FTSE 100 ai massimi. E la Brexit è stata una festa!

Scritto il alle 11:11 da Danilo DT

brexit-conseguenze-effetti

Quando si analizza un mercato, bisogna sempre ricordare quali sono gli elementi che lo compongono.
In questi giorni si parla molto della Brexit e degli effetti minimi che avrebbe avuto sull’economia inglese. Mi sorprende non poco il fatto che molte persone continuino a non capire che, in realtà, la Brexit è solo sulla carta ed il lungo ed impervio processo di uscita non è nemmeno iniziato. Quindi come si può dire che la Brexit è stato un successo?
Ah…certo, il FTSE 100, il listino azionario inglese, è ai massimi. Segno che quindi tutto va bene e le prospettive sono splendide…
Diamo a Cesare quello che è di Cesare ed alla Brexit quello che essa comporta.

Che il FTSE 100 sia ai massimi è vero, ma è altrettanto vero che la sterlina inglese è ai minimi. Questo significa quindi che l’investitore dell’Eurozona si ritrova con una minus in portafoglio se aveva comprato il giorno prima del referendum. Eccovi la dimostrazione.

Grafico FTSE 100 vs EURGBP

FTSE-EURGBP

Potete vedere che sale la borsa ma…sale anche l’Euro contro il GBP. Quindi sulla carta il FTSE 100 va alla grande ma se andiamo a togliere l’effetto cambio ecco il risultato. Questa è la minus che si avrebbe se avessimo investito il giorno del referendum.

FTSE 100 in Euro

FTSE-UK-100-IN-EUR

Quindi a conti fatti, siamo così certi che gli effetti di una Brexit che al momento non è ancora partita, siano già vincenti?

Anzi, secondo Oliver Wyman le cose sono ben diverse. L’analista inglese facente parte dello staff di TheCityUK ha recentemente rilasciato un report dove calcola in circa 52 miliardi di dollari la perdita in conto ricavi per le banche e i servizi finanziari della City, settore chiave per l’economia britannica (che oramai è basata sul terziario).
E questi 52 miliardi di USD sono così trascurabili? Senza poi dimenticare che, sempre secondo questo report 70.000 posti di lavoro rischiano di saltare sempre nel settore del credito. Inoltre il Tesoro UK si ritroverà automaticamente con introiti fiscali diminuiti pari a circa 12,7 miliardi di dollari.

sterlina-inglese-minimi-2011

BREXIT: hard o soft?

E’ chiaro che questi numeri sono ben noti al Governo (ma forse non a tutti i risparmiatori e cittadini di UK e non solo) ed ovviamente faranno il possibile per evitare che questi numeri diventino realtà, ma non farà semplice riuscire a limitare questi effetti negativi.

Sempre secondo questo report, la City fattura ogni anno tra i 240 e i 260 miliardi di dollari, dà lavoro a 1,1 milioni di persone e paga dai 76 agli 85 miliardi di tasse l’anno.
L’unica cosa che potrebbe succedere, per evitare questo tracollo, sarebbe la soluzione “soft”: Gran Bretagna che uscirà dal Mercato comune europeo ma continuerà a mantenere una forma di accesso al mercato unico, in un modo simile a oggi. In tal caso gli effetti sarebbero molto meno invasivi (ma non si tratterebbe di vera Brexit!).
Se invece l’approccio sarà “hard“, i numeri rischiano di essere quelli sopra presentati.

Ovviamente i pareri sull’argomento sono discordanti, proprio perchè nessuno può quantificare con certezza gli effetti della Brexit sia perchè nell’effettivo non è ancora partita e sia perchè nessuno ha ancora capito quale sarà la strada presa: quella Hard o Soft. Dato per scontato che solo l’autolesionismo porterebbe la Gran Bretagna alla strada HARD, l’ipotesi soft ci farebbe ritrovare con una Brexit molto più morbida. Ma ripeto, non sarebbe la Brexit che tanto sta ispirando i No Euro di tutta Europa che vorrebbero anche loro uscire dal sistema.

brexit-eurozona
Certo è che l’Ultra Conservatorismo della May non renderà facile una rottura molto soft. Autolesionismo inglese? Orgoglio infinito di stampo anglosassone? Di certo un elemento deleterio per il luno periodo che tende ad isolare ulteriormente la Gran Bretagna. Ok, può starmi bene tutto, però ci si dimentica che l’UK vive e cresce grazie proprio al suo taglio internazionale. Tanti auguri, amici inglesi..

(…) May ha un disegno ben chiaro in testa. Il governo forte serve per controbilanciare le ingiustizie, per fare il «bene di tutti, di quegli ordinary people» che sono la «working class» ormai abbandonata, è la tesi, dai laburisti e che trova riparo nella retorica strampalata e semplicista dello Ukip. (…) «Lo Stato esiste per procurare agli individui, alle comunità e al mercato ciò che questi non possono raggiungere da soli. Noi dobbiamo semplicemente usare la forza del governo per il bene delle persone». (Source)

Riproduzione riservata

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se non ce l’hai o se non ti fidi più di lui,contattami via email (intermarketandmore@gmail.com). NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (9 votes cast)
FTSE 100 ai massimi. E la Brexit è stata una festa!, 10.0 out of 10 based on 9 ratings
2 commenti Commenta
zazen
Scritto il 6 ottobre 2016 at 12:25

l’ftse100 in euro ha perso il 3,21% dal 23 giugno
quindi non ha niente da festeggiare
però mi sembra che il ftsemib dal 23 giugno abbia perso più del doppio
quindi chi rimane dentro ha da festeggiare
molto meno

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 8 votes)

x_maurizio
Scritto il 6 ottobre 2016 at 20:37

Piccola annotazione: i britannici , del FTSE in Euro se ne strasbattono.
Chi aveva pounds oggi ha più pounds. Il vino italiano e il formaggio francese e l’abito di Hugo-Boss gli costeranno un 10% in più? Fate un po’ voi: 10% su 100.000 GBP investite e 10% di spesa in più su 2000 GBP (tra vino formaggio e abito).
Voi che cosa scegliereste?
Se dite ” l’Euro ” allora mi arrendo, perché ormai nemmeno l’evidenza funziona più.
Viceversa, il balengo continentale con l’Euro ha perso il 3,21 % da dopo la BREXIT

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: -4 (from 6 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Come vorresti I&M?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+