Franco svizzero: guerra tra speculatori e Banca Centrale

Scritto il alle 11:03 da Danilo DT

Ormai la volatilità colpisce non solo i mercati azionari o le commodity, ma anche il valutario ovvero il forex.
La crisi dell’Eurozona porta molti investitori a ricercare delle valute alternative, che fungono da “bene rifugio”.
Tradizionalmente il Franco Svizzero (CHF) è sempre stato un porto sicuro per l’investitore e per lo speculatore che cerca la solidità. Condizione che però ha portato il Franco Svizzero ad una rivalutazione assolutamente inaccettabile per la banca centrale (SNB) rendendo impossibili anche le transazioni commerciali con l’estero per le imprese svizzere. E allora… è intervenuta direttamente la banca centrale, con un programma di blocco del cambio.
Si è insomma deciso di “inchiodare” il Franco Svizzero all’Euro e di evitare in qualsiasi modo una rivalutazione oltre l’area 1.20.
Il grafico mette in evidenza l’impegno preso.

Grafico EUR CHF

Ma questo impegno ha anche un costo.
Infatti la SNB per mantenere l’impegno è obbligata ad impegnare un bel po’ di soldini. E in questo mercato “fly to quality” e “risk off” capite benissimo che la pressione aumenta considerevolmente, tanto che gira voce di un possibile “abbandono” del progetto da parte della SNB. Questo comporterebbe quindi il rischio di ritrovarsi con un CHF in preda alla speculazione ed un rischio di ritorno in area 1 vs Eur.

In realtà, da un’indagine di Barclays, risulta che gli operatori si aspettano per i prossimi mesi un mantenimento del piano senza scossoni particolari. Ma la SNB se lo può permettere?
Impossibile dare una risposta. Ho letto veramente di tutto sul CHF, anche sui comportamenti della SNB. Addirittura sembra che ultimamente la stessa abbia venduto vagonate di Euro, sbarazzandosi di una moneta scomoda, e magari mettendosi in tranquillità per future operazioni di difesa.
Non ci resta che attendere l’evoluzione della situazione.

EUR/CHF under pressure after IMF’s advice – though not in the quantum of its move given SNB bids at 1.2000-10. Could see pressure mounting on EUR/CHF bid at 1.2000, and more huge stoploss below 1.1995 and beyond. IMF said CHF cap appropriate for now, but called on SNB/Swiss authorities to return to floating FX once inflation (deflation) and growth stabilises. So some pressure for SNB to scrap the 1.20 EUR/CHF peg and let markets forces decide (buy) CHF. (4cast)

L’idea però di ritrovarsi con un CHF in mano alla speculazione mi preoccupa non poco. Potrebbe essere destabilizzante per l’economia e per dinamiche monetarie della stessa Svizzera e quindi ritengo logico un comportamento il più possibile coerente con il progetto intrapreso. E se poi il progetto verrà abbandonato, significa che la SNB non ha potuto più sostenere il confronto con la speculazione, che potenzialmente ha armi inimmaginabili.

Sostieni I&M. il tuo contributo è fondamentale per la continuazione di questo progetto!

STAY TUNED!

DT

Non sai come comportarti coi tuoi investimenti? BUTTA UN OCCHIO QUI | Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su database Bloomberg Professional | NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 7.8/10 (5 votes cast)
Franco svizzero: guerra tra speculatori e Banca Centrale, 7.8 out of 10 based on 5 ratings
4 commenti Commenta
ottofranz
Scritto il 10 maggio 2012 at 13:50

E’vero che la svizzera ha modo di far fronte per contenere la discesa.

Ma le conviene?

Sprecherebbe solo un sacco di soldi con il rischio di non farcela. Quindi potrebbe essere più efficace abbozzare un tentativo,e lasciare la speculazione arrivare fino quasi alla parità per poi sostenere con forza. ?

E’probabile che la speculazione prenderebbe la palla al balzo per ripercorrere al contrario la strada dando in questo modo un aiuto al ripristino della situazione.

Vero che sarebbe un giochino pericoloso perchè passerebbe il miele sulle labbra e farebbe venire la voglia di ripeterlo, ma alla fin fine forse sarebbe il male minore.

In realtà il calciare la palla un po’ più avanti sta comunque diventando un costo molto alto.

Potrebbe essere verosimile pensare che gli svizzeri lascino scendere sotto la soglia di 1,20 per poi riprendere il timone intorno alla parità?

Lo vedo come quel nuotatore che il mare porta al largo. A contrastare la corrente si annega, aspettare l’onda e farsi aiutare può voler dire la salvezza

n’ est ce pas ?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

    Scritto il 10 maggio 2012 at 16:48

    Credo sia veramente difficile poter rispondere a queste tue domande.
    Tutte sono assolutamente difendibili e tutte sono legate da dinamiche molto complesse.
    Brutto dirlo ma…lo scopriremo solo vivendo. E stai pur certo che se mollano area 1.20…lo capiremo subito!
    Però, al momento direi visibile al volontà di mantenere l’impegno. Fino a prova contraria.
    Per es. se la Grecia esce dall’Euro e lo comunicano stasera…quanto dovrà scucire la SNB? Ecco, quello sarà il super test…

    VN:F [1.9.20_1166]
    Rating: 0 (from 0 votes)

kry
Scritto il 10 maggio 2012 at 18:32

E’ un caso che il versamento da 4,2 miliardi garantisce la Grecia fino a fine giugno? Hanno trattenuto 1 miliardo perchè la data probabile dell’uscita è DOMENICA 1 LUGLIO.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

lampo
Scritto il 10 maggio 2012 at 18:43

Non credo che manterranno a lungo questo rapporto di cambio:
http://www.businessweek.com/news/2012-05-08/statement-by-the-imf-mission-to-switzerland-text

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

EURO: quale futuro ci attende?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+