nei bonds, si trovano davanti ad un disastro. Il fornitore di vino fallisce, quello della birra viene acquistato da un concorrente.
La banca, invece, viene salvata dal governo dopo frenetiche consultazioni dei leader dei vari partiti, e i fondi necessari per l’operazione di salvataggio reperiti grazie ad una nuova tassa pagata dagli astemi.

 

STAY TUNED !

Sostieni I&M! Clicca sul bottone ”DONAZIONE” qui a fianco nella colonna di destra!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
Tags:   |
Nessun commento Commenta

I commenti sono chiusi.

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Euro o non Euro....questo è il problema?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+