INFLAZIONE: ovvero la TASSA OCCULTA più iniqua

Scritto il alle 07:41 da Danilo DT

Per molti contribuenti italiani si avvicina il momento della dichiarazione dei redditi. Già il clima è caldo di suo, con le scadenze fiscali la temperatura aumenta ulteriormente.
La solita CGIA di Mestre ha fatto i suoi calcoli dai quali risulta che la pressione fiscale è stata calcolata al 43,1%, una delle più alte nel panorama europeo. Certo, è una media ma rappresenta bene il fatto che almeno la metà di quanto guadagniamo finisce in imposte.

A queste imposte tradizionali dobbiamo però aggiungerne un’altra, che per anni è stata dormiente visto che eravamo in disinflazione ma che oggi è drammaticamente di moda.
E la cosa grave è che la paghiamo tutti ogni giorno, senza averne piena consapevolezza. È ovviamente l’inflazione, che da mesi sta crescendo a vista d’occhio. Essa indebolisce il potere di acquisto di stipendi e pensioni, soprattutto di chi guadagna di meno, perché chi ha già poco, avrà ancora meno a disposizione e quindi la subisce ancora di più.

Quindi è una “tassa” occulta e iniqua e quindi molto pericolosa. Ma non mi sembra che al momento si stia facendo molto per difendere i cittadini. Non ho putroppo dati sull’Italia ma quelli che arrivano dagli USA, con tasso inflazione simile al nostro, possono essere usati come modello.

La nota casa Moody’s ha provato a capire quanto impatta sull’americano medio l’inflazione quasi galoppante che stiamo vedendo. Ecco il risultato.

Si tratta di circa 460 $ di tasse occulte che l’americano mediamente deve “versare” al nuovo erario inflattivo ogni MESE. Immaginate l’impatto che questa cifra può avere sui salali più bassi e l’effetto anche sui consumi e sui risparmi. Possibile che questi aspetti siano ancora sottovalutati dal sistema? Oppure si cerca di ignorarli fino a quando non sarà possibile negare l’evidenza?

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se sei interessato agli argomenti qui espressi e vorresti approfondirli, contattami!
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)
(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!).

Tags:   |
Nessun commento Commenta

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Sondaggio #5-21: WTI crude oil a fine anno (base 50$/bar)

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+